verona
sabato, 25 novembre 2017
Cerca          cerca documenti
 OggiOggi    Notizie Notizie  StoriaStoria  ArchivioArchivio  GRUPPO SPORTIVOGRUPPO SPORTIVO  FotoFoto  ChatChat  <font color=red>Caselle</font>Caselle
Notizie

Articolo di testa Articolo di testa
L'Arena, il giornale di Verona L'Arena, il giornale di Verona
Articoli secondari Articoli secondari
Editoriali Editoriali
Avvisi e appuntamenti Avvisi e appuntamenti
El Bancheto El Bancheto
L'Esperto L'Esperto

Ultime dal muro...
muro Foto Tarmassia Calcio 1999-2000
di F.G. - 17:55 (09/01/2017)
Buonasera, sto cercando foto relative al Tarmassia calcio della stagione 1999-2000 o forse 1998-99. L'annata dei ragazzi era 1989 categoria pulcini. Sarei grato a chi me le inviasse. a: info@tarmassia.it Cordiali saluti.
muro wipiyior
di Johne52 - 09:55 (27/09/2016)
Wow! This could be one particular of the most useful blogs We've ever arrive across on this subject. Actually Excellent. I'm also an expert in this topic so I can understand your hard work. fegdbdagfdeb
muro SOS foto sagra
di Stefano - 22:09 (29/06/2016)
Stiamo cercando foto della sagra di Tarmassia (anni '60-'70-'80-'90) per una mostra a settembre. Saremo grati a chi ce le inviasse a: info@tarmassia.it. Grazie!
archivio storico Scrivi sul muro!
Utenti collegati
Stanno visitando il sito 54 utenti
tarmassia.it

ISOLA DELLA SCALA / L’approvazione in consiglio del “Piano di programmazione economica” ha visto l’amministrazione Montalto lanciare una serie di progetti, tra i quali l’avvio di un centro di ricerca sul riciclaggio e lo sfruttamento dell’immondizia
Sorgerà qui la “Silicon Valley” dei rifiuti
Primo Giornale - 10 settembre 2002



Un centro di ricerca e sviluppo per il riciclaggio e lo sfruttamento dei

rifiuti. È quello che intende realizzare a Isola della Scala l’assessore

ai lavori pubblici e all’ecologia, Giovanni Miozzi, secondo il progetto

che sta al centro del “Piano di programmazione economica” .

«L’intenzione è quella di promuovere studi e non di insediare

discariche o quant’altro. Iniziative in tal senso non ce ne sono, a quanto

mi risulta, in tutta la regione - spiega Miozzi -. Una particolare attenzione

allo studio di ciò che diventa rifiuto, per migliorare il suo smaltimento,

attirerebbe l’attenzione di molti luminari del settore e sarebbe utile

non solo a Isola della Scala ma a tutti».

Una puntualizzazione che l’assessore ha fatto a seguito di una certa

perplessità da parte delle minoranze, le quali si preoccupano sull’eventuale

conciliazione che potrebbero avere certi sviluppi pratici di un centro

di ricerca su una realtà, come Isola della Scala, che fa delle manifestazioni

un suo punto di forza.«Non capiamo come rientri nello sviluppo di

Isola della Scala una simile prospettiva. L’idea è già in

se stessa pericolosissima, visto che attualmente il nostro paese funge

da luogo di riciclaggio per città della Lombardia, grazie alle due

realtà di compostaggio presenti», ha segnalato l’architetto

Fiorenzo Meneghelli di “Isola Nuova”, gruppo consiliare di opposizione.

Ma per Miozzi è un falso problema, dovendo l’impegno essere

solo scientifico, al limite universitario. Il problema semmai sarà

quello di avviare veramente un simile progetto, rientrando questo in un

documento, quello di programmazione economica, che definisce solo le linee

generali di sviluppo di un paese in accordo con quelle di una più

vasta area che è la regione.

Il programma di Isola della Scala, steso a seguito delle osservazioni

sul Piano d’area regionale, e discusso ed approvato il 22 luglio nell’ultimo

consiglio comunale, ritiene lo sviluppo di un polo scolastico, tanto promesso

al punto di progettare in fretta e furia una nuova sede per l’Enaip e collaborare

intensamente con l’istituto “E. Bolisani” e l’Agrario, imprescindibile

per lo sviluppo economico del territorio.

La “Fiera del Riso” è considerata un punto di arrivo e di partenza

per l’economia isolana, e in considerazione delle infrastrutture viarie

da concludersi e dei possibili sviluppi in ambito ferroviario, peraltro

già avviati col raddoppio dell’attuale linea Nogara­ Verona.

Se si aggiunge poi una realtà attuale fatta di latifondi e aziende

agricole, ecco anche l’idea per un centro di ricerca agro alimentare e

di manifestazioni sulla cucina e il cibo tradizionale. Il tutto abbinato

alla riscoperta di tradizione, al turismo alla cultura locale non è

solo augurabile ma potrebbe anche rivelarsi un’ottima scelta promozionale.

Giampietro Falsiroli


fonte: www.primoweb.it


Torna indietro

Copyright © 2002 Credits. Tutti i diritti sono riservati.