verona
domenica, 19 novembre 2017
Cerca          cerca documenti
 OggiOggi  NotizieNotizie  StoriaStoria    Archivio Archivio  GRUPPO SPORTIVOGRUPPO SPORTIVO  FotoFoto  ChatChat  <font color=red>Caselle</font>Caselle
Archivio

Documenti Documenti
Manuale per la Chiesa di S.Giorgio martire di Tarmassia 1870 Manuale per la Chiesa di S.Giorgio martire di Tarmassia 1870
Visite pastorali Visite pastorali
Testamenti Testamenti
Archivio Parrocchiale Archivio Parrocchiale
Libri Libri
Giornali Giornali
Giornali 2 Giornali 2
Filastrocche Filastrocche
Cartografia 2 Cartografia 2
alberi genealogici alberi genealogici
Racconti, leggende Racconti, leggende
Archeologia Archeologia
Cartografia Cartografia
Poesia, Teatro Poesia, Teatro
Glossario Glossario
Dei Vicariati di Talmassia e Campolongo Dei Vicariati di Talmassia e Campolongo
Delibere di Giunta Delibere di Giunta
Siti web Siti web

Ultime dal muro...
muro Foto Tarmassia Calcio 1999-2000
di F.G. - 17:55 (09/01/2017)
Buonasera, sto cercando foto relative al Tarmassia calcio della stagione 1999-2000 o forse 1998-99. L'annata dei ragazzi era 1989 categoria pulcini. Sarei grato a chi me le inviasse. a: info@tarmassia.it Cordiali saluti.
muro wipiyior
di Johne52 - 09:55 (27/09/2016)
Wow! This could be one particular of the most useful blogs We've ever arrive across on this subject. Actually Excellent. I'm also an expert in this topic so I can understand your hard work. fegdbdagfdeb
muro SOS foto sagra
di Stefano - 22:09 (29/06/2016)
Stiamo cercando foto della sagra di Tarmassia (anni '60-'70-'80-'90) per una mostra a settembre. Saremo grati a chi ce le inviasse a: info@tarmassia.it. Grazie!
archivio storico Scrivi sul muro!
Utenti collegati
Stanno visitando il sito 58 utenti
tarmassia.it

L'elenco puntiglioso delle proprietà del primo rettore conosciuto

Testamento di don Giacomo di Tarmassia (22 luglio 1451)

Tarmassia online

Don Giacomo, primo sacerdote di Tarmassia di cui si conosca il nome, gravemente ammalato, convoca in casa sua i notai ed una serie di testimoni per redigere il suo testamento. Notaio è l'isolano Antonio Brignani coadiuvato dal collega più esperto Filippino Zamboni di Verona.
Vengono nominati esecutori testamentari il sig. Pietro Cipolla e il sig. Bartolomeo Nascimbeni di Salizzole. Eredi universali sono nominati invece i nipoti Argenta e Giampietro e la moglie di quest'ultimo, Perina, che risulta essere stata la sua fattrice; a lei, oltre alla quota di un terzo di tutti i beni, viene lasciato un cospicuo numero di masserizie, animali e oggetti di uso comune che ci lasciano intravedere uno squarcio d'epoca.
E' da rilevare, fra l'altro, che la casa del rettore è ubicata presso la villa di Tarmassia e non già alla "Domus Boschi"; quindi, già nel 1451, è possibile supporre  che la nuova chiesa di San Giorgio fosse ubicata presso la sede attuale.
 



Testame.tus venerabilis viri d.ni d.up Iacobi b.nficiati eccl.ie sancti georgij de talamasia

