verona
lunedì, 20 novembre 2017
Cerca          cerca documenti
 OggiOggi    Notizie Notizie  StoriaStoria  ArchivioArchivio  GRUPPO SPORTIVOGRUPPO SPORTIVO  FotoFoto  ChatChat  <font color=red>Caselle</font>Caselle
Notizie

Articolo di testa Articolo di testa
L'Arena, il giornale di Verona L'Arena, il giornale di Verona
Articoli secondari Articoli secondari
Editoriali Editoriali
Avvisi e appuntamenti Avvisi e appuntamenti
El Bancheto El Bancheto
L'Esperto L'Esperto

Ultime dal muro...
muro Foto Tarmassia Calcio 1999-2000
di F.G. - 17:55 (09/01/2017)
Buonasera, sto cercando foto relative al Tarmassia calcio della stagione 1999-2000 o forse 1998-99. L'annata dei ragazzi era 1989 categoria pulcini. Sarei grato a chi me le inviasse. a: info@tarmassia.it Cordiali saluti.
muro wipiyior
di Johne52 - 09:55 (27/09/2016)
Wow! This could be one particular of the most useful blogs We've ever arrive across on this subject. Actually Excellent. I'm also an expert in this topic so I can understand your hard work. fegdbdagfdeb
muro SOS foto sagra
di Stefano - 22:09 (29/06/2016)
Stiamo cercando foto della sagra di Tarmassia (anni '60-'70-'80-'90) per una mostra a settembre. Saremo grati a chi ce le inviasse a: info@tarmassia.it. Grazie!
archivio storico Scrivi sul muro!
Utenti collegati
Stanno visitando il sito 153 utenti
tarmassia.it

Per quarant’anni ha lavorato nella trattoria-alloggio di Vago
Si è spenta Isolina l’anima del «Mondo di qua e di là»
E.L.

Per alcuni anni, Isolina ha tenuto il bar Trentini "da la Zuma" in via XXV Aprile a Tarmassia.
Ricordiamo la nostra oriunda da poco scomparsa con questo articolo tratto dall'Arena del 31.08.2005




LAVAGNO.
Il funerale sarà celebrato domani mattina






Era il 1930 quando Isolina Padovani arrivò alla trattoria e alloggio «Al Mondo di Qua - al Mondo di Là», facendo il suo ingresso nella comunità di Vago Veronese come moglie di Antonio Leardini. E subito venne accolta dagli abitanti del paese, che da quel momento in poi rallegrarono le sue giornate nel locale dove lavorò per ben quarant’anni. «Al Mondo di qua» non era possibile solo mangiare e trovare alloggio, ma anche giocare al lotto e al totocalcio, comprare i biglietti della tramvia e usare il telefono pubblico.

Ora Isolina non c’è più: se ne è andata ieri a 95 anni. Era nata il 5 maggio 1910 a Tarmassia, Isola della Scala, frazione che aveva lasciato dopo aver sposato Antonio.

Una vita intensa la sua. «Al Mondo di Qua» ha dato alla luce cinque figli: Ines, detta Mariù, Luperio, Rita, Gabriella e Giorgio, ultimogenito, concepito dopo la grande guerra come voto per lo scampato pericolo.
Donna di fortissimo carattere, gran lavoratrice, moglie e mamma sempre presente e prodiga di consigli, che per il tono imperioso con cui li pronunciava suonavano come moniti, ma erano dettati esclusivamente dall’amore che provava per i suoi figli.
Chi la conosceva bene ricorda con un sorriso le sue tipiche frasi: «Va a farte far ’na velada» («Vai a farti un "giro"»), «Tasi che no te capisi niente», «Mati ci mete e mati ci no mete» («Matti quelli che giocano al lotto e matti quelli che non giocano»).
Eccellente cuoca, sarta straordinaria, non c’era faccenda che Isolina non sapesse gestire in modo rapido ed efficace. Creò persino per i suoi figli le «mudande de ombrela»: mancando in tempo di guerra la stoffa, ideò delle mutande particolari, ricavate dalla «stoffa» degli ombrelli.
Isolina ha lasciato molti ricordi in tutti coloro che l’hanno conosciuta e molti episodi delle persone che non ci sono più hanno rivissuto per anni in lei, grazie ai suoi racconti. L’osteria era molto nota, tanto che «Il mio libro dei sogni» di Carlo Vanzetti edito dall’Accademia di Agricoltura Scienze e Lettere di Verona ha dedicato un intero capitolo alla trattoria e alloggio di Antonio e Isolina Leardini, ricordandolo simpaticamente come il «Il Mondodilà».
Nel testo non è data come certa l’origine di questa insolita denominazione, ma la tradizione vuole sia nata per suggerimento di un sacerdote che era di passaggio. Certo è che per ironia della sorte Isolina è entrata e uscita per anni dal «Mondo di Qua» e dal «Mondo di Là»: è rimasta di «Qua» 95 anni per poi andare di «Là». Per sempre.
Il funerale sarà celebrato domani alle 10 nella chiesa di Vago.




(e.l.)
fonte: L'Arena di Verona, 30.08.2005


Torna indietro

Copyright © 2002 Credits. Tutti i diritti sono riservati.