verona
martedì, 21 novembre 2017
Cerca          cerca documenti
 OggiOggi  NotizieNotizie  StoriaStoria    Archivio Archivio  GRUPPO SPORTIVOGRUPPO SPORTIVO  FotoFoto  ChatChat  <font color=red>Caselle</font>Caselle
Archivio

Documenti Documenti
Manuale per la Chiesa di S.Giorgio martire di Tarmassia 1870 Manuale per la Chiesa di S.Giorgio martire di Tarmassia 1870
Visite pastorali Visite pastorali
Testamenti Testamenti
Archivio Parrocchiale Archivio Parrocchiale
Libri Libri
Giornali Giornali
Giornali 2 Giornali 2
Filastrocche Filastrocche
Cartografia 2 Cartografia 2
alberi genealogici alberi genealogici
Racconti, leggende Racconti, leggende
Archeologia Archeologia
Cartografia Cartografia
Poesia, Teatro Poesia, Teatro
Glossario Glossario
Dei Vicariati di Talmassia e Campolongo Dei Vicariati di Talmassia e Campolongo
Delibere di Giunta Delibere di Giunta
Siti web Siti web

Ultime dal muro...
muro Foto Tarmassia Calcio 1999-2000
di F.G. - 17:55 (09/01/2017)
Buonasera, sto cercando foto relative al Tarmassia calcio della stagione 1999-2000 o forse 1998-99. L'annata dei ragazzi era 1989 categoria pulcini. Sarei grato a chi me le inviasse. a: info@tarmassia.it Cordiali saluti.
muro wipiyior
di Johne52 - 09:55 (27/09/2016)
Wow! This could be one particular of the most useful blogs We've ever arrive across on this subject. Actually Excellent. I'm also an expert in this topic so I can understand your hard work. fegdbdagfdeb
muro SOS foto sagra
di Stefano - 22:09 (29/06/2016)
Stiamo cercando foto della sagra di Tarmassia (anni '60-'70-'80-'90) per una mostra a settembre. Saremo grati a chi ce le inviasse a: info@tarmassia.it. Grazie!
archivio storico Scrivi sul muro!
Utenti collegati
Stanno visitando il sito 90 utenti
tarmassia.it

Breve storia sull'illustre cittadino veronese

Gian Matteo Giberti, vescovo di Verona

ToL


Cardinale e vescovo di Verona, figlio naturale di Francesco Giberti, un capitano navale di Genova. Nato a Palermo nel 1495; morto a Verona, il 30 dicembre 1543. Nel 1513 fu ammesso alla famiglia del cardinale Giulio de’ Medici ed apprese così velocemente il Latino e il Greco che presto divenne un membro eminente dell’”Accademia Romana". Successivamente fu nominato alla segretaria del cardinale e Leone X, con il quale ebbe rapporti politici, lo stimò altamente per i suoi pareri e il suo consiglio. Nel 1521 era capo ambasciata con la delegazione di Carlo V. Usò la sua grande influenza presso il papa per proteggere ed aiutare i letterati. Le intelligenze migliori vennero a contatto con la sua casa. Condusse una vita rigidamente religiosa ed fu un membro del Sodalitium Divini Amoris di san Gaetano e cardinal Caraffa. Dopo la sua ordinazione sacerdotale e la morte di Leone X, fu mandato dal Cardinal Giulio, suo patrono, in missione da Carlo V ed tornò a Roma con il nuovo papa, Adriano VI. Clemente VII subito dopo la sua elezione lo fece Datario (1523) e nel 1524, su richiesta del Doge di Venezia, fu nominato vescovo di Verona. Essendo obbligato, contro la sua volontà, a rimanere a Roma, si fece rappresentare a Verona da un vicario generale molto zelante. Giberti fu scelto membro del Comitato di Riforma decretato dal quinto Concilio Laterano, ma gli eventi politici presto posero termine a questi lavori. A Pavia (1525) tentò di ristabilire la pace fra Francesco I e Carlo V. Era lì pronto quando Clemente VII espose la causa della Francia; la Lega del Cognac (22 maggio, 1526) fu opera sua. Dopo il Sacco di Roma (1527) fu minacciato dagli Imperialisti; catturato come ostaggio, fu messo in prigione e fuggì la morte per poco. Riuscì a fuggire e andò a Verona (1528) dove intese dedicarsi interamente alla sua diocesi. Era fatto per la politica, tanto più che il papa aveva vinto la causa imperiale. Tuttavia, andò poche volte in Curia. Paolo III lo richiamò a Roma per il lavoro del Comitato di Riforma; tra le altre missioni, fu mandato a Trento per preparare il Concilio. I suoi sforzi per riformare la sua diocesi, il cui clero era in una condizione deplorevole, fu coronato con un successo inaspettato. Grazie a lui, le riforme Tridentine furono messe in vigore molto prima del Concilio. S.Carlo Borromeo, prima di prendere la carica di Milano, desiderò studiare il sistema del Giberti a Verona ed scelse come suo vicario generale un prete di Verona addestrato alla scuola del Giberti. Il suo primo obiettivo fu quello di migliorare il livello culturale ecclesiastico. Nel suo stesso palazzo installò una stamperia che produsse molte edizioni splendide dei padri greci, dei cui scritti era molto istruito. Riformò la scuola di canto di Verona che lungamente era stata famosa; per l'istruzione dei giovani aveva stampato il catechismo conosciuto come "I Dialoghi", il lavoro di Tullio Crispoldi (Roma, 1539). A Verona, inoltre, raccolse intorno lui un gruppo di uomini istruiti per assisterlo nei suoi sforzi di riforma. Le sue opere complete sono state pubblicate dagli eruditi e famosi Pietro e Girolamo Ballerini ("Constitutiones Gibertinae ", "Costituzioni per le Monache", " Monitiones Generales", "Edicta Selecta", "Lettere Scelte", ecc., Verona, 1733, 1740), insieme ad un'appendice che contiene la storia della sua vita, un " Dissertatio de restitutâ ante concilium Tridentinum per Jo. Matth. Giberti ecclesiasticâ disciplina "e due panegirici, uno in Latino di Fumani, l'altro in italiano di Castiglione.
A cura di ToL Le informazioni sono state estrapolate dall'Enciclopedia Cattolica.


Torna indietro

Copyright © 2002 Credits. Tutti i diritti sono riservati.