verona
venerdì, 24 novembre 2017
Cerca          cerca documenti
 OggiOggi  NotizieNotizie  StoriaStoria    Archivio Archivio  GRUPPO SPORTIVOGRUPPO SPORTIVO  FotoFoto  ChatChat  <font color=red>Caselle</font>Caselle
Archivio

Documenti Documenti
Manuale per la Chiesa di S.Giorgio martire di Tarmassia 1870 Manuale per la Chiesa di S.Giorgio martire di Tarmassia 1870
Visite pastorali Visite pastorali
Testamenti Testamenti
Archivio Parrocchiale Archivio Parrocchiale
Libri Libri
Giornali Giornali
Giornali 2 Giornali 2
Filastrocche Filastrocche
Cartografia 2 Cartografia 2
alberi genealogici alberi genealogici
Racconti, leggende Racconti, leggende
Archeologia Archeologia
Cartografia Cartografia
Poesia, Teatro Poesia, Teatro
Glossario Glossario
Dei Vicariati di Talmassia e Campolongo Dei Vicariati di Talmassia e Campolongo
Delibere di Giunta Delibere di Giunta
Siti web Siti web

Ultime dal muro...
muro Foto Tarmassia Calcio 1999-2000
di F.G. - 17:55 (09/01/2017)
Buonasera, sto cercando foto relative al Tarmassia calcio della stagione 1999-2000 o forse 1998-99. L'annata dei ragazzi era 1989 categoria pulcini. Sarei grato a chi me le inviasse. a: info@tarmassia.it Cordiali saluti.
muro wipiyior
di Johne52 - 09:55 (27/09/2016)
Wow! This could be one particular of the most useful blogs We've ever arrive across on this subject. Actually Excellent. I'm also an expert in this topic so I can understand your hard work. fegdbdagfdeb
muro SOS foto sagra
di Stefano - 22:09 (29/06/2016)
Stiamo cercando foto della sagra di Tarmassia (anni '60-'70-'80-'90) per una mostra a settembre. Saremo grati a chi ce le inviasse a: info@tarmassia.it. Grazie!
archivio storico Scrivi sul muro!
Utenti collegati
Stanno visitando il sito 18 utenti
tarmassia.it

Atto unico

‘Na fila de fighi in fila, un figo par fila

'Otomai... Teatro!

‘Na fila de fighi in fila, un figo par fila

  Canovaccio di atto unico (incompleto) non andato mai in scena.


Personaggi:

TONI ………..……………………………………….……….………….……………… el paròn del merlo brusà

UGHETO …………….………………………………….………………….. l’assistente sadico, fiol del dotor

PINO………………….….………………..…………………….………………….. el marì geloso de la Gineta

DOTOR ANNIBALE ……….………............…………………………. el dotor veterinario che la ghe scapa

GINETA ………………..…………………………………….…………………………... so mojer malà del Pino

 


Ugheto, chinato, è di fronte a Toni e sembra lo stia visitando nelle parti intime.

La gabbia con il merlo non si vede;

TONI

Alora, ‘sa dirlo, dotor?

 

UGHETO

No digo gniente… L’è un caso “disperato”! El lo tegna fermo, no ‘l staga moarse,… cossita va ben, adeso el ghe daga un scorlòn… bon,  basta! Me par che ‘l sia un

s-ciantenìn infiamà…

alzandosi Ma quanto tempo elo che no  ‘l ghe dà aria al so usèlìn?

 

TONI

mostrando la gabbia con il merlo

A me l’avea desmentegà sul fogolar, dotor, el me sà un s-ciantìn infumentà!

 

UGHETO

Ehm, vedo,… più che “infumentà”, dirìa “carbonizà”!

 

TONI

No ‘l fis-cia più, no ‘l magna, no ‘l bee, el par infin imbalsamà da gran che l’è s-cinco:  medigo che ‘l ghe là co’ mi parchè me lo son desmentegà de sora al fogolar!

 

UGHETO

Podarsi: ‘sta raza de merli qua l’è permalosa marza!

