verona
martedì, 21 novembre 2017
Cerca          cerca documenti
 OggiOggi  NotizieNotizie  StoriaStoria    Archivio Archivio  GRUPPO SPORTIVOGRUPPO SPORTIVO  FotoFoto  ChatChat  <font color=red>Caselle</font>Caselle
Archivio

Documenti Documenti
Manuale per la Chiesa di S.Giorgio martire di Tarmassia 1870 Manuale per la Chiesa di S.Giorgio martire di Tarmassia 1870
Visite pastorali Visite pastorali
Testamenti Testamenti
Archivio Parrocchiale Archivio Parrocchiale
Libri Libri
Giornali Giornali
Giornali 2 Giornali 2
Filastrocche Filastrocche
Cartografia 2 Cartografia 2
alberi genealogici alberi genealogici
Racconti, leggende Racconti, leggende
Archeologia Archeologia
Cartografia Cartografia
Poesia, Teatro Poesia, Teatro
Glossario Glossario
Dei Vicariati di Talmassia e Campolongo Dei Vicariati di Talmassia e Campolongo
Delibere di Giunta Delibere di Giunta
Siti web Siti web

Ultime dal muro...
muro Foto Tarmassia Calcio 1999-2000
di F.G. - 17:55 (09/01/2017)
Buonasera, sto cercando foto relative al Tarmassia calcio della stagione 1999-2000 o forse 1998-99. L'annata dei ragazzi era 1989 categoria pulcini. Sarei grato a chi me le inviasse. a: info@tarmassia.it Cordiali saluti.
muro wipiyior
di Johne52 - 09:55 (27/09/2016)
Wow! This could be one particular of the most useful blogs We've ever arrive across on this subject. Actually Excellent. I'm also an expert in this topic so I can understand your hard work. fegdbdagfdeb
muro SOS foto sagra
di Stefano - 22:09 (29/06/2016)
Stiamo cercando foto della sagra di Tarmassia (anni '60-'70-'80-'90) per una mostra a settembre. Saremo grati a chi ce le inviasse a: info@tarmassia.it. Grazie!
archivio storico Scrivi sul muro!
Utenti collegati
Stanno visitando il sito 47 utenti
tarmassia.it

Commedia comico brillante in tre atti

EL FOGAZìN CHE SA DA RANZìN

Compagnia Teatrale 'Otomai... Teatro!

EL FOGAZìN CHE SA DA RANZìN


In versione originale, la stesura definitiva della commedia "O... Strega! El Fogazìn che sa da Ranzìn" di S.Gobbi e C.T. 'Otomai... Teatro!. Il debutto della commedia avvenne il 5 gennaio 2000 presso il teatro di Vigo di Legnago (VR). Per avere la cassetta videoregistrata scrivere a info@tarmassia.it.
‘Otomai…Teatro! presenta: ‘O…Strega! El Fogazìn che sa da Ranzìn! Tre atti comico brillanti in lingua dialettale di Stefano Gobbi, Diego Carbon, C.T. ‘Otomai… Personaggi Imelda, la Stria de Tarmassia Amalia, la Strioza de Visegna Lino, el Becar inamorà Gusto, l’Osto che se grata de gusto Sorella Rosa, la Suora Viola Chisciota, el Morto de fame Ida, l’Ostess-a Quaia, el Cazador dal’ostrega Norina, la Fiora del’ostaria L’Anguana, la Fada dela Cana (vera) E infine, Moreta, el Gato moro morèl Sissi, la Ziveta imbalinà Lola, la Cagna che speta… La Quaia pelosa INDICE ATTO I EL FOGAZÌN CHE SA DA RANZÌN 1 SCENA 1 EL FOGAZìN CHE SA DA RANZìN 1 SCENA 2 EL MESTIER DE LINO 3 SCENA 3 L’ANGUANA 4 SCENA 4 EL SALADO DE GUSTO 5 SCENA 5 LA VERGINE 7 SCENA 6 EL BUSO STRUPA' 9 SCENA 7 I CAVEI 10 SCENA 8 L'OSTARIA DEL GATO MORÈL 11 SCENA 9 CUPIDO 12 SCENA 10 LA QUAIA PELOSA 13 SCENA 11 NORINAQUAIA 16 SCENA 12 LINRINA 16 SCENA 13 PIPIZON RAVAZON 18 SCENA 14 VILLIACCO! 21 ATTO II EL BOSCO DELE FATE 23 SCENA 1 LE VACHE CO’ LE TETE IN PINGOLON 23 SCENA 2 CI SITO? 25 SCENA 3 ME MAIO TUTO! 26 SCENA 4 LA FATA DELA CANA 26 SCENA 5 EL FOLETO 29 ATTO III EL FINALE 31 SCENA 1 LA IDA E NORINA DE GUSTO 31 SCENA 2 EL TRAMACIO 32 SCENA 3 CHE VIOLA! 