verona
giovedì, 23 novembre 2017
Cerca          cerca documenti
 OggiOggi  NotizieNotizie  StoriaStoria    Archivio Archivio  GRUPPO SPORTIVOGRUPPO SPORTIVO  FotoFoto  ChatChat  <font color=red>Caselle</font>Caselle
Archivio

Documenti Documenti
Manuale per la Chiesa di S.Giorgio martire di Tarmassia 1870 Manuale per la Chiesa di S.Giorgio martire di Tarmassia 1870
Visite pastorali Visite pastorali
Testamenti Testamenti
Archivio Parrocchiale Archivio Parrocchiale
Libri Libri
Giornali Giornali
Giornali 2 Giornali 2
Filastrocche Filastrocche
Cartografia 2 Cartografia 2
alberi genealogici alberi genealogici
Racconti, leggende Racconti, leggende
Archeologia Archeologia
Cartografia Cartografia
Poesia, Teatro Poesia, Teatro
Glossario Glossario
Dei Vicariati di Talmassia e Campolongo Dei Vicariati di Talmassia e Campolongo
Delibere di Giunta Delibere di Giunta
Siti web Siti web

Ultime dal muro...
muro Foto Tarmassia Calcio 1999-2000
di F.G. - 17:55 (09/01/2017)
Buonasera, sto cercando foto relative al Tarmassia calcio della stagione 1999-2000 o forse 1998-99. L'annata dei ragazzi era 1989 categoria pulcini. Sarei grato a chi me le inviasse. a: info@tarmassia.it Cordiali saluti.
muro wipiyior
di Johne52 - 09:55 (27/09/2016)
Wow! This could be one particular of the most useful blogs We've ever arrive across on this subject. Actually Excellent. I'm also an expert in this topic so I can understand your hard work. fegdbdagfdeb
muro SOS foto sagra
di Stefano - 22:09 (29/06/2016)
Stiamo cercando foto della sagra di Tarmassia (anni '60-'70-'80-'90) per una mostra a settembre. Saremo grati a chi ce le inviasse a: info@tarmassia.it. Grazie!
archivio storico Scrivi sul muro!
Utenti collegati
Stanno visitando il sito 72 utenti
tarmassia.it

Anagrafe del Comune di Verona

La famiglia Stiver nel 1583

s.g.

Nel 1583 si procede alla rilevazione anagrafica dei cives delle contrade di Verona per emettere il Campione d’Estimo nel 1584.

La rilevazione anagrafica era affidata ad un notaio, con alcuni deputati e un ragioniere i quali, guidati dal giurato, compivano il giro della contrada, passando di casa in casa ed eseguendo tutte le rilevazioni prescritte sulla base della fiducia prestata ai capifamiglia, talvolta sotto giuramento. La durata dell’intera operazione non superava in genere una settimana.

Sul libretto anagrafico di contrada venivano annotati gli abitanti raggruppati per famiglia (nel senso più largo, comprendente domestici e garzoni). Il primo a figurare è il nome del capofamiglia seguito dal cognome, l’arte eventualmente esercitata, talvolta il soprannome o la città di provenienza. Al nome del capofamiglia seguono tutti gli altri componenti, dalla moglie fino all’ultimo domestico; a fianco di ciascuno è segnata l’età in numeri arabi o romani. L’indicazione dell’età è da ritenersi del tutto indicativa.

Dal 1583 le anagrafi dovevano essere redatte da notai con nuove prescrizioni tra cui, la latinizzazione del cognome e l’indicazione se la casa è in proprietà o in affitto.

Le informazioni venivano redatte in 5 copie e consegnate agli estimatori che in camera chiusa entro 25 giorni emettevano il campione d’estimo medio per ciascun fuoco sulla base di indagini, testimonianze, documenti e vecchi estimi.

Le collezioni di Anagrafi presso l’Archivio di Stato sono due: l’una detta comunale, l’altra degli antichi estimi (provincia), a seconda della diversa provenienza del fondo. Per il 1583 si hanno entrambre le provenienze (comune e provincia).

Quella che segue è la rilevazione del 1583 a carico della famiglia Stiver, contrada Ognissanti. La contrada Ognissanti parte da CastelVecchio fino a PortaPalio ed è il tratto interno alla città della via Postumia. Si caratterizza per la presenza di berrettai e pettinatori di lana.
Il documento, per la sua datazione successiva al rapimento di Cassandra Stiver e per la sua autorevolezza, getta una nuova luce sugli sviluppi della vicenda.


 

Joanes Bapt.a Stiverius[1] ditus

il Zorzetto[2] de anni __________________50

Catarina sua consorte _______________ 52

                             

                                Figlioli

 

Alexandro ________________________ 22

Casandra _________________________ 24[3]

Elena ____________________________ 18

Lucia ____________________________ 6[4]

 

                                  Masare

 

Isabetta ___________________________ 40

Margarita _________________________ 18

 

                                    De fora

 

Valentin[5] __________________________ 36

Bartholamio _______________________ 18

Paullo ____________________________ 15

 

                        Sta in Casa sua[6]

                               B. ii[7]


Non risultano fidejussori, ovvero persone di contrada che rispondeva in caso di insolvenza, quindi GianBattista era residente a tutti gli effetti in contrada Ognissanti e non era abitante in villa.



[1] Stiverius è il cognome latinizzato di Stiver (novità introdotta nel 1581 – Atti del Consiglio, vol n. 91); l’origine del cognome si può rintracciare negli stivatori o magazzinieri, come diremmo ora, che erano prestatori d’opera presso il fiorente porto fluviale di Verona;

[2] Il soprannome di GianBattista, o nome de costumaja come si dice a Verona, è Giorgetto, ovvero figlio di Giorgio come si desume più chiaramente dall’anagrafe del 1603; non è riportata l’arte esercitata perché, come sappiamo, era mercante. Non è riportato neppure il cambio di contrada, quindi è sempre vissuto qui.

[3] Cassandra risulta presente nel nucleo familiare; ricordiamo che fu rapita il 7 novembre dell’anno prima; si può pertanto intendere che sia rientrata in luogo sicuro, non sappiamo come, lontano da Tarmassia e dai familiari del rapitore.

[4] Lucia viene battezzata nella chiesa di S.Giorgio a Tarmassia il 9 settembre 1576;

[5] Valentino Nassimbeni, nelle carte del processo, risulta essere il cocchiere di famiglia;

[6] La casa è in proprietà degli Stiveri (novità introdotta nel 1581 – Atti del Consiglio, vol n. 91);

[7] Lett. “Bocche 11”, ovvero 11 componenti il fuoco; questi documenti d'anagrafe erano infatti chiamati "libreti dele boche" (libretti delle bocche).



Vedi anche:
 (Archivio -> Documenti) "La famiglia Stiver nel 1603"

Torna indietro

Copyright © 2002 Credits. Tutti i diritti sono riservati.