verona
venerdì, 24 novembre 2017
Cerca          cerca documenti
 OggiOggi  NotizieNotizie  StoriaStoria    Archivio Archivio  GRUPPO SPORTIVOGRUPPO SPORTIVO  FotoFoto  ChatChat  <font color=red>Caselle</font>Caselle
Archivio

Documenti Documenti
Manuale per la Chiesa di S.Giorgio martire di Tarmassia 1870 Manuale per la Chiesa di S.Giorgio martire di Tarmassia 1870
Visite pastorali Visite pastorali
Testamenti Testamenti
Archivio Parrocchiale Archivio Parrocchiale
Libri Libri
Giornali Giornali
Giornali 2 Giornali 2
Filastrocche Filastrocche
Cartografia 2 Cartografia 2
alberi genealogici alberi genealogici
Racconti, leggende Racconti, leggende
Archeologia Archeologia
Cartografia Cartografia
Poesia, Teatro Poesia, Teatro
Glossario Glossario
Dei Vicariati di Talmassia e Campolongo Dei Vicariati di Talmassia e Campolongo
Delibere di Giunta Delibere di Giunta
Siti web Siti web

Ultime dal muro...
muro Foto Tarmassia Calcio 1999-2000
di F.G. - 17:55 (09/01/2017)
Buonasera, sto cercando foto relative al Tarmassia calcio della stagione 1999-2000 o forse 1998-99. L'annata dei ragazzi era 1989 categoria pulcini. Sarei grato a chi me le inviasse. a: info@tarmassia.it Cordiali saluti.
muro wipiyior
di Johne52 - 09:55 (27/09/2016)
Wow! This could be one particular of the most useful blogs We've ever arrive across on this subject. Actually Excellent. I'm also an expert in this topic so I can understand your hard work. fegdbdagfdeb
muro SOS foto sagra
di Stefano - 22:09 (29/06/2016)
Stiamo cercando foto della sagra di Tarmassia (anni '60-'70-'80-'90) per una mostra a settembre. Saremo grati a chi ce le inviasse a: info@tarmassia.it. Grazie!
archivio storico Scrivi sul muro!
Utenti collegati
Stanno visitando il sito 39 utenti
tarmassia.it

Il padre di Giannicola Prandini

Terzo testamento di GianBattista Prandini

s.g

A due mesi dalla sentenza di condanna del suo primogenito per il rapimento della vedova Cassandra Stiver, GianBattista Prandini rivede il suo testamento, diseredando di fatto GianNicola.
Lascia alla moglie Gentila una bella proprietà in ValPolicella, al figlio Francesco due pezze di terra che aveva riacquistato dallo stesso Giannicola (forse in vista della confisca) e indica come suo successore nel Consiglio Comunale di Verona, Agostino. Alle 3 figlie viventi (di cui 2 monache) e alla nipote di una sua figlia morta,  lascia dote, denaro contante e vitalizi. Vuole che per 50 anni non si venda la sua casa in contrada S.Andrea.
Dà mandato ai figli maschi, Francesco ed Agostino, nominati eredi universali, di riacquistare i beni che il demanio della Serenissima confiscò a GianNicola e di rendere 12 ducati l'anno al disgraziato fratello bandito, somma appena bastante per vivere.

Dopo questa data, GianBattista e Gentila metteranno al mondo altri due figli, di cui almeno uno, Giulio, avrà lunga vita. Si suppone che GianBattista muoia nel 1587, anno in cui il figlio Agostino lo sostituisce nel seggio del Gran Consiglio di Verona.

TRASCRIZIONE

TRADUZIONE

176

 

LAV

BON

N

 

1584

 

Testamentum No.Jo:Bap.tae Prandini de S.Andrea.

