verona
sabato, 18 novembre 2017
Cerca          cerca documenti
 OggiOggi  NotizieNotizie  StoriaStoria    Archivio Archivio  GRUPPO SPORTIVOGRUPPO SPORTIVO  FotoFoto  ChatChat  <font color=red>Caselle</font>Caselle
Archivio

Documenti Documenti
Manuale per la Chiesa di S.Giorgio martire di Tarmassia 1870 Manuale per la Chiesa di S.Giorgio martire di Tarmassia 1870
Visite pastorali Visite pastorali
Testamenti Testamenti
Archivio Parrocchiale Archivio Parrocchiale
Libri Libri
Giornali Giornali
Giornali 2 Giornali 2
Filastrocche Filastrocche
Cartografia 2 Cartografia 2
alberi genealogici alberi genealogici
Racconti, leggende Racconti, leggende
Archeologia Archeologia
Cartografia Cartografia
Poesia, Teatro Poesia, Teatro
Glossario Glossario
Dei Vicariati di Talmassia e Campolongo Dei Vicariati di Talmassia e Campolongo
Delibere di Giunta Delibere di Giunta
Siti web Siti web

Ultime dal muro...
muro Foto Tarmassia Calcio 1999-2000
di F.G. - 17:55 (09/01/2017)
Buonasera, sto cercando foto relative al Tarmassia calcio della stagione 1999-2000 o forse 1998-99. L'annata dei ragazzi era 1989 categoria pulcini. Sarei grato a chi me le inviasse. a: info@tarmassia.it Cordiali saluti.
muro wipiyior
di Johne52 - 09:55 (27/09/2016)
Wow! This could be one particular of the most useful blogs We've ever arrive across on this subject. Actually Excellent. I'm also an expert in this topic so I can understand your hard work. fegdbdagfdeb
muro SOS foto sagra
di Stefano - 22:09 (29/06/2016)
Stiamo cercando foto della sagra di Tarmassia (anni '60-'70-'80-'90) per una mostra a settembre. Saremo grati a chi ce le inviasse a: info@tarmassia.it. Grazie!
archivio storico Scrivi sul muro!
Utenti collegati
Stanno visitando il sito 33 utenti
tarmassia.it

Testo della ducale sui crimini commessi nelle campagne di Tarmassia

1785 ago 12 - Ducale sui malfattori

Paolo Raniero

1785 ago 12 - Ducale sui malfattori

Quello che segue è il testo di una ducale emanata nel 1785 dal governo della Serenissima per tutelare le proprietà dei Guglienzi nelle campagne di Isola della Scala, Tarmassia e Bovolone.
Il testo (per la maggior parte prestampato) è sintomatico del grado di preoccupazione che i danni dei malefactores destavano alle grandi proprietà. Le pene erano severe: oltre al risarcimento dei danni e ad una pena pecuniaria erano previsti tre tratti di corda e lavori forzati ai remi per tre anni nel caso di razziatori maschi, adulti e sani, tre fustigazioni e bando della durata di 10 anni (bando che aveva un raggio d'azione di quindici miglia dai confini del luogo in cui erano stati commessi i reati) nel caso di donne, bambini o criminali altrimenti inhabiles.