In christi no.ne amen. anno nativitatis eiusdem millio quadringentesimo quinquagio p.mo
inditi.oe quartadecima die iovis vigi.o secundo mensis iulij. in villa thalamasie
districtus verone. in domo eccl.ie san. georgij de dicta villa p.ntibus prudente viro
philipino not.s .q. d. zamboni d. prandino.ibus .de s.cto marco verone Rogato isolans una
cu. me anto.io not.s inf.to ut infra dicet. bartholomeo filio et nasimbeni de bonadoma.is
de salizolis petro ceuola .q. antonij maseo .q. philipi . Bonave.tura .q. amlfi. petronovello
.q. b.nvenuti. anto.io .q. boni.signe. Simone .q. caloy. d.nico .q. petrus bonave.tura filio
e. mantuani . atq. Rainerio filio petrinovelli M.i om.ibus de dicta villa talamasie et
domibus boschi p.tibus ad hec rogatis et spati ? quotatis. qui omnes m.s testes affueru.t
se bene cognosa. inf.m d.ns d.up Iacobus testatore. et ip.m habe. notus.
Elabunt. om.ia caelum infra nec statum diurnu.  h.nt que lapsu morient. huiusmodi ss
eo prudentior aenfetur homo. qui dum hac finit. vita non fine prudentia i. ultimis
h.re dignosatur recte dispone. que post eius obitum deliberat obfuari. quocirca
venerabilis vir d.nus d.up  Iacobus b.nficiatus me eccl.ie sedens ibidem sup. una catedra
infirmus corpore ss p. gr.am y.hu y.pi mente sanus sobrius et compos aliqua.do se
facens moriturs q.m in eodem statu nequaq.s pimanet. omnia et ante morte. dispone.
Intendens, que sunt sua, ne post eius decessum ultra nelle suns contrariis voluntatis
aliene mors ? laore.tur dispositione. p.ius bonor.s fuor.s p.ntius et futuross p. p.ne
su.u testame.tus fine sa...p ris menspatius m.o et forma feat et gdidit subnotatus.
inprimis nanqs a.ia sua creatori supno devotissime recomissa sepultura sui corporis qua.d
diem suus clauserit ..otremus in eccl.ia ma s.cti georgij di talamasia ellegit. item
reliquit et iudicavit fuctrici sue perine filie .q. petri de ma.tua uxori zampetri .q.
tomasij de talamasia unum lectum vergatus no.um cus uno plumicio, uno cossino et
duobus linteamibus novis, ite. duas situlas rami. ite. unus parolus tenute trium
sitular.s et unu. stagnatus magnu. tenute duor. sitular.s et unu. stagnatus tenute
unius situle. et alius stagnatus aliquantulus maiore. et alius stagnatus tenuti dimidie
situle et alius stagnatus prius tenute quatuor minestrar.s et duas brandimatas rami
una. magna et aliam minore unu. focholarius a turtis no.um. duas patellas unam
magna. aliam vero priam . una caciam rami una. capsam praj . unam falaria. unam
tabulam picij . unam vegetem piaij tenute unius planstri, duo vascula picij tenute
sex quartarior.s v quoq.s un….aij bestias pecorinas frater mares et feminas unam equa
morellam sella. et frenu., septem coclearia de otono . duas astas forcas. una magnam
aliam vero minore. una catena ab igne fer.eam . una brandinata. ab igne. una capsetam
eus aliquils libris et quatuor semna pro eius testatoris a.ia et suor. remissione peccator.
in om.ibus aute alijs suis bonis mobilils i.mobilils suribs et actionibs p.ntibus et futuris ….
sint et e.c repirent mes perina. et zampetrus et arzenta eius testatoris nip.te filiam
tomasij fr.is dicti testatoris sibi universales h.r.des fisterunt et se nolunt vs que.libs cor.s

(cambio pagina)

pro tercia p.te, comissarios suos huiusmodi sui testame.ti executores reliquit fecit et
ordinavit m.s bartholomeu. filius s. nasimbeni de bonadomanis et petrus ceuolam .q.
antonij ambos ibi p.tes et acceptantes quibus dedit et attribuit … testator plena. licentia. et
libera potestate om.ia ms exequendi gtraditio.e aliam psone no obstante, et hoc
si.m p.ns ultimu. testame.tus et hanc sua. ultima. voluntates et dispositione dictus
testator affvit ce. velle ac fissit. quod et qua. vale. noluit fare testame.ti
ultime voluntatis. et fino valet vel no. valet. fare testame.ti et ultime voluntatis
vult q. valeat fare codicillo. sen donationis cau.a mortis. et om.ibus melioribus
mo. via fare forma et cau.a quibus melius vale. et tene. potest. et poterit i futurus
cassans revocans et annullans fidem testator omne alius testamentus et omne. alia. ultras
voluntate hunc retro p. eus fact.s  si aliquos f…. ordinavisss et …. iubens et
mandans dictis testator hoc p.ns suus ultimu. testame.tus et hanc p.tem suam
ultima. voluntate. et dispositione om.ibus alijs suis testamens et ultimis voluntatibus
huic retro factus p. eus si aliquod s…. prenale. rogans idem testator ore p.prio
omnes m.s testes ibi astantes et p.ntes ce. testes et memores dicti huis sui ultimi
testamenti et dicte sue ultime voluntatis et nos notarios ibi astantes et p.ntis ver
unus nostru. scribat te i. publicam et autentica. forma. reddiget hoc suus p.ns ultimi
testame.tus et hanc suas p.ntem ultima voluntate. et alter se subscribat dicto suo
ultimo testame.to et dicte sue ultime voluntati. et dispositioni.