 

In Christi Nomine anno a nativitate eiusdem millesimo quingentesimo octua= gesimo quarto indictione duodecima die Jovis quintodecimo mensis martij Veronae in camera terrena domus habitationis infrascripti testatoris contractae S.Andreae Presentibus Eg. Philippo filio Eg. Orlandi Flacci de S.Joanne             in valle notario rogato in solidum cum me notario infrascripto et scribere et subscribere

per ut infra. R.do D. Jo: Baptista q. D. Pauli de Cisanis archypresbitero aec= Clesiae S. Andreae D. Joanne et D. Aloysio fratribus filijs de Francisci      Trivellae de S.Andrea .D. Jo:Baptista et D. Nicolao fratribus fq D.                   Alexandri de Thedoldis de S. Matheo cum curtinis, Hieronjmo q.            PetriAntonij de Burris de S. Egidio, et messer Petro Fillatorio q. m Tini           Voltolini de S. Andrea Veronae omnibus asserentibus conoscere infrascriptum Testatorem testibus idoneis notis adhibitis specialiter et rogatis.

 

 

No.Jo:Baptista fq. D. Hieronymi de Prandinis de S. Andrea Veronae            iacens ibidem in lecto sanus gratia Salvatoris eterni mente et                          intellectu sed corpore languens antem supremum fati sui adventum                       presens nuncupativum testamentum sine scriptis in hunc modum facere procuravit.

 

Et primo anima sua omnipotenti deo eiusque gloriosae genitrici Mariae             semper virgini devote commissa cadaver suum positum in capsa picea              reponi iussit in aecclesia S. Andreae ibi permansurum donec per haeredes                      in ipsa aecclesia construendum fuerit monumentum ante altare bea=               tissimae virginis in quo postea  reponantur cadaver ipsum et cadavera              patris matris et d. Juliae ac Hieronimi filiorum testatoris, pro exequijs vero            suis semel dari iussit ducatos decem R.do archypresbitero ipsius                 aecclesiae S.Andreae qui onus habeat ipsas exequias celebrando                     cum eoris necessarijs et presertim celebrari faciendi in ipsa aecclesia                    primo et secundo diebus secunturis obitum testatoris duo officia missarios           viginti pro quoque per anima testatoris nam intentio testatoris est que exequiae ipse

 

 

[alia cartella]

 

fiant in ipsa aecclesia non autem extra ecclesiam.

 

Item semel dari iussit ipsi archypresbitero S.Andreae libras centum et quindecim ducatorum per eum convertendas prout ipse testator illi imposuit ordenus.

 

Item legavit societati sacratissimi corporis Christi fundatae in aecclesia S.Andreae

libras novem ducatorum semel.

 

Item iure legati et per alimentis ac pro satisfactione laborum factorum per infrascripto

D. Romanam domi testatoris reliquit et legavit D. Romanae eius filiae            naturali ducatos centum in pecunia numerata et ea mobilia qua                          per ipsa domina erunt parata illi semel dandos et danda et in eius dotem convertenda tempore quo viro copulabitur, et interim ipsi D. Romanae       reliquit alimenta condecentia victus et vestitus penes heredes infrascriptos.

 

Item iure institutionis reliquit et legavit D. Laurae eius nepti ex q. D.na  Ginepra eius filia olim uxor Eg. Caroli Novarini et Eg. Hieronimo Novarino                      eius fratri ducatos septuagintaquinque de grossi trigintauno illis semel dandos in tertio annorum trium secuturor obitum testatoris. Item ducatos quinquaginta Dominae Laurae et ducatos vigintiquinque Novarino et hos ultra dotes traditus qua eos infrascriptis.

