verona
lunedì, 20 novembre 2017
Cerca          cerca documenti
 OggiOggi  NotizieNotizie    Storia Storia  ArchivioArchivio  GRUPPO SPORTIVOGRUPPO SPORTIVO  FotoFoto  ChatChat  <font color=red>Caselle</font>Caselle
Storia

Parrocchiale di S.Giorgio Parrocchiale di S.Giorgio
Politica e società Politica e società
Compagnie laicali Compagnie laicali
Patronato S.Giorgio (teatro) Patronato S.Giorgio (teatro)
Cappella di S.Agata in Campolongo Cappella di S.Agata in Campolongo
Cappella di S.Maria Madre di Dio al Bosco Cappella di S.Maria Madre di Dio al Bosco
Edicole sacre e capitelli Edicole sacre e capitelli
Villa Guarienti Villa Guarienti
Corti rurali Corti rurali
Edifici Pubblici Edifici Pubblici
Monumenti e Lapidi Monumenti e Lapidi
Toponomastica Toponomastica
Corsi d'acqua Corsi d'acqua
S.Giovanni in campagna S.Giovanni in campagna
Personaggi Personaggi

Ultime dal muro...
muro Foto Tarmassia Calcio 1999-2000
di F.G. - 17:55 (09/01/2017)
Buonasera, sto cercando foto relative al Tarmassia calcio della stagione 1999-2000 o forse 1998-99. L'annata dei ragazzi era 1989 categoria pulcini. Sarei grato a chi me le inviasse. a: info@tarmassia.it Cordiali saluti.
muro wipiyior
di Johne52 - 09:55 (27/09/2016)
Wow! This could be one particular of the most useful blogs We've ever arrive across on this subject. Actually Excellent. I'm also an expert in this topic so I can understand your hard work. fegdbdagfdeb
muro SOS foto sagra
di Stefano - 22:09 (29/06/2016)
Stiamo cercando foto della sagra di Tarmassia (anni '60-'70-'80-'90) per una mostra a settembre. Saremo grati a chi ce le inviasse a: info@tarmassia.it. Grazie!
archivio storico Scrivi sul muro!
Utenti collegati
Stanno visitando il sito 48 utenti
tarmassia.it

Breve biografia
don Giuseppe Andreoli
di s.g. 29.07.09

Ricordare don Giuseppe Andreoli è un dovere per la comunità di Tarmassia. Nel 1968 gli fu intitolata una via, unico personaggio a godere di una tale menzione d'onore. Fu un grande benefattore per avere lasciato tutti i suoi risparmi alla costruzione del primo asilo infantile che divenne anche centro d’assistenza infermieristica (con l’arrivo delle suore) e di preparazione al lavoro femminile (la domenica). Nel 1927 fece fondere un nuovo concerto di campane, fece fiorire l’associazionismo laico cattolico. Fu un deciso oppositore del regime fascista che in numerose occasioni cercò di piegarlo alle sue direttive. Difese gli operai e i salariati attirando su di sè le ire dei grandi possidenti terrieri. E’ ancora ricordato soprattutto per i segreti e numerosi atti di generosità verso i più poveri e indifesi (donava anche le proprie scarpe, morì poverissimo, senza neppure una tomba propria). Amava frequentare gli ammalati e si commuoveva alla morte dei suoi parrocchiani tanto da piangere durante le prediche. Il suo aspetto, alto e magro, richiamava i suoi modi, rigidi ma giusti; era soprannominato “Pajalonga”; chiamava l’ora legale “l’ora dei matti”, odiava il ballo e chi arrivava tardi a messa. La sua famiglia fu la perpetua Giuseppina, chiamata “Ciopeta”, un trovatello di nome Silvietto e un gatto bianco e nero.


Fu l’ultimo parroco ad impegnare l’intero suo mandato presso la nostra parrocchia, dove decise di essere sepolto. Nel 2009 le sue spoglie, ospitate presso una cappella privata, sono state traslate di fronte alla cappella cimiteriale, per una più degna memoria.


Da non confondere con l'omonimo don Giuseppe Andreoli, eroe dei moti risorgimentali a Modena.


================================================================================


don GIUSEPPE ANDREOLI - Breve biografia
(Malcesine 02/02/1874 – Tarmassia 10/06/1949)


2 febbraio 1874           Nasce a Malcesine (Verona) da Francesco ed Elisabetta Bonmartini.


1892 (?)                       Svolge il servizio di leva obbligatorio nella cavalleria come furiere essendo ancora studente.


13 agosto 1899            Viene ordinato sacerdote.


1899-1907                  Cooperatore presso le parrocchie di Monteforte d’Alpone, Porto di Legnago, Sommacampagna.


1907                            Viene nominato parroco di Tarmassia. Vi resterà per 42 anni fino alla morte.


05 aprile 1927             Viene installato sul campanile il nuovo concerto veronese a 6 campane in sostituzione delle 5 vecchie. Fonditore cav. Cavadini Luigi e figlio. Comitato pro campane Bortolo Chiavegato.

1931                            Caccia con decisione i fascisti locali venuti a requisire in chiesa i gagliardetti dell’Azione Cattolica, colpevole, secondo le direttive nazionali, di organizzare un movimento cattolico incompatibile con il partito unico fascista.


1939                            Ammalato, giunge il cooperatore don Luigi Cavaliere, che diventerà il suo successore.


1940                            Porta a compimento l’opera sua più attesa, l’asilo infantile; con atto pubblico, lo dona al Comune di Isola della Scala perché lo arredi. Fa arrivare le prime suore a Tarmassia che alloggeranno al piano superiore. L’asilo sarà demolito nei primi anni ’80 per ragioni viabilistiche.


19 giugno 1949           Muore dopo una lunga malattia. E’ sepolto nel cimitero parrocchiale.


21 dicembre 1968        Viene intitolata una via con il suo nome.


11 giugno 1989           Viene ricordato nel 40° anniversario della morte.


11 giugno 2009           Viene ricordato nel 60° anniversario della morte. Le sue spoglie sono ricollocate più degnamente davanti alla cappella cimiteriale di Tarmassia.




Torna indietro

Copyright © 2002 Credits. Tutti i diritti sono riservati.