 

TONI

Dal bon?

 

UGHETO

Sì! A ghe n’avea uno mi che par dispeto el siolava sempre nel “cuore” de la note parchè, penso mi, de giorno no ghe fasea mia compagnia!

 

TONI

E ‘sa galo fato, dotor?

 

UGHETO

A gniente, par un toco go tira ja el mangime, dopo un toco go tira ja el pan, e dopo un toco go tira ja anca l’aqua, granfati, go dito, che no te te smoli!…

 

TONI

Ma, a medigo che l’è morto sedià…

 

UGHETO

Ma sì a là… dopo un toco a ghe son ‘ndà in parte co’ l’acendìn par veda se l’era vivo, no che go ciapà incosto ala coa!

Mama cara che “fogà” che l’era: parea che ‘l deventese mato!

 

TONI

A medigo che l’era tuto infiamà!

 

UGHETO

Un pochetin! Dopo un tocheto, son ‘nda lì par sorarlo co la cana del’aqua: go verto la portela e go dito: aria o aqua! A l’era catìo come el chinìn; la ciapà su tampele  e tampeline e lè scapà ja! Parea che ‘l gavese el fogo al cul!

 

TONI

Avaria pensà che ‘l fuse morto tronco…

 

UGHETO

Speta, no le mia finia!  Destìn ga voluo che fuse proprio el vinti de Zenar, fora un metro de neve e un vento del’est che tajava infin le recie! No ‘l ga fato gnianca un metro, che l’è cascà fora dala porta s-cinco ingiazà! A me despiase anca un s-ciantenìn: a ghe lo ancora in frizer… se ‘l vol ghe lo tiro fora…

 

TONI

No, no, scherzelo? ‘Ste robe qua le me fa vegner scarezze.. Ma adeso ‘l me mete in testa un saco de pensieri: no me tocarà mia darghe aria anca al me uselìn?

 

UGHETO

Noo, l’è “inbisogno” ‘na cura ricostituente, el vedarà che ghe pasa tuto, anca la scoliosi!…

(scrive sul taccuino la ricetta) el ghe faga bea tanto, tanto tanto…. Aqua de sguaza, ciara de ovo, graspa de mosto… E dopo quando che l’è belo sgionfo el ghe meta in parte ‘na bela merlota, el vedarà che ‘l se ringamba sì!

 

TONI

Che parole speranzose che ‘l me dà, dotor! El savese … Roco l’è tuto quel che la ma petà me pora mojer in eredità, a ghe son tanto afezionà… anca se, a dir la verità, me spetava calcosseta pissè…

 

UGHETO

Eeh, le done jè tachè ai schei…

 

TONI

L’è proprio vera! El varda, el ghe someja tuto a ela (estrae una foto): i cavei neri, i oci neri, i denti… neri, le ongie… nere!…

 

UGHETO

Mama cara! Se no ‘l se ciapa vorà dir che al posto de la “diavolina” el brusarà l’usel!

 

TONI

A ghe piase scherzar, era dotor? No ‘l diga cossita che ‘l me fa morir…

El pensa, che ‘l savea tute le cansoni de Sanremo…

 

UGHETO

Un “ucelo prodigio”!

 

TONI

Dai, Roco, faghe sentir al dotor…

Canta co’ mi: Felicitaà… Felicità… l’è un canarino sul comodino la felicità,… l’è un papagalo ne la mia mano la felicità… L’è ‘na galina nela ramina la felicità…

 

UGHETO

Basta, basta, no ‘l staga più a ruzarme ne le recie! Anzi, visto che l’è cossita brao, el se esercita quando che l’è a casa sua… magari dal trauma ghe se sbianca el “piumagio” al so usello!

 

TONI

Ma Roco, parchè no cantito più? Parchè gheto chelo sguardo assente e vacuo che varda nelo spazio infinito? Resta con noi, non te ne andar, la note mai più tornerà…

 

INSIEME

Resta con noi, non te ne andar, per le vie del mondoooooooooooooooo…

 

UGHETO

(bussano alla porta) Ehmm, bon, se no ‘l ga del’altro bestiame, mi gavarìa finìo… (gli dà la ricetta)

 

TONI

Quanto elo?