32 SCENA 4 TUTI NUDI 33 SCENA 5 EL CADAVERE 35 SCENA 6 LA FINE 37 ATTO I EL FOGAZÌN CHE SA DA RANZÌN SCENA 1 EL FOGAZÌN CHE SA DA RANZÌN (è buio e imperversa un temporale, dai lati del palco fanno il loro ingresso le streghe; inizia una musica tribale e il ballo attorno il “parol”: è il SABBAH; al termine le streghe si dileguano e restano sulla scena Imelda e Amalia)(le due streghe sono molto nervose; si ode uno stillicidio e versi lontani d’animali) IMELDA (con voce cattiva e respiri profondi) ORACÙZ ED OLÌK NÙ, ANIRÀF ED OLIk NÙ… ORACÙZ ED OLÌK NÙ, ANIRÀF ED OLIK NÙ, ANIZ-NEMOS ED ITE OT-NEZ… (contraddetta) Ah! A ghè el libro roerso! Par la coa de Belzebùl, tenlo drito ‘Malia! Senza ociai no vedo un'ostrega! Lezi ti, dai, che te impari el mestier! AMALIA (capricciosa) No, no ghe nò mia oja! Te lo sé che no me piase mia, vacacan… IMELDA Come no te ghe n'è mia oja? Otto che te onza? Arda che se no te lezi subito, no te fao più zugar coi pegnatini! Eto capio? AMALIA Uffa! ……..Però te me prometi che te me fè montar su la spazaora de rama e te me fe far un bel giro! IMELDA Vaben! Te farò far un giro sula ramaza, però intanto lezi, e in pressia, che senò canta el gal dela matina! Presto! AMALIA (a voce alta e spedita, Imelda ascolta e butta roba nel “parol”) Zento sesole de farina; dosentozinquanta nose de buro; setezentosesantazinque spizeghi de zucaro, zinquezentozinquantazinque schei de somenzina, du ovi… IMELDA …Come, du ovi? Me par infin de stranio che ghe sia du ovi… (guardando sul libro) Ga da esarghe de sicuro un sbaglio ne la riceta... Va ‘vanti, ‘Malia va vanti! I ovi ghi e metaremo ala fine! AMALIA 'Na zuca baruca, ‘na zata de zargnapola, ‘na zurla de note, ‘na sdinza de giorno, un salado ranzo de l'an pasà… IMELDA Ma come, anca un salado ranzo? Ma semo sicuri che la sia la riceta giusta? Me par infin imposibile! Va 'vanti, ‘Malia! Moete! AMALIA Alora, …un ciufo de cavei de ‘na butela vergine senza pecato… IMELDA Par la paruca dei Bizibei, e a ci ghi e cavo ‘sti cavei? AMALIA Cavemeli a mi, mama… A mi! A mi! A mi! IMELDA Eh no, eh, ti no…no te sì mia quela giusta! Te lo sé che nela bocia de vero vedo tuto, sporcaciona che no te sì altra… AMALIA Calche olta la spaco! IMELDA Guai a ti! Va ‘vanti! Moete ‘Malia, che canta el gal dela matina! AMALIA Procedimento: (butta il libro per terra) Ciapar el gato moro del'ostaria e, fin che impastè, dasighe ogni tanto un sfregolòn; (risatina) cosar tuto l’impasto (compreso el gato) (risatina) drento al parol con brase de nosara; apena el fogazìn el fa la grusta, tirelo fora e lasselo soràr de sora a un luamàr fresco de giornada… ala mezanote del terzo giorno dasighelo da tastar al gato moro de prima: 1) Se el se leca el pelegon: doman pioarà; 2) Se 'l olta ia, dasighe 'na purga; 3) Se el se ciucia el busss… soto la coa, l'è par farse boca bona! IMELDA (canta il gallo del mattino) Aaah, ‘Malia! Scondi el libro, subito! (Amalia va a riporre il libro) (Imelda è agitata) Proa guardar cossa me toca far par me fiol! E tuto par colpa de l’osto e de so fiola Norina! Lino, el me butino, el sa ligà a chela fiola (alzando i pugni) pezo de un toco de bacalà tacà via a un trave… subito la parea tanto piasolina, tuta casa, ciesa e capelina, mogia mogia. Ma dopo, dal dito al fato, ‘sta slandrona, la sa verto fora e da 'na ciacola a chel'altra la sa fato tor olta dal Quaia… AMALIA (tornando in quell’istante) Quaia? E ci elo ‘sto Quaia? IMELDA Ci l'è el Quaia ? El cazador! Lo seto mia? L’è lu el moroso de la Norina; Lino nol pol sofrirlo, nol pol gnian vedarlo! Zà che anca mi ghe l'o assè, parchè chela olta el