 

 

Similique iure institutionis reliquit et legavit D. Helenae eius filiae dotes       suas et ultra grossos quindecim semel et filijs q. D. Juliae similiter                            eius filiae dotes traditas ipsi. Qui eorum matri et ultra grossos quindecim  semel. Atque sorori Aureliae professe monasteri S. Danielis et sorori Paulae                     professe monasteri S. Mariae a virginibus filiabus testatoris ducatus duos per quaque illis dandos omni anno donec vixerint. In quibus quidem quantitatibus             sic eisdem filiabus suis et neptibus ac nepotibus reliquis easdem filias                   suas neptis et nepotis sibi haeredes instituit jubens et mandans illas                             ac earum liberos et dictos nepotes et neptes fore tacitas et contentas                     ac tacitos et contentos per omni parte et portione quae sibi quomodolibet               deberet et nihil amplius petere aut requirere posse in bonis et                     haereditate dicti testatoris cum ragione ligitimae et debiti bonorum sub=                   sidij atque alia quacumque ragione iure modu vel causa.

 

 

 

Item    reliquit   et  legavit  D.  Gentilae   eius  uxori   totam   eius   possessionem             

 

[cambio pagina]

 

generis cuiuscumque jacentem in pertinentia del Quaro vallis policellae in suos confines Quae sit pro satisfactione dotis suae et per omni alia sua pre=   tensione ex quacumque causa. Qua Domina Gentila donec vixerit teneat                      dare medietatem frugum ipsius possessiones infrascripti Augustino et Francesco filijs suis donec ipsa D. Gentila vixerit.

 

Item prelegavit D. Francesco eius filio eas duas pezzas quas ipse testator acquisivit a D. Jo: Nicola eius filio post assignationem bonorum                         illi factam per ducatus trecentis decem octo seu quocumque? de? est cum onere super

eis existentem in pleno dominio et libera dispositione ipsius Francisci.

 

Similiter prelegavit D. Augustino eius filio omnes eius scripturas et Instrumenta et  Banchum in Palatio. Rogans Domini presides qui                            tunc temporis reperientur ut ipsus Banchus confere voluit in                 personam ipsius D. Augustini eius filij.

 

 

Item iure institutionis reliquit et legavit D.nis Jo:Nicolai Augustino                            et Francesco filijs suis omnia ea bona quae dictus testator illis et cum libet             eorum assignavit ut patet instrumentum manu Eg. Joseph Ciseni notarius cum illis conditionibus oneribus et honoribus quae sunt descriptis in ipso instrumento quorum filiorum suorum uni ut pluribus quondocumque decedenti                                                                                                                               seu decedentibus substituit eorum filios masculos legitimos et natos                               et de legitimo matrimonio natos si extabunt, sed si non extabunt                                   illi sic decedenti substituit reliquos filios superstites in capita                                   seu predefunctor filios masculos legitimos et naturales et de                             legitimo matrimonio natos in stirpem, ipsos quos omnes substitutos                         ac eorum descendentes masculos legitimos et naturales et de legitimo        matrimonio natos qualitatis predictae in vicem substituit de gradu                                in gradum ordine successivo usque in infinitum iuxta gradus                      prorogatinam vulgariter et per fideiconiussum expresse, ultimo                                 vero eorum quandocumque decedecenti sine liberis masculis legitimis

 

[cambio pagina]

 

Et naturalibus et de legitimo matrimonio natis qualitatis super                                 dictae substituit filios masculos legitimos et naturales et de                              Legitimo matrimonio natos qui m.ci equitis D. Bartholomei de                         Prandinis in capita vel eorum descendentes masculos qualitatis                          predictae in stirpem vulgariter et per fideicomissum expresse. Et in                    casibus predictis dotes mulierum ex.hantur iuxta iures facultatis.