 

UGHETO

Zinquanta!

 

TONI

A go zento, galo el resto?

 

UGHETO

No, ma l’è istesso! Grazie e arivederla!

 

TONI

Arivederla, dotor!

 

UGHETO

Arivederla!

(chiude la porta e butta il camice sul lettino) Con ‘sti schei qua finalmente dovaria farghela…  doman me crompo un bel s-ciopeto par ‘ndar a cazzar! Eh, eh ,eh, e  dopo pum! Pum! Pum! Fao na strage de usei…

 

DOTOR

(bussano insistentemente alla porta – il dottore era in bagno, esce reggendosi i pantaloni e un rotolo di carta igienica in mano)

Ci ghè che picia? Ugheto! Ugheto! No se pol star chieti un minuto! Proprio anco’ che no sto mia ben! Ugheto!

 

UGHETO

Saghè?

 

DOTOR

‘Ndo serito finìo? No sentito che i picia ala porta? Va a verzar, sarà i soliti seca scatole, dighe che son ocupà!..

 

UGHETO

Al cesso?

 

DOTOR

No, dighe che son in seduta plenaria! Ah, Ugheto, ci ghera prima che cantava?

 

UGHETO

Ah, nissuni, nissuni, l’è chela sfondrona che ne sta in parte casa che la ga le oje!

 

DOTOR

(bussano insistentemente alla porta)

Ah, che vicini dereliti che gavemo… calche olta ghe ne digo quattro… anzi , ghe molo sul pianerotolo el nostro mastin! Va a verzar, e te capìo cossa to dito, era?

 

UGHETO

Sì, sì, ghe penso mi… (si rimette il camice e apre la porta)

Bongiorno!

 

PINO

Buongiorno…. Mi scusi, è qui che riceve il dottor Annibale?

 

UGHETO

No, el dotor Ani-bale da quando che l’à scavalcà el portòn no ‘l se ciama più cossita!

 

PINO

A no?

 

UGHETO

No, adeso si ciama Ani e basta parchè lè ghe restè impegnè de sora al porton

‘na disgrazia che solo el signor le sa!

 

PINO

Come mi dispiace… Ehm, il dottore è in casa?

 

UGHETO

Sì, ma in ‘sto momento l’è molto impegnato… penso che tra un’oreta si sarà delibarato del tuto…

 

PINO

Ecco, avrei bisogno di un “consulto” da lui…

 

UGHETO

 

Se ‘l vol un “insulto” a ghe lo dao subito mi senza bisogno del dotor, bruto luamaro impestà, desonor porco, cancaro ludro, che la vaca de ta cunà…!

Elo inbisogno o ghe ne vorlo n’altra scarrettata?

 

DOTOR

(il dottore sente ed esce con i pantaloni sbottonati e la carta igienica in mano)

Ugheto, cossa dito? Arda che to sentìo! Va ja, desonor!

El me scusa tanto, l’è me fiol… l’è un s-ciantenìn salvadego, ‘na calche olta ghe fao l’operazion a la lengua… in cossa posso servirla?

 

PINO

Cercavo il dottor Anni…

 

DOTOR

A son mi!

 

PINO

Ah, …lei?

 

DOTOR

Sicuro! Come no!

 

PINO

Non me l’immaginavo cosi…! Ecco… non vorrei disturbarla, se ha dell’altro da fare non mi trattengo…

 

DOTOR

Ma el se figura, al masimo… tegno duro! ‘sa orlo?

 

PINO

Io, a dir la verità, nulla…

 

DOTOR

Galo cani, gati, usèi?

 

PINO

No…

 

DOTOR

Moreciole, pioci, zargnapole, bissi?

 

PINO

No…

 

DOTOR

Luzi?