ma imbalinà la me pora Sissi, l'ultima ziveta ancora in circolazion… me la tegnea tanto da conto desora al cuerto dela casa, fin che 'na note non la me scapà… AMALIA E lù pum!: el la piombà! Fiol d'un can d'un cazador dal'ostrega! IMELDA Adeso inveze preparemo un bel fogazìn par stimolar chela slandrona de la Norina: certe robe se no le vien par conto suo bisogna farle vegner! Eto capio? AMALIA Ma ela na roba che moe drento? IMELDA (si abbassano le luci) Drento-fora, fora-drento, mmmmh!, maria che mal de dento!, ma me contento, zìn, zìn, zìn, maria che spuza da brusìn!, Fogazìn che sa da Ranzìn! Fogazìn che sa da Ranzìn! INSIEME Zìn, zìn, zìn… Eeeh, eeeh, eeeh! Eeeh, eeeh, eeeh! Eeeh, eeeh, eeeh! (le streghe ridono selvaggiamente e spariscono dalla scena) SCENA 2 EL MESTIER DE LINO LINO (canta il gallo; dall'interno della macelleria si odono delle piccole risate, in prosecuzione ideale delle precedenti) Eeh, eeh, eeh! Mmmmh, mmmmh, mmmmh, che cossa, …che peto! Che peto…mmmh, che cossa! (risatine) Che pel bela lissia, bianca, lusstra come un borocìn!… Ven oja de sfregolarla tuta! Mmmmh! Eeh, eeh, eeh! (esce Lino, accarezzando uno dei suoi polli spennati) Senti che alete, senti che reguesta! Che polastri che vendo: nissuni ghi a bei come i mei! (al pubblico) I ven a cromparli da tuto el mondo: da Aselogna, da Pelaloco, da Ponzilovo, da Sustinenza, da Macacari, Corezo, fin dale Brekane! (tirando la bocca) I dise che i sa un po' da plastica… ma jè solo le malizie de chialtri becari foresti che i gà 'na rabia marza! (risata; poi verso il pubblico) Reguesteee, aletee, grestine, done done! Alete, grestine, regueste, done done, vegnì, vegnì! IMELDA (uscendo di colpo dalla macelleria, va dritta da Lino) Cossa feto lì, sempre a spalpezar anare, piti e polastri? Ardà lì in piaza, inveze, che bele polastre che gira! No te capissi gniente Lino! Sempre in casa, serà su, beco e gnal, cul e coa! LINO Anca la coa gò adeso! IMELDA (davanti, al pubblico) Con tute che le bele butele che ghe in giro, a lu no ghe ne piase gnianca una! E parchè questa la gà le rece a sventola, e chel'altra la camina zopa, una la gà el naso ranzinà, chel’altra la boca storta: a vorìa vedar ben ci l'è che te maridi! Ah, ma mi lo so, lo so el parchè, te pensi che no lo sapia mia: ti te ghè ancora in testa chela là, la fiola del'osto! Ma scolteme mi oco: l'è mejo che te te la desmenteghi! LINO Cossa otto saver ti de le me robe, lassa star che me rangio: mi go da tendarghe al me mestier e basta, eto capìo? IMELDA Ma mi l'è proprio a quelo che penso, Lino! No te vedi che te sì magro inciusìo, no te magni più! Arda to sorela inveze come che la magna de gusto! Maia Lino, maia Lino! LINO (ritornando in macelleria) Tasi, tasi, che te me ‘saurisi! Te seghiti a crozedirme! Te sì la me condana! IMELDA Che fiol malcunà! L’è tuto so poro pare: quando chel se mete in testa ‘na roba nol ghe le leva più nissuni! L’è inamorà come ‘na pita! (cattiva) Ghe solo da sperar adeso che riessa a striar ‘sta benedeta fiola del’osto e farla inamorar de Lino! Sperando che so pare el tasa… SCENA 3 L’ANGUANA AMALIA (a voce alta, uscendo dal retro dell’osteria con una scatola) Mama, mama, o ciapà el gato! IMELDA (piano) Ssssh! T'à visto calched'un? AMALIA (forte) Sì, …el gato! IMELDA Fa gniente! Questo lo metemo in giazara… ‘Deso ‘scolta: par finir el fogazìn ne manca solo i cavei de 'na vergine senza pecato! E me pora mama la me disea che par saver se l'è 'na vergine, bisogna che canta… l'anguana! AMALIA …L'anguana? Coss'ela 