ego antonius filius s brignani not.s de insula scallar. publicus Imp.iali autoritate not.s
premissis om.ibus et sing.lis m.s p.ns fui et rogatiis a m.e venerabili d.no d.up iacobo
testatore quem vidi et cognovi, ipsum est sane mentis boni puri est intellectus dus
sic ut s. dispone.t c.e p.pendi ea publice scripsi et ad maiore. roboris firmitates
signu. meus tabellionatus hic sup.uis in p.cipio huius testame.ti apposui consuetum.

ego filipinus .q. d.ni zamboni de sandinonibus de s.ta  s.ti marci ecc.am. publicus imp.iali aucto.itate notarius pa.tis.
om.ibus i. hoc testame.to i ulti.e volutan. 
s.tetis p.sens fui, i rogatus ass.to d.no d.up jacobo testatore que. vis et
cognovi, ip.m q sane men.s, boni puri intelectus du. sic disponet ut s. esse p.pendi me subscripsi et ad maiore robo.is
firmitate., signu. meu. tabelionatus in principio huis mee subscripto.is apposui consuetum.

(cambio pagina)
testame.tus  venerabilis viri d.ni d.up iacobi b.n.ficiati
eccl.ie sancti georgij de thalamasia

… fuit die M.rcurii vigio ottavo

Iully 1451 ... Antonius not.s filius B

Brignani not.s Ins.a Sc.arum

 

Brignani Antonius


101
90
Antonio
1451
Testamento del venerabile signor don Giacomo, beneficiato della chiesa di san Giorgio di Tarmassia

Nel nome di Cristo amen. Nell’anno del Signore millequattrocentouno, nella quattordicesima Indizione, il giorno giovedì ventidue del mese di luglio. Presso la Villa di Tarmassia del distretto di Verona.
In casa della chiesa di san Giorgio della suddetta Villa, sono presenti:
Filippino, notaio esperto, figlio del defunto signor Zamboni dei Gandinoni in san Marco di Verona, chiamato assieme al sottoscritto
Antonio, notaio, come viene detto più avanti,
Bartolomeo figlio di Nascimbeni di Bonadoman di Salizzole,
Pietro Cipolla del defunto Antonio,
Maffeo del defunto Filippo,
Bonaventura del defunto Arnolfo,
Pietronovello del defunto Benvenuto,
Antonio del defunto Boninsegna,
Simone del defunto Carlo,
Domenico del defunto Pietro,
Bonaventura figlio di Mantovano e
Raniero, figlio del suddetto Pietronovello.
Tutti provenienti dalla già citata "Villa di Tarmassia" e dalle "Case del Bosco", chiamati e qui convocati per queste cose. Tutti i testimoni asserirono di conoscere bene il qui presente signor don Giacomo testante e di averlo riconosciuto.

......... si conface, in questa vita finita, all’uomo saggio di disporre con prudenza, nelle ultime ore, con rettitudine e dignità, affinchè venga deliberato ciò che sarà dopo la sua morte. Riguardo il venerando signor don Giacomo, beneficiato della chiesa suddetta, sedendo su una sedia ammalato nel corpo, ma, per grazia del Signore, sano di mente, sobrio e composto, ritenendo prossima la sua fine, in quanto niente e nessuno può rimanere in quella condizione, prima di morire dispone, capace di intendere e volere, che sono sue, se non dopo il suo decesso, oltre

