verona
domenica, 19 novembre 2017
Cerca          cerca documenti
 OggiOggi  NotizieNotizie  StoriaStoria    Archivio Archivio  GRUPPO SPORTIVOGRUPPO SPORTIVO  FotoFoto  ChatChat  <font color=red>Caselle</font>Caselle
Archivio

Documenti Documenti
Manuale per la Chiesa di S.Giorgio martire di Tarmassia 1870 Manuale per la Chiesa di S.Giorgio martire di Tarmassia 1870
Visite pastorali Visite pastorali
Testamenti Testamenti
Archivio Parrocchiale Archivio Parrocchiale
Libri Libri
Giornali Giornali
Giornali 2 Giornali 2
Filastrocche Filastrocche
Cartografia 2 Cartografia 2
alberi genealogici alberi genealogici
Racconti, leggende Racconti, leggende
Archeologia Archeologia
Cartografia Cartografia
Poesia, Teatro Poesia, Teatro
Glossario Glossario
Dei Vicariati di Talmassia e Campolongo Dei Vicariati di Talmassia e Campolongo
Delibere di Giunta Delibere di Giunta
Siti web Siti web

Ultime dal muro...
muro Foto Tarmassia Calcio 1999-2000
di F.G. - 17:55 (09/01/2017)
Buonasera, sto cercando foto relative al Tarmassia calcio della stagione 1999-2000 o forse 1998-99. L'annata dei ragazzi era 1989 categoria pulcini. Sarei grato a chi me le inviasse. a: info@tarmassia.it Cordiali saluti.
muro wipiyior
di Johne52 - 09:55 (27/09/2016)
Wow! This could be one particular of the most useful blogs We've ever arrive across on this subject. Actually Excellent. I'm also an expert in this topic so I can understand your hard work. fegdbdagfdeb
muro SOS foto sagra
di Stefano - 22:09 (29/06/2016)
Stiamo cercando foto della sagra di Tarmassia (anni '60-'70-'80-'90) per una mostra a settembre. Saremo grati a chi ce le inviasse a: info@tarmassia.it. Grazie!
archivio storico Scrivi sul muro!
Utenti collegati
Stanno visitando il sito 18 utenti
tarmassia.it

Racconti, leggende

La storia raccontata dalle persone.
  Bongiorno boaro - Augusta Giuseppina Coltro

L’è bruta esar sordi… L’è come che ‘l boaro (boaro l’è quel che ‘ndasea drio a le vache) che l’è ndà nel campo a arar.
Dopo un toco el se ferma par far ponsar le bestie.
Riva...

  Cojoni, arziprete! - La Redazione di ToL

Un giorno, Ferucio Isepato, che l'era prete a Tarmassia, el ga tolto su la bicicleta noa e la scomizià a butarse zò dala discesa che ghe in peto a Biola, par andar zo al Tormine. El gavea...
  El barbier partigian - Devis Gobbi

Durante el periodo de la seconda guera mondiale a Tarmasia serene pieni de partigiani. Ghe n’era tanti che scondea ne la so casa, ne la stala, nel fenil, nel granar partigiani. Anca...

  El can fedele - Augusta Giuseppina Coltro

To nono Bepi el ‘ndasea a cazar na calche olta anca con don Luigi. A olte el ‘ndasea a trar insieme con Brentegani, che ‘l stasea ndo che ghe adeso Baraca. Na olta iè ‘ndè fin a...

  El giorno dei morti - Augusta

El giorno dei morto noialtri gaveene solo me fradel morto a Isola parche’ no ghe n’aveene altri. Alora d’ista’ la ciapava dei bei rami de spini cristi e la fasea un tono, ma dei...

  El merlo storlo - La Redazione di ToL

Un giorno, du, marì e mojer, i sa meso ala finestra e lu el ga dito: "Arda, mojer, un merlo!". "Alà, oco, - ela la ga respondido - no te vedi che l'è un storlo!". "No, mojer, arda che te te...
  El morto zo da la finestra - Devis Gobbi

A Tarmassia dove oggi c’e’ la casa di Benedetto una volta vi era la mura del conte che costeggiava tutta via XXV Aprile fino ad arrivare nella punta col bivio per Isola e si ricollegava...
  El Pàparo - A.C.
El so mestier l’era portar l’acqua a le done nei campi… el gavea un boracion al col….
El vegnea da Casalbergo co’ la so fisarmonica e el se metea lì a San Zen, tra la strada e la corte indoe adeso...
  El paradiso de geova - Augusta Giuseppina Coltro

Quando son stà a l'ospedal a gavea in parte una de quei de geova.

La volea saver quando che vegnea el prete par far la comunion che ela la se serava su in bagno….

E...