 

In omnibus autem alijs suis bonis mobilibus et immobilibus iuribus                                                    et actionibus presentibus et futuris ubicumque existentibus comprehensis                                        etiam bonis confiscatis ipsi Jo: Nicolae quae acquerere intendit                                                     ab Ill.mo Dominio cum suis oneribus et honoribus suos sibi heredes universales instituit et esse voluit D. Augustinum et d. Franciscum                                                                                eius filios infrascriptos aequali et aequis portionibus, quibus mandavit iuxta causa que per ipsus testatorem acquerantur bona predicta confiscata et ipsa                                                               bona  deveniant in ipsos Augustinum et Franciscum et dent omni anno infr.pto Jo:Nicolae                                                                                                                                                                                                     eorum fratri omni anno ducatos duodecim donec vixerit ut se edere                                                                possit sub conditione  tamen que si Illustrissimum Dominium in presenti legato                            se ingerere vellet presens legatum ducatos duodecim sit nullum et extinctus.

 

Prohibens dictus testator eisdem Augustino et Francisco filijs suis et eorum descendentibus omnem alienationem et omnem actum et contractum                       per quem alienatio sequeretur Domus testatoris jacens Veronae in                contrata S.Andrea per annos quinquaginta secuturos obitus testatoris                 et si alienata fuerit talis alienatio sit nulla et nullius valoris                                 sed rei vendicatio pleno iure competat illi ex dictis fratribus                                      que non  alienaverit seu eorum ppercrimionis descendentibus quia eius               mens et intentio ipius testatoris est ista? Dicta domus salus                                         per ipsos annos quinquaginta construetur in dictis Augustino et                         Francisco et eorum descendentibus.

 

[cambio pagina]

 

Commissarios vero et suo executores huius sui testamenti                                          et ultimae voluntatis constituit elegit et ordinavit                                                      dictus testatore Mag.cum equitem D. Michaelem de Veritate                                       sp. Il. Doctorem D. Aurelium Prandinum et No. Aloj=                                                 sium de Mercadantis quibus et maiori eorum parti idem                                            testator contulit amplissimam licentia exequendi et termi=                                          nandi omnia per eum ut supra disposita.

 

Asserens et affirmans dictus testator hanc esse et esse                                        velle suam ultimam voluntatem et ultimum nuncupativum                          testamentum sine scriptis, quod et quam valere voluit                                                   et mandavit iure testamenti nuncupativi sine scriptis                                                        et si forte eo iure non valet et non valebit aut va=                                                               lere et tenere non potest seu non potent in futurum                                                     voluit et mandavit valere et tenere iure codicillorum                                                    aut donationis mortis causa et omni alia validiori ultra voluntate qua                   efficacius de iure valere et tenere potest seu poterit in futurum.

 

Cassans et annulans omnem aliud testamentum et ultimam voluntatem                  antea per eum factam seu ordinatam in scriptis ut nuncupatiui aut                          alias quomolibet presertim aliud suum testamentum manu mea sub                      die 9 augusti 1572 volens et mandans hanc eius ultimam voluntatem                   agens precedentibus prevalens et anteferis.

 

Rogans ore suo proprio omnes infrascriptos testimones ut testimones et memores esse deberent

huius sui testamenti et ultima voluntatis. Et nos notarios infrascriptos et utrumque notarium in solidum quatenus alter nostrum nrius scribat et in publicam

formam redigat, alter vero se subscribat iuxta forma iuris                                               et Statutorum Comunis Veronae.

 

Ego Laurentius fq. D. Antonij de Bonioannis de S.Egidio

 

[cambio pagina]

 

Veronae publicus imperiali aucthoritate notarius permissis omnibus et singulis interfui et

rogatus unaque mecum infrascriptus Philippus Flaccus notarius in solidum rogatus

a dicto testatore quem ita disponentem cognovi et sanae mentis esse

conspexi ea publice scripsi et in publicam formam redegi meque sub=              scripsi signo meo tabellionatus preposito consueto.

 

[cambio pagina]

 

15 martij 1584 indictione 12

Testamentus Nobilis JoanBaptistae Prandini de Sancti Andreae

Paratus die 20 martij 1584

Per Laurentius

Bonioannis notarius

======================================================================

 

TESTAMENTO N. 176, MAZZO N. 176, ARCHIVIO DI STATO VR

 

LORENZO

BONANNI

NOTAIO (segno tabellonario)

 

1584

 

Testamento del nobile GianBattista Prandini di S.Andrea.