 

PINO

Neppure! Io non tengo animali perché sono allergico soprattutto a quelli  che ha elencato… ecco, vorrei piuttosto che visitasse una raro esemplare che vive con me da vent’anni… mia moglie!

 

DOTOR

So mojer?… e da mi el ven? Mi vao drio al bestiame no a le mojere de chi altri, ghe no vuo inbisogno de la mia! Pace al’anima sua e par fortuna che me ne son delibarà! A proposito de delibarar….

 

PINO

Ma è un caso urgentissimo, la prego…  mi hanno dato delle ottime referenze su di lei! Mi aiuti , la prego!

 

DOTOR

Sì, ma, come ghe disea, mi vao drio al bestiame, al bestiame alo capio?, …no penso che so mojer la sia ‘na vaca e lu un musso… va ben?

 

PINO

Dice di avere gravi disturbi! Le viene di tutto: mal di testa, mal di pancia, mal della faraona! Continua a dirmi che si sente morire! Le toccherà morire, dice…

 

DOTOR

Caro dal Signor, el me scolta mi el me scolta, se ghè ‘na roba sicura a sto mondo, l’è che tuti quanti ghemo da morir! Mi no me preocuparia più de tanto! Se no ghe despiase, mi gavaria da ‘ndar de la de la ja …

 

PINO

Non se ne vada, la prego! La questione è seria le dico… Continua a dirlo, notte e giorno.. mi tocca morire, mi tocca morire, mi tocca morire! Non ce la faccio più! Siamo stati da un altro dottore e ci ha detto che ha il sistema nervoso infiammato, provi a guardarla anca lei! Mi affido al suo buon cuore!

 

DOTOR

No poso, go altre urgenze!

 

PINO

Ma facciamo presto, gliel’assicuro!

 

DOTOR

Ufa, va ben, ma femo in pressia… ‘Ndo ela so moier?

 

PINO

È qua fuori all’esterno…

 

DOTOR

E fasila vegnar drento! Moive!

(il marito sulla porta cerca di convincere la moglie)

 

PINO

Grazie, dottore, lei è la mia stessa vita… Ah, una cosa: non dica di essere un veterinario, che poi, lo so, lei s’impressiona e sta peggio… Va bene?

(uscendo di porta) Dai, c’è il dottore cara che ti aspetta dentro, vuole visitarti cara, vuole darti un’occhiata, dai vieni dentro cara, ti prego!

 

DOTOR

Ela longa?

 

PINO

È una parola! Abbiamo fatto un mezzo baruffone prima in mezzo alla strada perché lei non voleva entrare! Lei vuole andare da un dottore di quelli bravi, da un professore, ma io sono povero, faccio il cameriere in una pizzeria e non posso certo portarla dal primario dell’ospedale! Deve per forza accontentarsi di uno… come lei!

 

DOTOR

Anca questa me toca sentir! Fasì presto!

 

PINO

(uscendo) Dai, Ginetta, Ginetta cara… filtra dentro, mama mia, come sei nervosa! Dai, Ginettina, fallo per me, dai, imbucati dalla porta del dottore… (rientrando) non vuole fidarse, non si fida… aspettiamo un minuto!

 

DOTOR

Ben, intanto mi vao de la de la ja…

 

PINO

Stia zitto, ssssh… si è decisa… mi raccomando… appena viene dentro, fatele qualche moina, dei complimenti… Sa come sono fatte le donne, così tanto per “imbuonarvela”….cercate di impersonarvi nella sua infermezza!

 

DOTOR

Ma come parlelo?

(vede la donna) Mariasantissima,… che bocolo!

 

GINETA

(entrando) Ma ci elo ‘sto pirla?

 

PINO

(in disparte) Siete fortunato, dottore, vi ha rivolto la parola! Avete fatto colpo! È un buon segno!

 

DOTOR

Par poco lo fao mi el colpo!

 

PINO

Ecco, Ginetta cara, questo è il dottore che vuole vederti…

 

GINETA

‘Sto qua un dotor?