Trascrizione:
Paulus Rainerius Dei gratia dux Venetiarum etc.
Universis et singulis nobilibus et sapientibus viris de suo mandato potestatibus, capitaneis, rectoribus, caeterisque iusdicentibus quarumcumque terrarum et locorum nostrorum, et successoribus suis fidelibus dilectis salutem et dilectionis affectum. Significamus vobis quod hodie, in Consilio nostro de XL ad criminalia deputato explacitare, viri nobilis etc. Benedicti Marcello reverendi honorandi advocatoris Communis posita et capta fuit pars tenoris infrascripti.
Videlicet: convenit justitiae et dignitati dominii nostri juris mediisj providere ut unusquisque in libero statu nostro quiete et pacifice vivere possit bonisque suis frui et gaudere valeat, malefactoresque debitis poenis ad aliorum exemplum puniri. Cumque ex modesto gravamine nobilium dominorum Petri Francisci patrui, Bonaventurae, Alexandri et Leonardi fratrum nepotum Guglienzi expositum fuerit advocatoribus communis nostri quod per diversos incognitos fures et malefactores, die nocteque, quamplurima inferruntur damna in eius possessionibus, terris, campis, pratis, pascuis, nemoribus, montibus, domibus, curtivis, hortis, spinatis, broilis, viridariis, vineis, castagnariis, molendinis, pischeriis, seriolis, acquis, acqueductibus, columbariis et bonis ubicumque positis sub hoc serenissimo dominio; incidendo arbores, vites, lignamina et fructarios generis cuiuscumque, frangendo cesias, spinatas, aggeres et reparia facta pro reparatione acquarum et belvarum, pascuando cum animalibus generis cuiuscumque, asportando frumentum, faleas, spiccas, bladas, ligna, lina, faena, fructus, uvas, milea, minuta et alia in eorum bonis nascentia cuiuscumque generis, super ipsis bonis, terris et locis faciendo multos trozios et pontes ac semitas, tam equester quam pedester, cum plaustris et animalibus generi cuiuscumque, arbores evellendo, muros rumpendo, scallando et devastando, viacula occupando, fossata et canales atterrando, aut indebite excavando, pullamina et columbos ex eorum pullinariis et columbariis capiendo et occidendo, in pischeriis et acquis piscando, pisces capiendo et asportando et denique multa alia insoportabilia damna faciendo; quod nisi juris mediis provideatur, procul dubbio omnia praedictorum exponentium bona devastarentur et depraedarentur: auctoritate huius Consilii captum sit, quod scribatur universis et singulis potestatibus, capitaneis, rectoribus, caeterisque jusdicentibus supradictis et successoribus suois, quod proclamari faciant ubi, quoties et quando requisiti fuerint a praedictis exponentibus, seu ab ejus intervenientibus, quod nemo audeat vel praesumat, sub aliquo colore vel ingenio, de facto et propria auctoritate, inferre seu inferri facere damnum aliquod ex supra ennaratis, nec cuiuscumque alterius generis in supradictis bonis, terris et locis supradictorum exponentium ubicumque positis et existentibus et praecipue in illis positis in ruribus Tarmassiae, Bovoloni, Insulae Scallarum ac in aliis locis territorii veronensis. Sub poena, ultra poenas ordinarias et refectionem damni, librarum 50 parvorum, medietas quarum sit accusatoris, altera vero medietas rectoris, seu jusdicentis executionem fieri facientis, et squassim trium funis et serviendi in triremibus condemnatorum dominii nostri pro remiga in compendibus per annos tres continuos, si fuerint habiles et in vires iustitiae pervenerint; vel si malefactores essent inhabiles, foeminae aut pueri, ter fustigandi circa plateam loci ubi damnum illatum fuerit et postea banni de loco illo et territorio et XV milliaria ultra confinia per annos decem et in casu contrafactionis banni, si capti fuerint, standi in carceribus clausis per annum et postea redeundi ad dictum bannum tunc incepturum, et hoc toties quoties etc. cum talea danda capienti eos, vel quemlibet ipsorum, librarum centum parvorum solvendarum de eorum bonis si erunti, sin autem ex pecuniis praedictorum exponentium; hac conditione, quod malefactores non exeant ex triremibus, vel carceribus, aut banno singula singulis congrue refferendo nisi prius solverint  damnum illatum et taleam supradictam praedictis exponentibus. Et qui accusaverit malefactores ita quod veritas habeatur consequatur libras 50 parvorum solvendas ut supra et teneatur secretus. Verum si delinquentes haberi non possent in vires ustitiae proclamatis et absentibus remanentibus sint et intelligantur banniti ut supra cum conditionibus et talea librarum centum parvorum ut supra in casu contrafactionibus banni. Et si unus socius criminis accusaverit socium, vel socios culpabiles, ita quod veritas habeatur, lucretur eius absolutionem et liberationem ac supradictas libras 50 parvorum sibi solvendas ut supra et teneatur secretus. Et executio praesentis partis demandetur dominis jusdicentibus ad quos spectat et successoribus suis quibus facta fuerit conscientia de damnis datis.
Quocirca cum praefacto nostro Consilio vobis mandamus ut partem supradictam omnia et singula in ea contenta observari, exequi et adimplere debeatis in omnibus, ut in praedicta parte legitur et continetur. Has autem registratas praesentanti restituite etc.
Datum in nostro ducali palatio die XII mensis augusti indictione tertia MDCCLXXXV.
Camillus Costantini advocatoris communis notarius.