 

Nel nome di Cristo, nell’anno 1584 dalla sua nascita, indizione dodicesima, il giorno giovedì 15 marzo in una stanza a pianterreno dell’abitazione del sottoscritto testatore in contrada S.Andrea a Verona.Alla presenza dell’egregio Filippo, figlio dell’egr. Orlando Flacci di S.Giovanni in Valle, notaio convocato in solido con me notaio sottoscritto a scrivere e sottoscrivere, insieme al sig. Reverendo GianBattista del fu Paolo de Cisani, arciprete della chiesa di S.Andrea, il sig. Giovanni e il sig. Aloisio fratelli figli di Francesco Trivella di S.Andrea, il sig. GianBattista e il sig. Nicola fratelli figli del fu sig. Alessandro Tedoldi di S.Matteo Concortine, Geronimo del fu PierAntonio Burri di S.Egidio e messer Pietro filatore del fu Tino Voltolini di S.Andrea di Verona, asserendo tutti di conoscre il sottoscritto testatore, testimoni idonei, noti, particolarmente adatti e richiesti.

 

Il nobile GianBattista, figlio del fu Geronimo Prandini di S.Andrea di Verona, giacendo a letto sano di mente ed intelletto per grazia del Salvatore eterno, ma soffrendo di corpo, prima che arrivi il suo ultimo destino, si è preoccupato di fare in questo modo il presente dichiarato testamento senza altri scritti.

 

E per primo, rimessa devotamente l’anima sua all’onnipotente Dio e alla sua gloriosa genitrice Maria sempre vergine, ordinò che il suo cadavere sia posto in una cassa di legno nella chiesa di S.Andrea e lì vi rimanga finchè gli eredi non avranno costruito nella medesima chiesa la tomba di famiglia davanti all’altare della beatissima Vergine e nella quale sarà in seguito riposto il suo cadavere e i cadaveri di suo padre, sua madre e della sig.a Giulia e dei figli di Geronimo e del testante; inoltre, per le sue esequie ordinò di dare al rev. Arciprete della stessa chiesa di S.Andrea 10 ducati, la cui somma serva per celebrare i funerali con le loro necessità e soprattutto per far celebrare nella stessa chiesa il primo e secondo giorno seguenti la sua morte due uffici di venti messe ciascuno per la salvezza dell’anima del testatore purchè secondo l’intenzione del testatore le stesse esequie avvengano

[cambio pagina]

 

nella stessa chiesa e non invece in altra chiesa.

 

Inoltre, ordinò di dare una sola volta allo stesso arciprete di S.Andrea

115 libbre da convertire in ducati per lui nel momento in cui lo stesso testante gli ha imposto l’ordine.

 

Inoltre, legò alla società del Santissimo Corpo di Cristi incardinata nella chiesa di S.Andrea libbre 9 di ducati una sola volta.

 

 

Inoltre, per legge di legato e per gli alimenti e per la soddisfazione dei lavori svolti nella casa del testante dalla signora Romana, lasciò e legò alla signora Romana, sua figlia naturale, 100 ducati in denaro contante e quei mobili che saranno procurati dalla stessa signora da darle una volta sola e da riversare in dote quando si sposerà; nel frattempo alla medesima signora Romana siano garantiti gli alimenti necessari, il vitto e l’abbigliamento a carico degli eredi sottoscritti.

 

Inoltre, per diritto d’istituzione lasciò e legò alla signora Laura, sua nipote, della fu Ginepra sua figlia, un tempo moglie dell’egregio sig. Carlo Novarini e all’egregio Geronimo Novarino suo fratello, 75 ducati 31 di grossi da dare a loro una sola volta nel terzo anno seguente la morte del testante. Inoltre 50 ducati alla sig.a Laura e ducati 25 a Novarino e ciò oltre alla dote lasciata agli infrascritti.