'sta… anguana? Come fala a cantar che mi no lo mai sentìa cantar? IMELDA No te pol sbagliar: solo le strie come mi e ti le sente cantar… l'anguana, eto capio? AMALIA O capio! …Ma ti, l'eto mai sentìa cantar ancora … l'anguana? IMELDA Mi no, ma no c’entra gniente! Sta in traza e 'scolta: se te la senti cantar dimelo subito! Adeso cori, va zò in cantina, meti su l’acqua che a ‘sto qua ghe penso mi! AMALIA Coro, coro, coro! (Amalia va in macelleria; Imelda tiene la scatola con il gatto infilzando delle lunghe “uce”) SCENA 4 EL SALADO DE GUSTO (Esce Gusto dall’osteria, visibilmente innervosito; alla vista di Gusto, Imelda si fa cupa) (davanti l’osteria sono appese collane d’aglio; una scopa rovesciata è appoggiata vicino l’uscio) (Gusto manifesta una malcelata gentilezza; Imelda, consapevole di avere tra le mani il gatto di Gusto, fa finta di nulla) (I due si mantengono a debita distanza) GUSTO (chiamando il gatto, ridacchiando e buttando pezzi di pane per terra) Moreta, Moretaaa!… Moreta, Moretaa! Moreta, Moretaa! Ehm,… Imelda… Ehm,… ala visto, par caso, Moreta, el me gato moro? IMELDA (cattiva) No! GUSTO Ah, giusto, … cossa ghe domando a ela del me gato… IMELDA Difati! GUSTO Moretaaa... Moretaaa… Beh, oh, el vegnarà deolta con comodo quando chel gavarà oja… IMELDA (ironica, conficcando delle grosse “uce” nella scatola) Con comodo e quando chel ghe n’avarà oja! GUSTO Ma ela, la me scusa, ma gala parenti dale parte de Vicenza, che par caso, la sa, eh, eh, eh, vesentini – magnagati… IMELDA (cattiva) Se ‘l vol calcossa el me le diga in pressia! GUSTO (esitante) Sì, me servaria calcossa… Gavaressi mia un salado? IMELDA La botega l'è serà! GUSTO Ma come, la botega l’è serà ale diese de la matina? Ma, quando verzìo alora? IMELDA (arrabbiata) Quando ghe n'o oja! Mi no go orari: se la gira de bona tiro su la saracinesca, verzo botega e tiro fora tuto quel che go! (in crescendo) Se invenze go la luna storta, tegno serà, inciavà, incadenà, inluchetà, sprangà! Va ben? GUSTO Imagino che ancò la luna la va via storta, quasi rebaltà… Gavarìa 'na certa pressia… Podaresela mia farme un piaser? IMELDA (in collera) Un piaser? Mi, a lu? Me par infin imposibile che ghe sia vegnua tuta 'sta oja de salado proprio ‘deso! Podeelo mia far un minestron al posto del risoto? Ah, ma mi lo so, lu el le fa aposta par farme tribolar, par farme un dispeto e farme laorar anca quando che go inciavà! GUSTO (Gusto resta senza parole- pausa) …Vorà dir che ghe tendo 'pena la verze! Ma, ghe n'avio almanco de saladi mesi via? IMELDA No lo so mia e gnianca voi saverlo! MORETA (dalla scatola si ode un miagolìo disperato) Miaoooooo! GUSTO Moreta! Lo sentìo! Ma ‘ndo elo, el parea chel vegnese da lì drento… (indica la scatola e si avvicina a Imelda) IMELDA (Imelda, scoperta, cerca di svignarsela in bottega) Ma elo mato? Sentelo el tempo? Sarà me fiol de la de la ia in via copar un zisòn… GUSTO Un zisòn? La me daga chela scatola lì! La me daga la scatola! (con forza, cercando di strappare la scatola dalle mani di Imelda) IMELDA Fermo lì, el staga fermo, el podaria catar robe che no va mia ben! (Imelda è costretta ad entrare in macelleria per nascondere il gatto) Nol staga moarse da lì! Vao a vedar mi se ‘l so gato impestà l’è ndà in botega! GUSTO Sì, la vaga a vedar… E se no la cata el me Moreta, la me porta fora almanco un bel salado! Ustando e rumando a olte se cata quel che parea perso! (al pubblico) …Con done come chela lì, l'è meio lassarghe far.. anca mi, a dir la verità, se gavesse 'na dona