verona
giovedì, 23 novembre 2017
Cerca          cerca documenti
 OggiOggi  NotizieNotizie  StoriaStoria    Archivio Archivio  GRUPPO SPORTIVOGRUPPO SPORTIVO  FotoFoto  ChatChat  <font color=red>Caselle</font>Caselle
Archivio

Documenti Documenti
Manuale per la Chiesa di S.Giorgio martire di Tarmassia 1870 Manuale per la Chiesa di S.Giorgio martire di Tarmassia 1870
Visite pastorali Visite pastorali
Testamenti Testamenti
Archivio Parrocchiale Archivio Parrocchiale
Libri Libri
Giornali Giornali
Giornali 2 Giornali 2
Filastrocche Filastrocche
Cartografia 2 Cartografia 2
alberi genealogici alberi genealogici
Racconti, leggende Racconti, leggende
Archeologia Archeologia
Cartografia Cartografia
Poesia, Teatro Poesia, Teatro
Glossario Glossario
Dei Vicariati di Talmassia e Campolongo Dei Vicariati di Talmassia e Campolongo
Delibere di Giunta Delibere di Giunta
Siti web Siti web

Ultime dal muro...
muro Foto Tarmassia Calcio 1999-2000
di F.G. - 17:55 (09/01/2017)
Buonasera, sto cercando foto relative al Tarmassia calcio della stagione 1999-2000 o forse 1998-99. L'annata dei ragazzi era 1989 categoria pulcini. Sarei grato a chi me le inviasse. a: info@tarmassia.it Cordiali saluti.
muro wipiyior
di Johne52 - 09:55 (27/09/2016)
Wow! This could be one particular of the most useful blogs We've ever arrive across on this subject. Actually Excellent. I'm also an expert in this topic so I can understand your hard work. fegdbdagfdeb
muro SOS foto sagra
di Stefano - 22:09 (29/06/2016)
Stiamo cercando foto della sagra di Tarmassia (anni '60-'70-'80-'90) per una mostra a settembre. Saremo grati a chi ce le inviasse a: info@tarmassia.it. Grazie!
archivio storico Scrivi sul muro!
Utenti collegati
Stanno visitando il sito 16 utenti
tarmassia.it

Diciassette anni, un talento innato, l'attaccante della Nova Serenissima, rifiutato dal Verona, è ufficialmente dell'Inter. Dopo Mariolino Corso è l'unico veronese ad essere finito in neroazzurro. Ma c'è di più. Mai, un giocatore dilettante così giovane, è passato dall'Eccellenza alla serie A.