 

 

E similmente, per diritto d’istituzione lasciò e legò alla sig.a Elena sua figlia la sua dote e inoltre 15 grossi una volta sola e ai figli della fu sig.a Giulia, similmente sua figlia, sia trasmessa la dote che era della loro madre e inoltre 15 grossi. E alla suora Aurelia, professa del monastero di S.Daniele e alla suora Paola, professa del monastero di S.Maria delle Vergini, figlie del testante, 2 ducati ciascuna da dare loro ogni anno finchè vivranno. Nelle quantità così determinate lasciate alle sue figlie, ai nipoti maschi e femmine, istituì suoi eredi le sue figlie e i nipoti maschi e femmine. Confidando e ordinando a quelli e ai loro figli e ai suddetti nipoti maschi e femmine che siano taciti e contenti per ogni parte e porzione che a loro in qualsiasi modo sia dovuta e non chiedano niente di più e non possano richiedere in beni ed eredità del detto testante in ragione di legittima e debito sussidio di beni e per qualsiasi altra ragione davanti alla legge o processo.

 

Inoltre,  lasciò   e  legò  a  Gentila  sua  moglie  tutta  la  sua   proprietà

 

[cambio pagina]

 

di qualsiasi genere ubicata nelle pertinenze del Quaro vicino alla ValPolicella. Ciò sia a soddisfazione della sua dote et per ogni altra sua pretesa per qualsiasi causa. Finchè la sig.a Gentila vivrà sarà tenuta a dare la metà dei proventi della stessa proprietà ai sottoscritti Agostino e Francesco, suoi figli, finchè la stessa sig.a Gentila vivrà.

 

Inoltre, predestinò al sig. Francesco suo figlio, quelle due pezze di terra che lo stesso testante acquistò dallo stesso signor GianNicola suo figlio dopo l’assegnazione di beni a lui fatta per 318 ducati o in qualsiasi altro modo sia, con l’onere sopra esistente, in pieno dominio e libera disposizione dello stesso Francesco.

 

Similmente predestinò al sig. Agostino, suo figlio, tutte le sue scritture e documenti e il Banco a Palazzo. Chiedendo ai signori presidenti che quando sarà ora sia loro noto che volle che il Banco medesimo sia assegnato alla persona dello stesso sig. Agostino suo figlio.

 

Inoltre, per diritto d’istituzione lasciò e legò ai signori GianNicola, Agostino e Francesco suoi figli, tutti quei beni che lo stesso testante a loro e con loro piacere assegnò come risulta dall’atto per mano dell’egr. Giuseppe Ciseni notaio con quelle condizioni, oneri e onori che sono descritti nello stesso atto. I quali suoi figli, uno o più morente o morenti, sostituì con i figli maschi legittimi nati e nati da legittimo matrimonio, se ci sono, e se non ci sono, a quelli discendenti sostituì i figli superstiti rimasti a capo o se verranno a mancare i figli maschi legittimi e naturali e di legittimo matrimonio nati in stirpe, sostituì gli stessi tutti e i loro sostituti, discendenti maschi legittimi e naturali e di legittimo matrimonio nati secondo la qualità predetta al loro posto

di grado in grado in ordine successivo fino all’infinito secondo un grado successivo comunemente e per espressa fidecommissio, quando l’ultimo invero qualsiasi dei discendenti senza figli maschi legittimi

 

 

 

e naturali e nati da legittimo matrimonio di qualità sopraddetta li sostituì i figli nati maschi, legittimi e naturali e di legittimo matrimonio che sono a capo del magnifico cavalier signor Bartolomeo Prandini o i loro discendenti maschi di qualità predetta comunemente in stirpe o per espressa fidecommissione. E nei casi predetti la dote delle mogli sia data secondo le leggi di facoltà.