  I bechi - Augusta Giuseppina Coltro

To nono ‘na olta l’era in vià piantar dei bechi in peto la strada.
Pasa ‘na dona che la ghe dimanda: “Bepi, cossa piantelo?“
“Bechi, parchè ghe ne pochi a Tarmasia…”

N’altra...

  I butini de na olta - Augusta Giuseppina Coltro

I mei (fioi) i ga sempre pianto assè. Mi dormea istesso! Me pora mama (Corina) la me ciamava: "Pina arda che ghe Sergio che pianze!".
Late no ghe no mai avuo e...

  I capeleti sul luamàr - Lucia Minozzo
L’è tri mesi che i dise che pioe: Marti, Mercoli, Giovedi.
Mi no jè scolto pì….
Vardo la luna: se el zercolo l’è rosso e picenìn, vol dir che no pioe mia. O vardà se è vegnu su i capeleti...
  I ladri de galine - D.G.

I ladri i era speso a Tarmasia, par no dir sempre. I portava ja le galine. 
I era 'ndè a Zanon e tante altre fameje.
Mi stasea zà in piaza, in peto al...

  I Pampani de Raldon - Pina
Quando che rivà el prete noo a Raldon el ga fato la prima messa.
Quando che l’è sta ora de dir la predica, el ga scominzià disendo:
“Io sono la vite e voi i miei PAMPANI”.

Da...
  Il passaggio segreto - Vari

 Si racconta che attraverso il cantinato di una delle corti di Tarmassia (di...

  L'avea visto la paura - Augusta G. Coltro

Na olta d'ista’ i fasea la lumera co' le angurie e i spaentava la gente e anca i veci. Arde’ che i era indrio anca i veci parchè i ciapava paura par na lumera....

  L'ultimo de l'ano - Augusta G. Coltro

Naolta non ghera mia l'ultimo de l'ano come 'desso.
Pensa che se disea la novena in cesa e, in piu', tute le sere ghera la predica.
'Ndaseene in cesa contenti e vegnendo de...

  La "baby-sitter" - Augusta G. Coltro

Quando stasea a Zanon, là da Minozi, noialtri, mi me mama e me sorela, staseene lì in corte.
I Favali i stesea lì nel palazo e iera i castaldi.

Mi tegnea...

  La "regaglia" - La Redazione di ToL

Tarmassia l'era 'na parochia che la stasea ben: la gavea, me par, otanta campi, anca se dopo i ga magnà fora tuto. A me ricordo che ci gavea i campi del prete, l'arlevava dei...

  La banda - Augusta Giuseppina Coltro

To bisnona l'è rivà quasi a zent'ani... ghe mancava solo calche mese.
El poro Sergio el disea sempre: quando che la fa zent'ani ciamemo la banda de Isola!
Un giorno el cata el capo de la...

  La candela - Augusta G. Coltro
I dise che quando vegnemo al mondo gavemo tuti na candela: ci curta, ci longa. Pisse l’è longa pissè se campa. Fin che se deventa veci la se comsuma.
 Varda me pora mama, l’è rivà a zent’ani…...
  La gazega - Devis Gobbi

Mia madre, mia sorella ed io ci trasferimmo dalla casa vicino al Zugal a Zanon nella casa dopo el porton de Osa. Fu un periodo felice. Lavoravamo per i siori Minozzi. Dopo la raccolta veniva...
  La Leggenda del Bosco della Carpenea - Vari

Un Contadino, un tipo serio e di poche parole, narrava che un giorno un suo compagno, spintosi nel Bosco della Carpenea,...

  La leggenda di Malpasso - Lorenzo Bighellini

Ghe 'na storia su Malpasso, la seto?
Malpaso l'è la strada che va da Franzìn fin a le Crosare de Bogolon.
Prima ancora la se ciamava strada...

  La Madona - Devis Gobbi

Quando ero giovane mia madre mi fece un vestito bianco apposta per partecipare alle processioni della Madonna. Mia madre era una brava sarta. Era lei che ci cuciva tutti i vestiti. Il vestito...
  La meza galina - Augusta "Pina" Coltro

Na ‘olta, a Nadal, gaveene el predicator. Don Luigi el le mantegnea par oto giorni e la zente la gavea da portarghe calcossa in canonica. A ghe stà na olta so pora mama de...

  La Prima Comunion - Devis Gobbi

Mia mamma, dopo che mio padre era partito per la guerra (1915-1918), si era trasferita a Isola assieme a mia sorella, mio fratello ed io. Abitavamo nella casa dopo el "Casìn", nella stradina...
  La ripetizion - La Redazione di ToL

...Quei da le Casele iè sempre stè pitochi... A me ricordo che ghera el prete che 'l dasea ripetizion.
A mi gavea Enzo che l'era stà rimandà a Setembre e alora go dito: "Dai,...