2003 mag 27 - Meggiorini, biglietto di sola andata per Milano

Alessandro De Pietro

2003 mag 27 - Meggiorini, biglietto di sola andata per Milano

L’ultimo ragazzo veronese ad essere acquistato dall’Inter fu un certo Mariolino Corso. I neroazzurri lo presero dall’Audace per nove milioni, era l’estate del '58. Con l’Inter Corso vinse quattro scudetti, due Coppe Intercontinentali, due Coppe dei Campioni e collezionò 23 presenze (4 reti) con la maglia della Nazionale. Riccardo Meggiorini invece è già contento così, il talento del Bovolone ha coronato a tutti gli effetti un giocatore dell’Inter di Massimo Moratti. Dopo il torneo disputato a Milano con la Berretti (a segno in entrambe le gare giocate), il responsabile tecnico del settore giovanile Giuseppe Baresi ha chiamato al centro sportivo di Interello il presidente della Nova Serenissima, Vittorio Peroni ed il suo vice Mauro Bezzetto per mettere nero su bianco. Il contratto parla di prestito con diritto di riscatto alla fine della prossima stagione, l’attaccante verrà aggregato alla Primavera di Corrado Verdelli, sarà a tutti gli effetti il sostituto di Martins, frequenterà la scuola al campus Inter, si allenerà ad Appiano Gentile a pochi metri dalla prima squadra. E nelle partitelle del giovedì si troverà di fronte Toldo, Cannavaro, Vieri, Crespo. Meggiorini va in una società che fra le grandi del calcio italiano è quella che sui giovani sta investendo di più e in una squadra che nell’ultimo anno ha vinto scudetto Primavera e torneo di Viareggio. Corso a parte, l’esempio di Meggiorini non ha precedenti nella storia recente del calcio dilettantistico scaligero. Mai un ragazzo di diciassette anni aveva compiuto un salto così grande, passando dall’Eccellenza alla serie A.
NATO PER FARE GOL
Riccardo Meggiorini è nato ad Isola della Scala il 4 settembre 1985. Ha iniziato a giocare nei Pulcini del Tarmassia e nella stagione ’97-’98 è passato al Verona. Nella parentesi all’Hellas viene allenato da Flavio Casagrande e Giovanni Frinzi. Scartato dopo il secondo anno di Giovanissimi (alla guida del vivaio dell’Hellas c’era Leandro Leonardi), viene ceduto alla Nova Serenissima Bovolone. Nel ’99-2000 ha partecipato al campionato Allievi Sperimentali sotto la guida di Bruno Barban, l’anno dopo in ambito regionale segna 48 gol in 26 partite (allenatore Pasquale De Lauri). Da lì il grande salto. In 25 gare di Eccellenza ha segnato 13 volte guadagnando anche la convocazione nella Rappresentativa regionale Juniores di cui è stato capocannoniere alla finali nazionali di Fiuggi con 6 gol in 4 partite. Grande tifoso dell’Hellas, il suo idolo è Gabriel Omar Batistuta.
LA GIOIA DI PERONI
Sono molto contento per il ragazzo – è il primo commento di Vittorio Peroni, presidente della Nova Serenissima Bovolone -, per noi è un orgoglio dare ad una società tanto prestigiosa un proprio tesserato”. Peroni ha condotto la trattativa da maestro, ha macinato migliaia di chilometri per portare Meggiorini ai vari provini e selezioni. In precedenza la società aveva già operato una cessione importante, quando diede al Chievo il portiere Matteo Gianello, ora secondo di Malesani al Verona. Ma l’operazione Meggiorini è tutta un’altra cosa. “In lui abbiamo creduto subito – spiega Peroni – eravamo certi che anche con la formazione maggiore avrebbe fatto bene. Grandi meriti li darei a mister Testi, che lo ha gestito e valorizzato benissimo. Lo volevano in tanti, l’Inter crediamo sia stata la scelta più giusta.”
LA FIDUCIA DI BARESI
L’Inter ha visionato Meggiorini molto attentamente. Baresi ha ricevuto ottime relazioni dai suoi osservatori nel Lazio dopo l’exploit di Meggiorini a Fiuggi, nel corso delle finali nazionali Juniores in cui ha realizzato sei gol. Tutti di pregevole fattura. Da lì l’invito al torneo con Juventus, Meda, e Novedrate. Meggiorini segna due reti, punizione a giro e diagonale di sinistro, a quel punto l’Inter rompe gli indugi. “Crediamo molto nel giocatore – ha detto Baresi – ha qualità e da noi avrà la possibilità di affinarle ulteriormente”. Parole che trovano conferma anche nella campagna di rafforzamento della Primavera: l’Inter ha acquistato solo Meggiorini e un ragazzo australiano.
L’HELLAS SENZA PRETESE
A Meggiorini non ci siamo interessati – rivela Bruno Mazzia , responsabile del settore giovanile del Verona – non volevamo partecipare a un’asta. Noi i giocatori cerchiamo di costruirceli in casa”. All’Hellas resta comunque l’amaro in bocca per aver lasciato andare un giocatore che era suo. “Di un ragazzo si possono individuare le attitudini – spiega Mazzia - ma è difficile prevederne l’evoluzione. Due anni fa, ad esempio, anche Castioni non era sicuro di essere confermato. Adesso invece è un giocatore nel giro della prima squadra e ha già debuttato in serie B. E’ normale che accadano queste cose. Senza contare che, al di là del suo valore, possono essere subentrati anche altri fattori nella scelta, tipo le esigenze di organico in quel momento.”
IL CHIEVO ALLA FINESTRA
Il Chievo ha seguito Meggiorini finché l’operazione è rimasta nei confini del Veneto, l’ha lasciato andare quando è subentrato l’interessamento di Inter e Perugia e la concorrenza è diventata più agguerrita. “Meggiorini è stato bravissimo – sottolinea Maurizio Costanzi, responsabile del settore giovanile del Chievo – dopo la mancata riconferma al Verona poteva subirne il contraccolpo psicologico. Per un ragazzo non è facile superare questi momenti, lui invece ha dimostrato mezzi tecnici e una solida struttura mentale. L’abbiamo cercato me senza forzare la mano – prosegue Costanzi -, come l’Inter anche noi siamo convinti che Meggiorini abbia bisogno di un altro anno di Primavera per completare la sua formazione. Altri invece sostenevano che fosse già pronto per i campionati professionistici. Alla fine il ragazzo e la Nova Serenissima hanno fatto un grande affare.”
LE ALTRE PRETENDENTI
Inter a parte, la società che ha cercato Meggiorini con maggiore insistenza è stato il Perugia. Gli Umbri, da sempre attentissimi a setacciare i mercati dilettantistici (su tutti gli esempi di Bucchi e Pieri), lo hanno marcato stretto per molto tempo. Ma l’Inter ha anticipato tutti e chiuso la trattativa. Su Meggiorini aveva messo gli occhi anche il Vicenza, che lo aveva mandato a visionare dal tecnico della Primavera Mimmo Di Carlo.


Alessandro De Pietro
PRIMO Giornale – 27 maggio 2003, pag. 22

Congratulazioni e in bocca al lupo a Riccardo da parte di tutta la redazione di Tarmassiaonline! 


Torna indietro

Copyright © 2002 Credits. Tutti i diritti sono riservati.