verona
giovedì, 23 novembre 2017
Cerca          cerca documenti
 OggiOggi    Notizie Notizie  StoriaStoria  ArchivioArchivio  GRUPPO SPORTIVOGRUPPO SPORTIVO  FotoFoto  ChatChat  <font color=red>Caselle</font>Caselle
Notizie

Articolo di testa Articolo di testa
L'Arena, il giornale di Verona L'Arena, il giornale di Verona
Articoli secondari Articoli secondari
Editoriali Editoriali
Avvisi e appuntamenti Avvisi e appuntamenti
El Bancheto El Bancheto
L'Esperto L'Esperto

Ultime dal muro...
muro Foto Tarmassia Calcio 1999-2000
di F.G. - 17:55 (09/01/2017)
Buonasera, sto cercando foto relative al Tarmassia calcio della stagione 1999-2000 o forse 1998-99. L'annata dei ragazzi era 1989 categoria pulcini. Sarei grato a chi me le inviasse. a: info@tarmassia.it Cordiali saluti.
muro wipiyior
di Johne52 - 09:55 (27/09/2016)
Wow! This could be one particular of the most useful blogs We've ever arrive across on this subject. Actually Excellent. I'm also an expert in this topic so I can understand your hard work. fegdbdagfdeb
muro SOS foto sagra
di Stefano - 22:09 (29/06/2016)
Stiamo cercando foto della sagra di Tarmassia (anni '60-'70-'80-'90) per una mostra a settembre. Saremo grati a chi ce le inviasse a: info@tarmassia.it. Grazie!
archivio storico Scrivi sul muro!
Utenti collegati
Stanno visitando il sito 56 utenti
tarmassia.it

Via libera all'ampliamento del cimitero
Un monumento alla pubblica indecenza
Giove

L’argomento, se non fosse per la serietà che lo denota, è tra quelli che si prestano a facili ironie che, in via eccezionale per questo spazio, vi risparmiamo.
Stiamo parlando del cimitero di Tarmassia e del suo ampliamento di cui gli uffici comunali hanno elaborato una soluzione.
La costruzione di nuovi loculi è una necessità che già un’anno fa fu sollevata e fu per questo che ne scaturì un’assemblea pubblica fra i cittadini e l’amministrazione; la promessa, al termine della discussione, fu quella di ritrovarsi in seguito per analizzare, carte alla mano, le scelte concrete, le forme di finanziamento, le soluzioni relative alle problematiche del vecchio impianto cimiteriale.
A sorpresa, invece, dopo una lunga giacenza degli elaborati presso gli uffici del comune, ieri è stato chiesto alla commissione edilizia di esprimere un parere, suscitando sul merito una reazione unanime di sconcerto e perplessità.
La soluzione della facciata verso strada sarà costituita da una quinta “in foglio” di cemento armato formata da tre cuspidi intervallate da quattro fioriere "aeree" ; la punta centrale, più alta a mò di campanile, reca l'ingresso e una intelaiatura in ferro con una croce. I nuovi colombai verranno realizzati in prosecuzione di quelli esistenti, anzichè a squadro, a chiusura della corte, soluzione quest’ultima che: 1. darebbe la giusta continuità anulare al triportico esistente; 2. consentirebbe l'attraversamento del camposanto con le scale anche in caso di pioggia; 3. darebbe l'opportunità di creare un'anticamera all'ingresso dove collocare le lapidi commemorative 4. si risparmierebbero soldi nel costruire una facciata inutile.
Nel progetto, inoltre, non vengono affrontati alcuni aspetti, tra i quali: l'annoso problema dello smaltimento e allontanamento delle acque piovane che da sempre vengono riversate sulle tombe; la questione dei percorsi pedonali e relative pavimentazioni all'interno dell'area cimiteriale; l'aspetto compositivo degli attacchi con le cappelle di famiglia; la difficoltà di movimentazione delle bare al di sotto dei porticati; lo spostamento e la collocazione delle scale mobili da una parte all'altra delle nuove ali.
La commissione unanime ha bocciato la facciata ritenendola non conforme da tutti i punti di vista (tipologico, compositivo, materico); ha approvato, tuttavia, vista l’urgenza dell’opera pubblica, la soluzione planimetrica dei nuovi loculi.

Ma, diciamo noi, non è con la fretta che si costruiscono cose buone.
Il camposanto è un luogo importante della memoria e dell’affettività e, per questo, la cittadinanza ha il dovere di essere coinvolta e resa partecipe nel processo di formazione dell'opera pubblica. Soprattutto, quando da più parti vengono ravvisate delle incongruenze funzionali ed estetiche di non poco conto. La leggerezza dimostrata dalle sedi istituzionali sulla materia a riguardo in casi recenti portati alla ribalta dai mass media è sconcertante: questa che si presenta potrebbe diventare un'occasione propizia per un riscatto presso l'opinione pubblica. E qui non si tratta di costruire piramidi, anzi, tutt'altro.
Teniamo presente che l'attuale cimitero fu progettato nel lontano 1842 dall'ing. Giuseppe Erbesato (lo stesso del municipio), in stile neoclassico, opera di tutto rispetto che andrebbe tutelata anche dal punto di vista architettonico.
Per concludere, la domanda che poniamo è: “Dobbiamo rassegnarci a tollerare simili indecenze vita natural durante o anche morte natural durante?".
Se qualcuno vuole rispondere, si faccia avanti... 










 



 



 


Vedi anche:
 "Il cimitero"

Torna indietro

Copyright © 2002 Credits. Tutti i diritti sono riservati.