verona
martedì, 21 novembre 2017
Cerca          cerca documenti
 OggiOggi  NotizieNotizie  StoriaStoria    Archivio Archivio  GRUPPO SPORTIVOGRUPPO SPORTIVO  FotoFoto  ChatChat  <font color=red>Caselle</font>Caselle
Archivio

Documenti Documenti
Manuale per la Chiesa di S.Giorgio martire di Tarmassia 1870 Manuale per la Chiesa di S.Giorgio martire di Tarmassia 1870
Visite pastorali Visite pastorali
Testamenti Testamenti
Archivio Parrocchiale Archivio Parrocchiale
Libri Libri
Giornali Giornali
Giornali 2 Giornali 2
Filastrocche Filastrocche
Cartografia 2 Cartografia 2
alberi genealogici alberi genealogici
Racconti, leggende Racconti, leggende
Archeologia Archeologia
Cartografia Cartografia
Poesia, Teatro Poesia, Teatro
Glossario Glossario
Dei Vicariati di Talmassia e Campolongo Dei Vicariati di Talmassia e Campolongo
Delibere di Giunta Delibere di Giunta
Siti web Siti web

Ultime dal muro...
muro Foto Tarmassia Calcio 1999-2000
di F.G. - 17:55 (09/01/2017)
Buonasera, sto cercando foto relative al Tarmassia calcio della stagione 1999-2000 o forse 1998-99. L'annata dei ragazzi era 1989 categoria pulcini. Sarei grato a chi me le inviasse. a: info@tarmassia.it Cordiali saluti.
muro wipiyior
di Johne52 - 09:55 (27/09/2016)
Wow! This could be one particular of the most useful blogs We've ever arrive across on this subject. Actually Excellent. I'm also an expert in this topic so I can understand your hard work. fegdbdagfdeb
muro SOS foto sagra
di Stefano - 22:09 (29/06/2016)
Stiamo cercando foto della sagra di Tarmassia (anni '60-'70-'80-'90) per una mostra a settembre. Saremo grati a chi ce le inviasse a: info@tarmassia.it. Grazie!
archivio storico Scrivi sul muro!
Utenti collegati
Stanno visitando il sito 86 utenti
tarmassia.it

Agiografia e culto nel veronese

Sant' Agata vergine e martire

Vari

Sant' Agata vergine e martire

Il culto di sant'Agata è ricordato sul territorio tarmassiano dall'intitolazione dell'oratorio di Campolongo. Le brevi note che seguono possono fornire alcune ragioni sul perchè della venerazione della santa catanese a Tarmassia.