Traduzione provvisoria:
Paolo Raniero per grazia di Dio comandante delle Venezie e altro.
A tutti e ai singoli nobili e sapienti che hanno potestà del loro mandato, capitani, rettori, a tutti gli altri giurisdicenti di qualsiasi nostro territorio e luogo, e ai loro successori fedeli diletti auguriamo salute e affetto con dilezione.
Vi comunichiamo che oggi, nel nostro Consiglio dei Quaranta chiamato a deliberare sulla criminalità, il signor Benedetto Marcello nobile e altri di questo reverendo onorabile Comune avvocato posero e presero una deliberazione dal tenore sottoscritto.
Nota bene: conviene provvedere con i mezzi del diritto alla giustizia e alla dignità dei nostri domini in modo che ciascun uomo libero possa vivere in quiete e pace e fruire dei suoi beni e ne possa godere e siano puniti i malfattori con pene appropriate perché siano ad esempio per gli altri.
Dunque dalla piccola gravezza dei signori nobili Pietro Francesco padre, Bonaventura, Alessandro e Leonardo fratelli nipoti Guglienzi fu esposto agli avvocati del nostro comune ciò che per ladri ignoti e malfattori, di giorno e di notte, siano stati sferrati danni innumerevoli alle loro possessioni, terre, campi, prati, pascoli, colline, monti, case, corti, orti, siepi, broli, viridari, vigne, castagneti, mulini, pescherie, seriole, acque, acquedotti, colombare e ai beni ovunque ubicati sotto questo serenissimo dominio; tagliando alberi, vigne, legna e frutteti di qualsiasi genere; rompendo steccati, siepi, argini e fatti rifugi per ripararsi dall’acqua e dalle belve, pascolando con animali di qualsiasi genere, portando via frumento, falee, spighe, biade, legna, lino, fieno, frutti, uva, miglio, germogli e altre cose di qualsiasi genere piantate sopra i loro beni, terreni e luoghi, facendo molto danno e ponti e semite, sia a cavallo che a piedi, con plaustri e animali di qualsiasi genere, sradicando alberi, rompendo muri, scavalcando e devastando, occupando viottoli, interrando fossati e canali, o scavandone indebitamente, prendendo e uccidendo pollame e colombi dai loro pollai e colombari, pescando nelle loro pescherie e acque, prendendo e sottraendo pesce e facendo inoltre molti altri danni insopportabili; perciò se non si provvede con i mezzi del diritto, senza dubbio tutti i beni predetti ed esposti sarebbero devastati e depredati:
l’autorità di questo Consiglio ha deciso, affinchè sia scritto a tutti e ai singoli podestà, capitani, rettori, e tutti gli altri giurisdicenti sopraddetti e loro successori, e che facciano proclamare dove come e quando sarà richiesto dai predetti esponenti, o dai loro facenti funzione, in modo che nessuno senta o presuma, sotto altro colore o ingegno, di fatto e di proprià autorità, di infliggere o di arrecare danno tra quelli sopra narrati, nè ad alcun altro genere nei sopraddetti beni, terre e luoghi sopraddetti esposti e ovunque ubicati ed esistenti e principalmente nei quelli posti nelle campagne di Tarmassia, Bovolone, Isola della Scala e in altri luoghi del territorio veronese. Sotto pena, oltre alle pene ordinarie e di risarcimento del danno, di 50 piccole libbre, xxx oe tre tratti di corda e servire nelle triremi dei condannati del nostro dominio per remare per compendio per tre anni continui, si saranno stati abili e siano giunti alla giustizia sani; o se i malfattori saranno invalidi, femmine o ragazzi, siano fustigati tre volte in pubblico nel posto dove il danno è stato compiuto e dopo siano banditi dal quel luogo e territorio per 15 miglia oltre i confini per dieci anni e  in caso di infrazione del bandod, se saranno catturati, siano chiusi in carcere per un anno e dopo ricondotti al bando predetto allora interrotto, e questo xxx e altro. Con  xxxxx e chi accuserà i malfattori così da aversi la verità si consegua 50 piccole libbre da pagare come sopra e sia tenuto segreto. Invero se i deliquenti non possano essere condotti alla giustizia e rimangano assenti e siano ritenuti al bando come sopra con le condizioni e sanzione di cento piccole libbre come sopra in caso di infrazione del bando. E se un complice del crimine accuserà un altro complice, o i soci colpevoli, così da aversi la verità, sia concessa la sua assoluzione e liberazione e gli siano comminate le 50 piccole libbre come sopra e sia tenuto nascosto. E l’esecuzione della parte presente sia demandata ai signori giurisdicenti ai quali spetta e ai loro successori ai quali sarà data coscienza dei fatti dei danni subiti. Riguardo  il nostro Consiglio mandiamo a voi affinchè la deliberazione sopraddetta nella sua totalità ed in ogni sua parte contenuta debba essere osservata, eseguita e adempiuta da tutti ciò che in predetta deliberazione si legge ed è contenuto. Sia restituito questo al presentante registrato e altro.
Dato nel nostro palazzo ducale il giorno 12 del mese di agosto terza indizione 1785.
Camillo Costantini notaio del comune avvocato.


Tratto da:
Fonti inedite per la storia Veronese. L'archivio Guarienti (secoli XV-XVIII), di Carlo Baja Guarienti, 2003 (tesi di laurea)



Torna indietro

Copyright © 2002 Credits. Tutti i diritti sono riservati.