verona
sabato, 18 novembre 2017
Cerca          cerca documenti
 OggiOggi  NotizieNotizie    Storia Storia  ArchivioArchivio  GRUPPO SPORTIVOGRUPPO SPORTIVO  FotoFoto  ChatChat  <font color=red>Caselle</font>Caselle
Storia

Parrocchiale di S.Giorgio Parrocchiale di S.Giorgio
Politica e società Politica e società
Compagnie laicali Compagnie laicali
Patronato S.Giorgio (teatro) Patronato S.Giorgio (teatro)
Cappella di S.Agata in Campolongo Cappella di S.Agata in Campolongo
Cappella di S.Maria Madre di Dio al Bosco Cappella di S.Maria Madre di Dio al Bosco
Edicole sacre e capitelli Edicole sacre e capitelli
Villa Guarienti Villa Guarienti
Corti rurali Corti rurali
Edifici Pubblici Edifici Pubblici
Monumenti e Lapidi Monumenti e Lapidi
Toponomastica Toponomastica
Corsi d'acqua Corsi d'acqua
S.Giovanni in campagna S.Giovanni in campagna
Personaggi Personaggi

Ultime dal muro...
muro Foto Tarmassia Calcio 1999-2000
di F.G. - 17:55 (09/01/2017)
Buonasera, sto cercando foto relative al Tarmassia calcio della stagione 1999-2000 o forse 1998-99. L'annata dei ragazzi era 1989 categoria pulcini. Sarei grato a chi me le inviasse. a: info@tarmassia.it Cordiali saluti.
muro wipiyior
di Johne52 - 09:55 (27/09/2016)
Wow! This could be one particular of the most useful blogs We've ever arrive across on this subject. Actually Excellent. I'm also an expert in this topic so I can understand your hard work. fegdbdagfdeb
muro SOS foto sagra
di Stefano - 22:09 (29/06/2016)
Stiamo cercando foto della sagra di Tarmassia (anni '60-'70-'80-'90) per una mostra a settembre. Saremo grati a chi ce le inviasse a: info@tarmassia.it. Grazie!
archivio storico Scrivi sul muro!
Utenti collegati
Stanno visitando il sito 11 utenti
tarmassia.it

Toponomastica di Tarmassia
115. SORTE DE INTUS, SORTE DE FORIS, SORTE CARPENEDA CERETINA
di s.g.

1254, VIS
Item unum canpum vinearum in Sorte de foris...
Item circa sex canpos cum ... in Sorte de intus ...
Item duodecim canpos paludis et nemoris ad Carpenedam Ceredinum sortem...


Le sorte erano i terreni della comunità, che venivano divisi fra le parti private secondo modalità predefinite e durate limitate.
Questo fa dedurre che in Tarmassia vi fosse un comune rurale con propri beni e regolamenti di gestione.
Stante al documento citato in epigrafe (1245), le sorte erano almeno tre: quella "di dentro", ovvero situata nel perimetro difensivo della villa, una "di fuori" dalla villa e una terza definita "carpeneda" e "ceretina" perchè caratterizzata dalla presenza diffusa di boschi di carpini e cerri (e paludi).
La possessione di 800 campi chiamata "di Campolongo" con diritti feudali annessi, che nel 1436 viene venduta fra soggetti privati, è da considerarsi l'ultimo retaggio degli antichi beni vicanali che, un tempo, dovevano interessare l'intero comparto geografico del dosso di Campolongo.

NOTE:
Riguardo Campolongo:
Il termine Campanea in età latina (e spesso rimpiazzato e tradotto in età feudale con braida) stava a significare, non tanto un aggregato di fertili campi verdeggianti, bensì lande incolte, perlopiù adibite a pascolo comune o alla raccolta spontanea degli esponenti della vicinia.
La spiegazione del determinante -longo potrebbe derivare semplicemente dal latino longus o dal termine tardo-latino longaria/longoria, molto diffuso nell'area padana, che sta ad identificare appezzamenti listiformi ritagliati tra elementi geografici o strutturali della maglia parcellare agraria di maggior importanza, quali fiumi/canali o strade.
A dire del Serra, il termine tradirebbe il processo di suddivisione delle terre comunali (communia o vicanali - vicanum) e di assegnazione a vario titolo delle parcelle così ottenute ai privati, riallacciandoci alla sfumatura semantica detta a riguardo della base campanea.

E' interessante riportare quanto segnala B.Chiappa a proposito della proprietà agraria a Tarmassia: "Va segnalato inoltre che nel Quattrocento Tarmassia costituiva Comune e aveva beni propri. In documenti del 1476 e 1477 fra i confinanti di alcune terre permutate dai de Bonadomanis figurano i pascoli e i diritti del Comune e la campagna di Tarmassia; in altro di dieci anni più tardo si parla di beni dei consorti di detta villa (“iura comunis Talmasie sive consortorum dicte ville pro campanea”)".

Nel 1595 i terreni e i diritti giurisdizionali di Campolongo risultano ancora pubblici, fino al gennaio del 1783 quando viene alienato il solo vicariato al nob. Michele Franzini.

La possessione di Campolongo è una possessione di circa 800 campi veronesi, confinante a est con il fiume Menago, a nord con la via Carpania (strada per Villafontana), a ovest con l'antica via per Verona (ora via Tormine/Sconta) e a sud con la via Bosco (strada del Bosco e strada morta del Bosco); la campagna fu acquistata nel 1412 dal comune di Isola della Scala dal quale fu goduta "per ragione di pascolo" (1435). La giurisdizione della possessione era esercitata per mezzo di un vicario, che veniva investito dopo una procedura d'asta con il  "ballottaggio" delle offerte pervenute.




fonti:
Divisione Visconti, pergamena a. 1245, Archivio di Stato VR, fondo Malaspina.
Dei Vicariati di Tarmassia e Campolongo, abate P. Garzotti, 18...
Isola della Scala, B.Chiappa, 2002.





Torna indietro

Copyright © 2002 Credits. Tutti i diritti sono riservati.