5 febbraio - Memoria m. 251 Agata fu martire a Catania, probabilmente sotto Decio (251). Verso il sec. V sorse una chiesa in suo onore a Roma e papa Simmaco le dedicò una basilica. Il suo nome è associato a quello di S.Lucia nel canone romano. La sua “deposizione” il 5 febbraio è ricordata dal martirologio geronimiano (sec. VI). Patronato:Pompieri, Catania, Repubblica di San Marino Etimologia: Agata = buona, virtuosa, dal greco Emblema: Giglio, Palma, Pinze, Seni (su di un piatto) Il culto liturgico della santa martire catanese è di antica data: risale almeno al V secolo, quando papa Simmaco le dedicò una basilica sulla via Aurelia "in fundum lardarium". Pare sia stato S. Gregorio Magno ad includere, un secolo dopo, il nome della martire nel Canone della Messa. Ma della martire, popolarissima specialmente nell'Italia meridionale e particolarmente nella Sicilia, possediamo ben pochi elementi storici sicuri: tra questi il luogo di nascita, Catania, anche se per molti secoli quest'onore è stato reclamato da Palermo: in entrambe le province, comunque, il nome di Agata è il più ricorrente nella onomastica locale. Unanimi sono le fonti storiche anche per la data del martirio. Tutte le altre notizie invece ci provengono da fonti storicamente non del tutto attendibili, anche se non prive di intrinseca veridicità, com'è giusto pensare delle tradizioni popolari. Da questi racconti apprendiamo che la giovane martire catanese apparteneva a nobile e ricca famiglia. Le sue ricchezze, unite alla straordinaria bellezza, finirono per attirare l'attenzione dello stesso console Quinziano, che la chiese in sposa. Ma Agata aveva già promesso la sua vita ad un altro sposo, Cristo. Il console, ben determinato nel suo proposito, non si perse d'animo e ricorse perfino agli uffici di una rinomata mezzana, dal nome significativo di Afrodisia. La donna, munita di tutti i filtri amorosi che la grezza mentalità popolare ritiene efficacissimi pronubi, diede fondo a tutte le sue arti perché Agata s'invaghisse del pretendente. Ma ben presto Afrodisia dovette dichiararsi vinta dalla fede e dalla purezza di quella fanciulla. Quinziano però non accettò passivamente questa nuova sconfitta. Dall'amore passò all'odio e cercò di intimorire la ragazza con minacce che non sortirono il loro esito e che egli perciò tradusse presto in atto. Consegnata ai torturatori, Agata ne ricevette crudeli sevizie, raccontate con notevole verismo dalle tradizioni popolari. Quinziano s'accanì a far torturare i seni della fanciulla, che uscì nella celebre esclamazione: "Crudele tiranno, non ti vergogni di torturare in una donna quello stesso seno dal quale da bambino hai succhiato la vita?". Consunta infine dai carboni ardenti per aver resistito alle brame del pretendente, S. Agata è invocata dalla città che le ha dato i natali come protettrice contro la violenza della lava incandescente dell'Etna, il vulcano che, secondo la tradizione, arrestò in maniera prodigiosa le sue eruzioni, un anno dopo il martirio di Agata, avvenuto verso il 250.
Fonte: http://www.lalode.com/http://www.lalode.com/ A cura di Devis Gobbi
L'Arca di Sant'Agata Reliquie di Sant'Agata sarebbero venerate a Verona in una bella urna marmorea eretta nella cattedrale gotica, dopo che qui era avvenuta la pretesa scoperta, nel 1353, del corpo della santa catanese, per interessamento dell'arciprete Giovanni di Iorio Livio. Di questa invenzione, a detta del Bianchini, si troverebbe memoria in un vecchio martirologio della Cattedrale di Verona. Secondo Giovanni Mantese l'invenzione del corpo di Sant'Agata nella Cattedrale di Verona dovrebbe essere messa in relazione con il terremoto e le pestilenze che infuriarono negli anni 1347-1348. Giovanni de Surdis, vescovo di Vicenza, il 23 Aprile del 1362 chiese infatti al Papa un'indulgenza di cinque anni e cinque quarantene per tutti coloro che in particolari solennità avessero visitato, con le dovute disposizioni, l'altare di sant'Agata, il cui corpo era stato scoperto nel 1352 (ma sbaglia, anticipando di un anno la scoperta) nella Cattedrale di Verona. Se schiere di pellegrini accorrevano ad invocare la santa da Vicenza (il culto qui si estese fino a dedicare a sant'Agata anche la chiesa matrice di Arzignano) è da pensare che non meno dovessero essere devoti alla vergine catanese i veronesi che probabilmente ricorsero pure al di lei patrocinio per essere liberati anch'essi, in quei frangenti, della famosa peste nera. Il fatto stesso di trovarsi l'arca di Sant'Agata, nel presbiterio della principale chiesa cittadina (finirà nell'abside in capo alla navata destra solo alla fine del Quattrocento), assieme alle arche, allora pure emergenti, di sant'Annone e di papa Lucio III, dice da solo, con sufficiente eloquenza, dell'importanza che veniva attribuita alle reliquie in essa ospitate. (omissis)
fonte: "L'Arte Gotica a Verona - Testimonianze religiose" di Pier Paolo Brugnoli a cura di Stefano Gobbi


Vedi anche:
 (Storia -> Corti rurali) "Corte dominicale Nogarola-Mocenigo a Campolongo"

Torna indietro

Copyright © 2002 Credits. Tutti i diritti sono riservati.