 

PINO

Ha insistito tanto per vederti… é un grosso specialista… un luminare della scienza medica moderna…

(al veterinario) Ditelo anche voi, datemi una mano!…

Ginetta, tu sei in ottime mani!

 

GINETA

Ti tasi che ‘sto qua semai lo digo mi!… T’avea dito de portarme dal primario del’ospedal e invenze te me porti qua, dal primo dotorìn che capita, senti che spuza da stala!

 

DOTOR

Beh, adeso scominzio a stufarme!

 

PINO

Ma cosa dice, resti!… Non è l’abito che fa il monaco!

 

GINETA

(con voce grossa) Ma sto qua elo un dotor o un frate?

 

DOTOR

Oh, basta… Mi no son ‘na peza da piè!

 

GINETA

Ma salo mai vardà in nel spejo?

 

PINO

Ecco Ginetta, vedi, l’hai mandato in bestia! Portaci rispetto, anche se no fa un bel vedere… (al dottore) Portate pazienza dottore, è fuori di lei, pensa di avere un brutto male, provate a vedere cosa ha, mi faccia un piacere per piacere …

 

DOTOR

Comodeve de sora la panca e zerchemo de far in pressia! El me tegna questo!

(il dottore da il rotolo di carta igienica a Pino - la donna comincia a levarsi le scarpe)

pian, cossa fasìo? No, no, le scarpe, quele no l’e c’entra gniente… verzeve fora qua davanti la camiseta che guardemo….

 

GINETA

(al marito) Eco, eto visto! Te me fato cambiar i calzeti par gniente!

 

PINO

Eh, cosa c’è?… appena torniamo a casa ti rimetti i calzini bucati che avevi prima di partire, va bene?…

 

DOTOR

Cossa ve sentìo?

 

GINETA

Cossa me sento? Solo mi, lo so, quel che sento dotor! Solo mi!

 

DOTOR

Sì, ma gavaria da saverlo anca mi…

 

GINETA

Eco, pena me svejo la matina, me sento un dolor de stomego..  ‘na deboleza, … e alora majo, majo, majo, fin che no ‘l me pasa…

 

DOTOR

Va bene. E dopo?

 

GINETA

Dopo no pasa gnianca do ore… che ancora me vien ‘na deboleza, ‘na fame ‘na fame ma ‘na fame… che se no majo devento mata!

 

DOTOR

E dopo?

 

GINETA

E dopo, verso sera, dopo zena, me ven ‘na fame, ‘na fame ma na fame! No ghe magnar che me impenisa….

 

DOTOR

E dopo?

 

GINETA

E dopo de note, dopo che ‘o magnà e beuo come ‘na vedela, me svejo co’ na fame che me toca levarme su par ‘ndar a magnar n’altra olta!

 

DOTOR

E dopo ala matina?

 

PINO

E dopo magna, magna, magna!

 

GINETA

Machè, deficiente, vao a scaricar!

 

DOTOR

A proposito de scaricar…

 

PINO

Fermo, porti pazienza dottore, voi che siete la scienza fatta persona, ditemi: ma che tubazzo ha mia moglie, che mi mangia fuori tutto, il dritto e anca la fodera; non ce la faccio più a starci dietro a mia moglie da tanto che magna! Ma cosa devo fare, comprarle un ristorante?

 

DOTOR

No, calma, , l’è solo el stomego infiamà! Calma, vedemo mejo, sbotoneve qua el regipeto…

 

PINO

Eh, no, piano dottore… piano.. io sono paziente ma geloso assaie… guardate bene dove mettete le mani... sangue siculo tengo! (estrae una pistola)

 

DOTOR

Gavarò pur da visitarla!

 

PINO

Sì, ma con prudenza! (punta la pistola alla tempia del dottore)

 

GINETA

No ‘l staga ‘scoltarlo, dotor, no ‘l capise gniente me marì, no la mai capio gniente, el faga tuto quel che serve!

 

DOTOR

Certamente!

 

PINO

Piano, non la tocchi!

 

GINETA

Ma tasi…!

 

DOTOR

Qua no ghe gniente!