  La scala... mobile
Per continuare a studiare andavo fino ad Isola a piedi. Dopo mi sono ammalato e ho cominciato a fare il muratore con mio padre. Ricordo una volta che stavo lavorando al tetto della chiesa di...
  La scrita sul muro - Lorenzo Bighellini

Na olta, quando emo messo ben la casa, emo catà de sora la porta na scrita. L’era fata su la malta, co un ciodo forse, come un quadrato e l’era dura, dura, dura....

  La serva che spigolava cafè - Pina

Pajalonga el savea porta ia la perpetua dal so paese, no me ricordo mia el nome. Quando ch’è rivà don Luigi no i ‘ndasea mia tanto d’acordo e alora i ga fato la casa in parte la canonica, ‘ndo stà...

  La zapeta in leto - Augusta Giuseppina Coltro

Adeso un pochetìn manco, ma 'na olta, quando s'era butela, la matina 'pena sveja, s'era catìa, catìa come el chinìn, che nissuni podea dirme gniente...
Le me amiche le me vegnea...

  Le bombe sul treno - Zita

L'era el giorno dei morti e sera invia' andar a messa con me sorela Agnese e me cusini. Semo partii dala Noarina e quando semo rive' inpeto ai Barbaini emo visto che ghera dei aeri pararia. Fin...

  Le bombe sul treno - Lorenzo Bighellini

El giorno dei santi i americani i ga bombardà un treno qua a Tarmasia. L’era stà don Luigi a ciamar i americani, parchè l’avea visto el treno da distante col...

  Le campane e i tedeschi - Devis Gobbi
Durante la prima guera mondiale par costriur i canoni ia’ requisio le campane de Tarmassia. Una sola i ghe na avea lassa’ parche el prete l’avea fato la oze grossa e l’era riussio a salvarla. Ala...
  Le robe dei veci - Pina
Le robe dei veci iè quatro: par primo i ociai, dopo el bastòn, terzo ven su la goba e par finir... el...
  Le rogazioni - Augusta

Me ricordo che Isepato el gliè fasea. Quando che ghera suto, el ‘ndasea la matina con un par de ceregheti al Tormine, ala Noarina, a Zanon, a darghe ‘na benedizion...

  L’oto setembre del 1944 - Lino Gobbi

L'otto settembre del 1944 il re Vittorio Emanuele III e il capo del Governo Badoglio annunciarono l'armistizio con le forze...

  Morgan "Bognolo" - Lorenzo Bighellini

In tempo de guera gaveimo tegnù quasi du ani in casa un soldà inglese. El se ciamava Morgan. Lo tegneene sconto in casa, ma de note el ‘ndasea a dormir insieme a un...

  Pajalonga e i popoveri - Z.C.
Pajalonga l’era un signore… magro, alto, par ‘ndar sul cimitero el gavea n’ombrelìn bianco.

Pajalonga el gavea un bel figar in parte la canonica.
Mi...
  Pascolar i leori
Ho fatto ogni mestier: boarotto, manual, contadino, brazente, anca el mediator, dopo la guerra. Avevo appena cominciato a fare il manovale, quando un giorno mi ferma “el vecio Barbain”, un tipo...
  Porta Pazienza - Augusta G. Coltro

Na olta, no so mia parchè, è vegnuo Renzo Balestra; l’era un pochetìn inrabià, no so…
Beh, mi go dito: “Renzo, porta pazienza… “
E lu el ma dito:...

  Quando e' morto me mama - Augusta G. Coltro

Quando che è morto me mama parea che la se le sentesse.
La ma ciamà de note parchè la volea che la vestesse e che la metesse in sentòn sul leto.
Iera...

  Ricordi e testimonianze su don Giuseppe Andreoli - Vari
DON GIUSEPPE ANDREOLI parroco di Tarmassia per 42 anni nato a Malcesine il 2 febbraio 1874 morto a Tarmassia il 19 giugno 1949
TESTIMONIANZE E RICORDI RIGUARDANTI DON...
  Santa Lùzia - Augusta G. Coltro

  Sposarse ale zinque dela matina - La Redazione di ToL

Na olta se se sposava tute a vint'ani, vintidu, senò se gavea vergogna. A dir la verità, tante bisognava che le se sposese. Se 'ndasea a morose solo el giovedi e la festa, no come adeso tuti i...
  Sul Campagnol.. - Augusta

Adesso sul campagnol ti te vedi l’ostaria de Fianco ma na olta no la ghere mia l’ostaria, l’era dove adesso ga la pizzeria Antonio. Quando che l’era setembre che...

  Vin santo - La Redazione di ToL

Me ricordo che quando o batezà el me poro Sergio, ga tegnuo da santoli, el vecio "Cristin" e 'l vecio "Ferari", che par via de goti no savaria ci dei du fuse pezo ... Me ricordo che 'l prete,...

Torna indietro

Copyright © 2002 Credits. Tutti i diritti sono riservati.