verona
sabato, 18 novembre 2017
Cerca          cerca documenti
 OggiOggi  NotizieNotizie    Storia Storia  ArchivioArchivio  GRUPPO SPORTIVOGRUPPO SPORTIVO  FotoFoto  ChatChat  <font color=red>Caselle</font>Caselle
Storia

Parrocchiale di S.Giorgio Parrocchiale di S.Giorgio
Politica e società Politica e società
Compagnie laicali Compagnie laicali
Patronato S.Giorgio (teatro) Patronato S.Giorgio (teatro)
Cappella di S.Agata in Campolongo Cappella di S.Agata in Campolongo
Cappella di S.Maria Madre di Dio al Bosco Cappella di S.Maria Madre di Dio al Bosco
Edicole sacre e capitelli Edicole sacre e capitelli
Villa Guarienti Villa Guarienti
Corti rurali Corti rurali
Edifici Pubblici Edifici Pubblici
Monumenti e Lapidi Monumenti e Lapidi
Toponomastica Toponomastica
Corsi d'acqua Corsi d'acqua
S.Giovanni in campagna S.Giovanni in campagna
Personaggi Personaggi

Ultime dal muro...
muro Foto Tarmassia Calcio 1999-2000
di F.G. - 17:55 (09/01/2017)
Buonasera, sto cercando foto relative al Tarmassia calcio della stagione 1999-2000 o forse 1998-99. L'annata dei ragazzi era 1989 categoria pulcini. Sarei grato a chi me le inviasse. a: info@tarmassia.it Cordiali saluti.
muro wipiyior
di Johne52 - 09:55 (27/09/2016)
Wow! This could be one particular of the most useful blogs We've ever arrive across on this subject. Actually Excellent. I'm also an expert in this topic so I can understand your hard work. fegdbdagfdeb
muro SOS foto sagra
di Stefano - 22:09 (29/06/2016)
Stiamo cercando foto della sagra di Tarmassia (anni '60-'70-'80-'90) per una mostra a settembre. Saremo grati a chi ce le inviasse a: info@tarmassia.it. Grazie!
archivio storico Scrivi sul muro!
Utenti collegati
Stanno visitando il sito 40 utenti
tarmassia.it

Tracce del sistema difensivo naturale di Cà del Bosco

La fratta

La Redazione di ToL

La fratta

La fratta («frata») è un luogo scosceso e impervio ricoperto da una macchia intricata di arbusti, piante rampicanti e sterpi;  al piede della scarpata solitamente scorre un fossato ampio denominato a seconda dei casi veggia, vegghia o vegiarolo. La fratta costituiva sin dai tempi antichi un primitivo sistema difensivo.
L’antico centro di Cà del Bosco ne era dotato, come lascia intendere la toponomastica cinquecentesca e i disegni della stessa epoca («Vegiarolo de la frata»). Tracce consistenti della fratta di Cà del Bosco sono ancora visibili sulla linea di confine sud-est del dosso di Campolongo, lungo la sponda destra del paleoalveo del Menago, delimitante ora le cosiddette “Valli di Tarmassia”. Si tratta di una formazione naturale costituita da una scarpata molto ripida alta circa un metro e mezzo e ricoperta da vegetazione spontanea (sambuchi, “spinari”, tamari, edere, ecc). Alla base, uno scolo d’acqua non molto profondo, ma abbastanza largo (“Dugal del Novarin”) che, probabilmente, in passato non era regimentato e dava luogo a specchi d’acqua palustri.
C’è da ritenere che la fratta di Cà del Bosco fosse un’opera di natura spontanea che sfruttava le depressioni vallive del paleoalveo del “Menacus Vetus” a levante e le vallecole del Tormine a ponente. Le due barriere difensive erano interrotte da altrettante porte: la "porta de foris" e la "porta de intus" probabilmente collocate sull'intersezione degli attuali Menaghetto ("Dugal de san Zorzi") e Dugal del Tormine.
La fratta proteggeva la Villa dagli animali selvatici che popolavano i vicinissimi boschi della Carpania (da non dimenticare l’appellativo di “Cà del Bosco”).



Altre foto correlate:
La fratta
La fratta
La fratta

Vedi anche:
 (Storia -> Toponomastica) "110. FRATTA, FRADELLE"

Torna indietro

Copyright © 2002 Credits. Tutti i diritti sono riservati.