verona
domenica, 19 novembre 2017
Cerca          cerca documenti
 OggiOggi  NotizieNotizie  StoriaStoria    Archivio Archivio  GRUPPO SPORTIVOGRUPPO SPORTIVO  FotoFoto  ChatChat  <font color=red>Caselle</font>Caselle
Archivio

Documenti Documenti
Manuale per la Chiesa di S.Giorgio martire di Tarmassia 1870 Manuale per la Chiesa di S.Giorgio martire di Tarmassia 1870
Visite pastorali Visite pastorali
Testamenti Testamenti
Archivio Parrocchiale Archivio Parrocchiale
Libri Libri
Giornali Giornali
Giornali 2 Giornali 2
Filastrocche Filastrocche
Cartografia 2 Cartografia 2
alberi genealogici alberi genealogici
Racconti, leggende Racconti, leggende
Archeologia Archeologia
Cartografia Cartografia
Poesia, Teatro Poesia, Teatro
Glossario Glossario
Dei Vicariati di Talmassia e Campolongo Dei Vicariati di Talmassia e Campolongo
Delibere di Giunta Delibere di Giunta
Siti web Siti web

Ultime dal muro...
muro Foto Tarmassia Calcio 1999-2000
di F.G. - 17:55 (09/01/2017)
Buonasera, sto cercando foto relative al Tarmassia calcio della stagione 1999-2000 o forse 1998-99. L'annata dei ragazzi era 1989 categoria pulcini. Sarei grato a chi me le inviasse. a: info@tarmassia.it Cordiali saluti.
muro wipiyior
di Johne52 - 09:55 (27/09/2016)
Wow! This could be one particular of the most useful blogs We've ever arrive across on this subject. Actually Excellent. I'm also an expert in this topic so I can understand your hard work. fegdbdagfdeb
muro SOS foto sagra
di Stefano - 22:09 (29/06/2016)
Stiamo cercando foto della sagra di Tarmassia (anni '60-'70-'80-'90) per una mostra a settembre. Saremo grati a chi ce le inviasse a: info@tarmassia.it. Grazie!
archivio storico Scrivi sul muro!
Utenti collegati
Stanno visitando il sito 92 utenti
tarmassia.it

Relazione della visita pastorale del vescovo di Verona

I Visitatio Sebastiano Pisani (23.11.1654)

s.g. 03.02.09

I Visitatio Sebastiano Pisani (23.11.1654)

Si tratta della prima delle tre visite del vescovo Pisani. La relazione risulta interessante perchè cita due opere ai lati della pala di S.Giacinto (qui detta di S.Bonaventura) raffiguranti S.Carlo e S.Felice, mai nominate altrove. Si svela anche il mistero della lacuna presente nella pala della Visitazione: si tratterebbe di una nicchia devozionale (fenestella) che conservava un quadro della Vergine Maria a cui il popolo di Tarmassia era molto devoto. Gli altari minori risultano in tutto quattro: quello del corpo di Cristo, gestito dall'omonima confraternita, quello di S.Antonio abate della famiglia Bonadiman, quello dei conti Guglienzi, quello della Visitazione a cui provvede la confraternita della Vergine Maria. Si cita il testamento di  Bonaventura Guglienzi, le cui volontà non sono state ancora eseguite. Il vescovo ordina solo di elevare una colonna con croce nel cimitero.
La cappella campestre nel luogo di Campolongo qui detto -Vecchio- è degli eredi di Alessandro Nogarola, che vi fanno celebrare 2 volte la settimana.

If.211I Tarmassiae –

If.211I Su Tarmassia –

Die lunae, mane, 23 novembris 1654.

Il giorno di lunedì, la mattina, 23 novembre 1654.

Discendens illustrissimus et reverendissimus dominus episcopus antedictus, cum toto eius comitatu, a Bodolono Tarmassiam proficiscitur;

Scendendo da Bovolone con tutto il suo comitato, l’illustrissimo e reverendissimo signor vescovo predetto si recò a Tarmassia.

Quo cum pervenisset, fuit a reverendo domino Ioanne Maria Palirolo rectore, archipresbytero nuncupato, Sancti Georgii, in cuius aedibus benigne exceptus;

Appena arrivò, fu accolto benignamente nella sua casa dal reverendo signor Giovanni Maria Palirolo, detto arciprete, rettore di San Giorgio.