 

In tutti inoltre i suoi altri beni mobili ed immobili per leggi ed azioni presenti e future ovunque esistenti compresi anche i beni confiscati allo stesso GianNicola che intende acquistare dall’Illustrissimo Dominio con i suoi oneri ed onori istituì suoi eredi universali e volle che siano il signor Agostino e il signor Francesco suoi figli predetti in eque ed eguali parti, ai quali ordinò per giusta causa che per lo stesso testatore acquistino i beni predetti confiscati e che gli stessi beni vadano agli stessi Agostino e Francesco e diano al soprascritto GianNicola loro fratello ducati dodici finchè vivrà affinchè possa mangiare alla condizione tuttavia che se l’Illustrissimo Dominio voglia ingerirsi il presente legato di 12 ducati sia nullo ed estinto.

 

 

Proibisce il detto testante che gli stessi Agostino e Francesco suoi figli e i loro discendenti ogni alienazione e ogni atto e contratto al quale segua un’alienazione della casa del testatore ubicata a Verona in contrada S.Andrea per 50 anni seguenti alla morte del testante e se sarà alienata tale alienazione sia nulla e di nessun valore e la vendicazione competa in pieno diritto ai quei detti fratelli che non alieneranno o ai loro discendenti poiché è intenzione dello stesso testante è che questa casa sia preservata per 50 anni dai detti Agostino e Francesco e loro discendenti

 

 

 

 

Commissari invero ed esecutore di questo testamento e ultima volontà costituì ed elesse e ordinò il detto testatore il magnifico Cavalier sig. Michele de Verità, speciale Illustre dottor sig. Aurelio Prandino e il nobile Aloisio de Mercadanti ai quali e alla loro maggior parte lo stesso testante conferì massima licenza di eseguire e terminare tutto per lui come sopra disposto.

 

 

Asserendo e affermando il detto testante che questa è (e vuole che siano) le sue ultima volontà e l’ultimo disposto testamentario senza altri scritti, vuole che abbia valore e lo ordinò secondo la legge dei disposti testamentari senza scritti; e se per quella forte legge non vale e non varrà o non può valere e considerare o non potrà in futuro, volle e ordinò che valga e sia considerato secondo la legge dei codici o della donazione in caso di morte e secondo ogni altra volontà più valida ed efficace che per legge può valere e considerare o potrà esserlo in futuro.

 

Si cassano e annullano tutti gli altri testamenti e le ultime volontà da lui fatte prima o ordinati in scritti o disposti o in qualsiasi altro modo specialmente il suo testamento scritto per mia mano in data 9 agosto 1572, volendo e ordinando che queste siano le sue ultime volontà e che prevalgano e siano anteposte alle precedenti.

 

Rogante per sua bocca a tutti i suddetti testimoni e che i testimoni debbano essere memori di questo suo testamento e ultime volontà. E noi notai infrascritti e il notaio in solido scriva e rediga in forma pubblica, e invero si sottoscriva secondo la giusta forma della legge e degli statuti del Comune di Verona.

 

 

 

Io Lorenzo del fu Antonio di Bonanni di S.Egidio.

 

[cambio pagina]

 

Fui presente a tutto e ad ogni particolare, notaio pubblico a Verona autorizzato per autorità imperiale, rogato e con me il sottoscritto Filippo Flacco notaio in solido.

dal detto testante che così ha disposto, lo riconosciuto ed ho constatato essere sano di mente, queste cose ho scritto e redatto in forma pubblica e ho sottoscritto con il mio segno tabellonario apposto all’inizio come di consueto.

 

[cambio pagina]

 

15 marzo 1584, indizione 12°

Testamento del nobile GianBattista Prandini di S.Andrea

Preparato il giorno 20 marzo 1584

Per Lorenzo Bonanni notaio

 

 


Torna indietro

Copyright © 2002 Credits. Tutti i diritti sono riservati.