 

GINETA

Ma come no ghe gniente… el guarda, el tasta, el tasta ben….

 

DOTOR

No, qua no ghe gniente!

 

 

PINO

Dottore, non offenda me e mia moglie! Avrà i suoi difetti, ma le sue cosuccie le sempre avute tutte a posto.. toccato con mano ho! Le ricordo che ho una pistola puntata alla sua testa…

 

DOTOR

Non m’impressiona… el tasta qua! (gli prende la pistola) (appoggia l’orecchio)

 

PINO

Ma non si sente nulla!

 

DOTOR

Difati! No, no, par mi iè robe che vavì meso in testa…

 

GINETA

In testa? (si tocca la testa)

 

DOTOR

Silenzio! La diga: zinquezentozinquantazinque schei de somenzina…

(appoggia l’orecchio al petto di Gineta)

 

GINETA

No ghe la fao mia, me manca la zzz!

 

DOTOR

La diga alora… de sora la panca la cavra campa soto la panca la cavra crepa!

(appoggia l’orecchio al petto di Gineta)

 

GINETA

Gnian par sogno! Porta sfiga!

 

DOTOR

Dai, no stemo a far i buteleti… la diga: ‘na fila de fighi in fila, un figo par fila…

(appoggia l’orecchio al petto di Gineta)

 

GINETA

Ma scherzemo.. mi no lo digo mia… e po el figo l’è fora stagion!

 

PINO

Porti pazienza, dottore, non è in lei, la malattia le prende il cervello!

Metteteci l’orecchio sopra… (il dottore appoggia l’orecchio) Lo dico io: una fila di fichi in fila, un fico per fila …

 

DOTOR

Oh, beh, l’è roba da mati… va ben, o capio…. Sta qua l’è ‘na roba da gniente! L’è un s-ciantìn de sistema nervoso! ‘Na bona cura ricostituente la ve guarisse dal tuto!

 

PINO

Come disse quell’altro dottore… com’è che si chiamava?… Ah, Zinetti!

 

DOTOR

Adeso ve scrivo mi la riceta… zerchè de star calma!

 

PINO

Come disse Zinetti!

 

DOTOR

Tanto riposo…

 

GINETA

Come Zinetti ….

 

DOTOR

Niente cafè, niente alcol, riposo. E adeso gavì da pagarme! (pausa)

Questo no l’a mia ito Zinetti, era?

 

PINO

Ecco, hai visto? Per colpa tua volano via altri quattrini!

 

GINETA

Ah, che deboleza, che fame, galo mia dotor un polastro, un pito, un salado drito?

 

PINO

Tenga dottore e grazie di tutto!

 

DOTOR

Oh, ma sio in via scherzar? Robe da mati, oh, m’avi dato tremilafranchi de moneda!

 

PINO

Beh, se son troppi mi ridia mille lire…

 

DOTOR

No stemo a dir matade…

 

PINO

Perché ne volete ancora? Avete detto tutto quello che disse l’altro dottore… Zinetti! Uguale, uguale, uguale…

 

DOTOR

Beh, se ‘na malatia l’è quela, no poso mia cambiarla, inventarghene n’altra! El morbìn l’è morbìn! La peronospera l’è la peronospera… Sta qua l’è nevrastenia acuta e basta!

 

PINO

Ah,… Nevrastenia acuta?… questa è una parola nuova… questa non l’ha pronunciò mai nessuno, neppure Zinetti!

Beh, allora se le cose stanno così può trattenersi tutti i soldi!….

 

DOTOR

Ah, che dolori! El me daga e me schei…

 

GINETA

Che deboleza! Ah, ah, ah!

 

La scena prosegue…


Compagnia teatrale 'Otomai... teatro!

Nella foto: Diego e Devis ne "El porzel malà de panza"


Vedi anche:
 (Oggi -> Gruppi e Associazioni) "Compagnia teatrale 'Otomai... Teatro!"

Torna indietro

Copyright © 2002 Credits. Tutti i diritti sono riservati.