Inde sub baldachino cum processione populi ecclesiam per solitas ceremonias ingreditur, osculata in limine cruce ab eodem archipresbytero porecta, humilique facta adoratione, populo benedixit et indulgentiam plenariam, apostolica auctoritate, est impartitus;

Poi, sotto il baldacchino con processione del popolo fece ingresso in chiesa con le consuete ceremonie, oscurata sopra la croce sorretta dallo stesso arciprete, e fatta umilmente adorazione, benedisse il popolo e fu impartita l’indulgenza plenaria, con apostolica autorità.

Missam celebravit et mares et foeminas circa centum comunicavit et octuaginta circiter sacro salutis chrismate perunxit;

Celebrò messa e confessò circa cento uomini e donne e ne unse circa ottanta con il sacro crisma della salvezza.

Preces pro defunctis absolvit et non nullos pueros in doctrina christiana est expertus.

Assolse alle preghiere per i defunti e non fu trovato nessun bambino nella dottrina cristiana.

Visitavit sanctissimum Eucaristiae sacramentum, in pixide argentea in tabernaculo honorifico inaurato servatum.

Visitò il santissimo sacramento dell’Eucaristia, conservato in una pisside d’argento all’interno di un onorevole tabernacolo dorato.

Fontem baptismalem, olea sancta omnia in vasculis argenteis cum pelvi et cocleari pariter argenteis noviter comparatis, sacristiam, calices, patenas, sacram suppelectilem, in armariis noviter fabrefactis bene dispositam, missalia, libros mortuorum, matrimoniorum et baptizatorum.

Il fonte battesimale, gli olii santi tutti in vaschette d’argento con manici e coperchi parimenti in argento pari al nuovo, la sacrestia, i calici, le patene, la sacra suppelletile, i messali, i libri dei morti, dei matrimoni e dei battezzati.

Altare maius, cum portatili, bene tentum, cui providet dominus archipresbyter.

L’altar maggiore, con portatile, tenuto bene, al quale provvede il signor arciprete.

Altare corporis Christi, cum portatili, decenter ornatum;

L’altare del corpo di Cristo, con portatile, ornato decentemente;

est societatis, quae ei providet;

c’è una confraternita, la quale vi provvede;

habet ducatos duodecim in anno cum oneribus ex legatis, quibus datur executio.

ha dodici ducati all’anno dai legati con oneri, ai quali è data esecuzione.

Altare sancti Antonii, pariter cum portatili, illorum de Bonadomanis, qui ei provident et in eo aliquando ex devotione celebrare faciunt, cum nullos habeat redditus neque onera;

L’altare di Sant’Antonio, parimenti con portatile, dei Bonadiman, i quali vi provvedono e presso il quale fanno celebrare ogni tanto per devozione, poiché non ha redditi né oneri;

est decenter ornatum.

e’ decentemente ornato.

Altare sancti Bonaventurae, nobilium de Gulientiis, cum portatili, ab eis bene tentum.

L’altare di san Bonaventura, dei nobili Guglienzi, con portatile, dai quali è ben tenuto.

Relatum fuit excellentissimum in Christo dominum Bonaventuram Gulientium eius testamento reliquisse societatibus quartum decimae et ducatos tercentum capitalis, cum onere non solum manutenendi lampades duas accensas ante imagines a lateribus dicti altaris existentes – unam sancti Caroli, alteram vero sancti Felicis – dum missa celebratur et vespertine preces decantantur festis diebus, verum etiam celebrandi tot missas quot supererit, deductis expensis;

Fu informato che l’eccellentissimo in Cristo signor Bonaventura dei Guglienzi nel suo testamento dispose che fosse lasciato alle compagnie laicali un quarto della decima e trecento ducati di capitale, con l’onere non solo di mantenere le due lampade accese davanti alle immagini esistenti ai lati del detto altare – una di S.Carlo, l’altra invero di S.Felice – bensì che sia celebrata messa e siano cantate le preghiere vespertine nei giorni di festa, invero anche di celebrare tante messe quante  spettino, dedotte le spese.

De testamento interrogatus fuit dominus Bartholomaeus Vantus notarius de nuper evoluto mense maii, sed adhuc non fuit data executio legato predicto.

Sul testamento fu interrogato il signor Bartolomeo Vanto notaio de nuper evoluto nel mese di maggio, ma adhuc non fu data esecuzione al predetto legato.

Altare visitationis beatae Mariae virginis cum portatili, decenter ornatum; societas eiusdem providet ei de necessariis;

L’altare della visitazione della beata Vergine Maria con portatile, decentemente ornato; una compagnia laicale vi provvede del necessario;

habet ducatos viginti ex legatis cum oneribus missarum, quibus satisfit;

Ha venti ducati dai legati con oneri di messe, ai quali soddisfa ;

a pede iconae adest fenestella in qua dum aperitur inspicitur imago beatae Mariae virginis, in veratione populi.

