verona
domenica, 19 novembre 2017
Cerca          cerca documenti
 OggiOggi    Notizie Notizie  StoriaStoria  ArchivioArchivio  GRUPPO SPORTIVOGRUPPO SPORTIVO  FotoFoto  ChatChat  <font color=red>Caselle</font>Caselle
Notizie

Articolo di testa Articolo di testa
L'Arena, il giornale di Verona L'Arena, il giornale di Verona
Articoli secondari Articoli secondari
Editoriali Editoriali
Avvisi e appuntamenti Avvisi e appuntamenti
El Bancheto El Bancheto
L'Esperto L'Esperto

Ultime dal muro...
muro Foto Tarmassia Calcio 1999-2000
di F.G. - 17:55 (09/01/2017)
Buonasera, sto cercando foto relative al Tarmassia calcio della stagione 1999-2000 o forse 1998-99. L'annata dei ragazzi era 1989 categoria pulcini. Sarei grato a chi me le inviasse. a: info@tarmassia.it Cordiali saluti.
muro wipiyior
di Johne52 - 09:55 (27/09/2016)
Wow! This could be one particular of the most useful blogs We've ever arrive across on this subject. Actually Excellent. I'm also an expert in this topic so I can understand your hard work. fegdbdagfdeb
muro SOS foto sagra
di Stefano - 22:09 (29/06/2016)
Stiamo cercando foto della sagra di Tarmassia (anni '60-'70-'80-'90) per una mostra a settembre. Saremo grati a chi ce le inviasse a: info@tarmassia.it. Grazie!
archivio storico Scrivi sul muro!
Utenti collegati
Stanno visitando il sito 86 utenti
tarmassia.it

Dai racconti di zio Lino
L’oto setembre del 1944
Lino Gobbi



L'otto settembre del 1944 il re Vittorio Emanuele III e il capo del Governo Badoglio annunciarono l'armistizio con le forze anglo-americane. I soldati italiani divennero dei traditori agli occhi dei ex-alleati tedeschi. Chi non aderģ alla repubblica fantoccio di Salņ, fu deportato nei campi di concentramento nazisti e alla fine della guerra furono pił di 700.000.
Lino Gobbi, di stanza a Vallona in Albania a quel tempo, racconta quei momenti e la sua evasione dal convoglio ferroviario che lo avrebbe condotto in un campo di concentramento tedesco.







L’oto setembre s'erene a Lini, vizzģn a Valona, in Albania. El nostro tenente, che l’era un fascistņn, el na dito de no preocuparse: l’č ndą dai tedeschi par dirghe che noialtri saresene restč con lori a far la guera. Sito mato, e invenze i na cargą su un treno bestiame par mandarne su in Germania in calche campo de concentramento.
Quando semo rivč in stazion a Bresanone, mi, che s'era el pisč vecio, o ciamą el capostazion dal finestrģn: "Verzeme!", go dito.
Lł el ma verto un pochetģn, o cavą quatro salti da qua fin lģ e son finģo drento na camara piena de gente: l’era el bar de la stazion.
Me vegnuo a drio altri du me amici.
O visto na porta e me son butą drento.
Dopo o visto do scale: una la 'ndasea zo e n’altra su.
Ciapa quela che va zo in cantina: l’era inciavą.
Cori va su da chel’altra scala: gh'era un coridoio streto e do porte: infileme drento la prima porta; a gh'era scuro, o palpą e me son incorto che gh'era du letini, cori e va soto el leto.
Dopo un poco sento che riva uno dei me amici, lo ciamo: "Vien qua, scondete qua soto!".
Dopo un poco riva su un militar tedesco, o visto l’ombrģa nel coridoio.
In na man el gavea na bomba in chel’altra na pistola.
Gavea la luce del coridoio che me rivava fin soto al leto, el leto l’era senza nizoi, ghera solo el materaso.
"Eco, o dito, se 'l vien drento el ne copa tuti du!".
Par fortuna che nel coridoio riva do done, el tedesco el ghe dimanda se la visto do prigionieri, ma lore: "No, no qua no ghe nissun!".
Dopo tasi che l’č ndą ja, emo ciamą le do done.
Lore subito le sa spaentą, ma dopo l’č na dito: "O se salvemo tuti e quatro o nissuni!";
dopo ič ndč zo, e le a ciamą el capostazion.
Questo lč vegnuo su, el na dato dei vestiti da civile, quei de i operai che porta el carbon.
El na dito "La stimana pasą ghe n’avemo salvą altri zinque come voialti!".
Quanti che i ghe na salvą i ferovieri!
El na dito el capostazion "Vedio quel lą? Quelo l’č el treno par Venesia!"
A gaveene paura de traversar la stazion in mezo ai tedeschi; mi che sera el pissč vecio, parti e salta sul treno, dopo un poco riva anca el me amico.
Quando semo stč a Venessia o ciapą al treno par Milan che el pasava da Isola.
Quando son stą avanti un toco, č pasą el controlo tedesco.
Insieme gavea dele done.
Le a visto subito che sera un fugitivo parchč gavea la barba longa e l’era giorni che no maiava.
Le sa meso a ridar e a farme le cagnare e cossita el militar l’č pasa avanti.
Le ma dito che no far la facia da paura parchč senņ i m’avaria ciapą subito.
Quando son stą a Verona go dimandą al capotreno se gh'era tedeschi a Isola;
el ma dito che ghera pien, ma che podea desmontar ala stazion de le Casele ('ndo che adeso ghe el bar Ferara);
i treni no i se fermava mia lģ de solito, perņ el ma dito de proar.
Quando semo stč a le Casele, no i volea farme desmontar: "Avanti, el treno el se ferma a Isola!"
Ma mi: "No, mi stao qua, ale Casele, voi desmontar!".
Beh, insoma, fato sta che dopo un par de olte, el capotreno el ga dito: "Oh, no eto mia magną la foja, falo desmontar qua!"
E alora son desmontą, e traverso campi son rivą a Valbisara, a la Casa del Vento, casa mia ...




Lino Gobbi, residente in giovinezza a Valbissara, č tornato a vivere a Tarmassia da molti anni in via Borgo san Zeno.






Vedi anche:
 "2003 feb - Giuseppe Perobelli, memorie di guerra"

Torna indietro

Copyright © 2002 Credits. Tutti i diritti sono riservati.