……………….. Per prima cosa, quando sarà finito anche l’ultimo suo giorno, venga data sepoltura al suo corpo, nella chiesa anzidetta di San Giorgio in Tarmassia affinchè la sua anima possa ricongiungersi devotissima al Divino Creatore.
Poi, decide che venga lasciato alla sua fattrice, Perina, figlia del defunto Pietro di Mantova nonchè moglie di Giampietro, figlio del defunto Tommaso da Tarmassia, quanto segue:
un letto nuovo, vergato, con un materasso, un cuscino e due lenzuola nuove;
due secchie di rame;
un paiolo da tre secchie;
(pentola, recipiente in rame)
uno stagnaio grande da due secchie; (pentola di rame ricoperta internamente di stagno)
uno stagnaio da una secchia;
un altro stagnaio abbastanza grande;
un altro ancora altrettanto capace;
un altro ancora da quattro minestri;
due brandimate in rame, una grande e l’altra più piccola;
un focolare da torte nuovo;
(coperchio per cuocere dolci nella cenere)
due padelle, una grande l’altra più piccola;
una cazza di rame;
un mestolo di legno;
una salaria;
(grossa saliera in legno con coperchio a sportello spiovente che si teneva appesa al muro)
una tavola di legno in pioppo (pezzo);
una vegeta di pioppo della capienza di un plantri???;
due tinozze di legno da circa quattro quartaroli;
undici ovini, tra maschi e femmine;
una cavalla mora con sella e freno;
sette cucchiai in ottone;
due aste in ferro, una grande l’altra più piccola;
una catena in ferro da fuoco;
una brandimata da fuoco;
una cassetta contenente alcuni libri;
quattro scanni;
tutto ciò in favore dell’anima del testante e per la remissione dei suoi peccati.
Per quanto riguarda, invece, tutti gli altri beni, mobili e immobili, ……, presenti e futuri …. Che sono e che saranno reperiti, questi vengano lasciati a Perina, Giampietro e Argenta, quest’ultima nipote del testante e figlia di Tommaso, fratello dello stesso testante, che istituisce quali eredi universali.
Vuole, inoltre, che la terza parte dei medesimi beni sia, ugualmente, devoluta ai suoi commissari, in qualità di esecutori testamentari che costituisce nei già citati Bartolomeo, figlio di Nascimbeni di Bonadoman e Pietro Cipolla del defunto Antonio, entrambi presenti e che accettano.
A questi, il testante conferisce piena licenza e libera potestà di eseguire tutto secondo quanto trasmesso e senza che nessuna persona li ostacoli.
E questo suo presente ultimo testamento e queste sue ultime volontà e disposizioni il detto testante afferma di essere volute e ….. Ciò e quanto vale vuole fare testamento delle ultime volontà. E f...
Cassando, revocando ed annullando lo stesso testante ogni altro testamento, e ogni altra ulteriore volontà, qui per lui fu rifatto se qualcosa fosse, ordinasse, e desse. Ordinando e mandando il detto testante questo presente suo ultimo testamento e questa sua presente ultima volontà e disposizione tutti gli altri suoi testamenti e ultime volontà qui fu rifatto per lui se qualcosa fosse …..
Il testante chiede di bocca sua a tutti i succitati testimoni, lì astanti e presenti, di essere testimoni e memori del suo detto ultimo testamento e della sua detta ultima volontà e noi notai, lì astanti e presenti, che uno di noi scriva, e in forma pubblica e autentica rediga questo suo presente ultimo testamento e questa sua presente ultima volontà. E l’altro si firmi sotto nel detto suo testamento e nella sua ultima volontà e disposizione.
Io, Antonio figlio di Brignani, notaio in Isola della Scala, con l’autorità imperiale di pubblico notaio, fui presente a tutte le premesse; rogato dal venerabile signor don Giacomo, testante, che ho visto e riconosciuto, sano di mente e di buona e pura intelligenza, affinchè io potessi apprendere e scrivere pubblicamente quanto egli volesse disporre; a maggior forza della mia firma, apposi qui sopra, all’inizio di questo testamento, il mio personale segno tabellonario.
Io, Filippino di un certo Zamboni dei Prandinoni della predetta chiesa di San Marco, pubblico notaio di autorità imperiale …,
in ogni parte di questo testamento e delle ultime volontà …… fui presente, … rogato dal medesimo signor don Giacomo testante che ho visto e conosciuto, lo stesso è sano di mente, di buono e puro intelletto, allora così dispose affinchè io apprendessi e scrivessi, e a maggior forza della firma, apposi il mio personale segno tabellonario in principio di questi miei appunti.

Testamento del venerabile uomo signor don Giacomo, beneficiato della chiesa di San Giorgio di Tarmassia
… fu il giorno di mercoledì ventotto luglio 1451,
Antonio, notaio, figlio di Brignani, notaio di Isola della Scala.

Brignani Antonio notaio


A cura della Redazione di ToL
In data 02.01.03-21.02.03


Vedi anche:
 (Archivio -> Testamenti) "Testamento di Giacomino di Cà del Bosco (luglio 1516)"
 (Archivio -> Testamenti) "Testamento di Oliviero Fiorentini di Cà del Bosco (25 luglio 1436)"
 (Archivio -> Testamenti) "Testamento di Venanzio di Isola della Scala (24 febbraio 1435)"

Torna indietro

Copyright © 2002 Credits. Tutti i diritti sono riservati.