Ai piedi della pala c’è una fenestella (edicola a forma di finestra) nella quale, quando si apre, si vede un’immagine della beata vergine Maria, venerata dal popolo.

Societates bene reguntur et massarii reddunt computa coram domino archipresbytero.

Le compagnie laicali sono ben rette e i massari redigono i conti assieme al signor arciprete.

Sub ipsa cura sunt animae a comunione 150, in totum 300.

Sotto la stessa cura vi sono 150 anime da comunione, in totale 300.

Ecclesia est decentis formae et bene ornata;

La chiesa è decente nella forma e ben ornata;

pueri instruuntur in doctina christiana;

I bambini sono istruiti alla dottrina cristiana;

adsunt obstetrices, bene calentes formam baptismi;

Vi sono delle ostetriche, ben calentes la forma del battesimo;

nulli sunt inconfessi.

Nessuno è inconfesso.

Interogati ex senioribus de archipresbytero, bene responderunt.

Interrogati degli anziani sull’arciprete, ne parlarono bene.

Quibus peractis, cum omnia bene se habere invenisset, nil ordinandum censuit nisi quod in coemeterio ellevetur parva columna, cum cruce ferrea in apice prefixa.

Per quanto riguarda le cose da fare, avendo trovato tutto in ordine, non rilevò nulla da ordinare se non quello di innalzare nel cimitero una piccola colonna, con una croce di ferro fissa in sommità.

Domum rediit et prandium sumpsit;

Tornò a casa e pranzò ;

a prandio vero, reversus in ecclesiam, non nullos confirmavit.

Dopo il pranzo, tornò in chiesa, non confermò nessuno.

If.212I Oratorium Sanctae Agatae

 

Administrato sanctissimo confirmationis sacramento in parochiali, se contulit idemet illustrissimus et reverendissimus dominus dominus episcopus ad oratorium publicum sive simplicem ecclesiam Sanctae Agatae, de iure haeredum illustrissimi domini comitis Alexandri Nogarolae;

Amministata il santissimo sacramento della cresima nella parrocchiale, l’illustrissimo e reverendissimo signor vescovo si recò subito all’oratorio pubblico o semplice cappella di Sant’Agata, sotto la giurisdizione degli eredi dell’illustrissimo signor conte Alessandro Nogarola.

quam ingressus visitavit, cum unico altare cum portatili;

arrivato lo visitò, con un solo altare con portatile;

est intra limites Tarmassiae et dominus archipresbyter in eo celebrat bis in hebdomada, stipe ducatorum viginti duorum ab ipsis heredibus tradita;

è entro i confini di Tarmassia e il signor arciprete vi celebra due volte la settimana, per uno stipendio di ventidue ducati pagati dagli stessi eredi;

secum portat paramenta ad sacrum faciendum necessaria, cum poenitus eis careat.

Porta con sé i paramenti necessari per celebrare, poiché poenitus mancano.

Ecclesia ipsa est in campanea et apellatur Campo Longo Vecchio.

La cappella è in campagna e si chiama Campo Longo Vecchio.

Mandavit provideri de omnibus necessariis ad missam celebrandam;

Ordinò di provvedere di tutto il necessario per la celebrazione della messa;

portatile vero paulum a mensa ellevetur itaut a superficie illius extet per dimidium digitum transversalem et cominus redducatur ad pectus sacerdotis celebrantis.

Il portatile davvero piccolo sia elevato dalla mensa cosicchè dalla superficie dello stesso stia per mezzo dito trasversale e cominus sia riportato al petto del sacerdote celebrante.

Domun rediit, cenam sumpsit et pernoctavit.

Ritornò a casa, cenò e pernottò.

I.212.vI Villafontana – die martis, mane 24 novembris 1654. Illustrissimus et reverendissimus dominus episcopus antedictus, discendes Tarmassia, Villafontanam profiscitur;

I.212.vI Villafontana – martedì mattina, 24 novembre 1654. L’illustrissimo e reverendissimo signor vescovo predetto, lasciando Tarmassia, si diresse a Villafontana.

n.b. alcune parole non sono state tradotte.


fonte testo: Sebastiano Pisani I Prima Visita Pastorale alle chiese della città e diocesi di Verona anni 1654 - 1661, Trascrizione dei Registri XXI-XXII delle Visite Pastorali a cura dell'Archivio Storico della Curia Diocesana di Verona, Verona 1998


Vedi anche:
 (Archivio -> Visite pastorali) "III Visitatio Sebastiano Pisani (19.05.1679)"

Torna indietro

Copyright © 2002 Credits. Tutti i diritti sono riservati.