compagna ghe darìa tuto quanto in man, e ghe lassaria laorar come che ghe piase a ela! Me moer coss-otomai che la faga… (verso la macelleria) Done come ela, Imelda, no le se cata più… (esce Imelda con Amalia. Sottovoce verso il pubblico) …ià brusè tute, par grazia del Signor, ah, ah, ah! (s’accorge delle due streghe, con sorpresa) …aaah, aala catà calcossa? (s’allontana e tocca l’aglio) IMELDA Gniente! GUSTO Gnianca un saladìn? AMALIA Gnianca un figadìn! GUSTO E Moreta? IMELDA De gati e de saladi no ghe ne gnianca uno, alo capio? (pensandoci) Anzi, ‘deso che ghe penso, ghe sarìa un bel salado groso: (indicando Gusto) ecolo qua, in piè, su do gambe! AMALIA Proprio un bel saladon de quei da tacar ia col spago! …Pecà che ‘l sia ranzo! GUSTO (facendo finta che fosse solo una battuta, ridendo) Ah, ah, ah, che rida……ma gala guardà ben de drio l'armaron che par caso no ghe ne sia sbrisià drento uno? IMELDA A mi no me né mai sbriscià drento un salado! GUSTO Gnianca soto al leto in parte al bocal? AMALIA In parte, no… semai drento, in salamoia! GUSTO Vacaria, ma soto el seciar, drento al secio? IMELDA (minacciosa, con la scopa puntata verso l’oste lo ricaccia verso l’osteria) Ma, el me scolta, ma lu l'alo mai leto el “Libro dele Mile Curiosità”? GUSTO (indietreggiando, impaurito) A mi no, … IMELDA (minacciosa) Bon, alora el vaga a casa, e ‘l se l’impara a memoria, cissà che no ghe vegna el mal de panza, curioso come che l’è! GUSTO (intimorito) Va ben, alora vao a casa parchè gavaria da darghe da bea al merlo indian… IMELDA Brao, el vaga a darghe da bea al so merlo indian, che nol ghe se seca tuto! AMALIA …e se proprio proprio el farà el risoto col merlo nostran! Ah,Ah, Ah! GUSTO (sulla porta dell’osteria) Quando la verze botega me fala un fis-cio?… IMELDA (offesa) No son mia un merlo mi! (rientra subito in macelleria) AMALIA (prendendo in giro) La saludo! (resta in scena con la bambola) GUSTO (cattivo) La SALADO! (entra in osteria) SCENA 5 LA VERGINE (Sorella Rosa arriva sgranando un rosario) (Gusto esce con il merlo in gabbia e ascolta attentamente la scena) S. ROSA Bongiorno sorella! AMALIA Sorela? E mi son to nona! S. ROSA E’ aperta la bottega? AMALIA “Veramente” dipende dala oja de me mare… (Canta l'Anguana. Amalia si blocca) Oh, coss'elo sto verso?… (Canta l'Anguana. Amalia si blocca)(Rivolta a Sorella Rosa) Che sia Lino in via copar 'un sizòn…? Ti eto sentito 'sto verso? S. ROSA Che verso, sorella? Mi no sento versi… AMALIA (tra sé, illuminandosi) Vacacane, voto veda che l'è l'Anguana? Ah, ah, ah! (a Sorella Rosa, trafelata) Sta qua e guai se te te moi che te ciamo me mare. Sta lì ahn?… (urlando) Mama, mama è rivà la vergine! S. ROSA Sorella Rosa!… AMALIA … è rivà me sorela Rosa! IMELDA (esce Imelda, perplessa) To sorela Rosa, e quando mai te ghe ‘na sorela? (vede la ragazza) AMALIA (sottovoce) Mama, l'è ela… quela senza pecato! IMELDA (guardando Sorella Rosa) Oh, mama cara, mi fa infin “de pecato”… AMALIA ‘Pena l'è rivà, mama, o sentìo cantar l'Anguana! ‘Scolta, ‘scolta, la canta n'altra olta… (Canta l'Anguana. Tutti si bloccano) Eto sentìo mama, eto sentìo? IMELDA Cossa? No o sentìo gniente… AMALIA Ma come, ma se lo sentìa ben assè! Scolta, scolta, senti… GUSTO (soddisfatto) Senti l'anguana come che la canta de gusto! AMALIA Eto sentio, mama? IMELDA (perplessa, a Sorella Rosa) Ti, eto sentio calcossa? S. ROSA Mi niente, sorella! IMELDA Ti, ‘Malia, eto sentìo ben? AMALIA Par le rece dei Bezibei, mama, me rimbomba fin le rece… ma eto sentìo gniente? IMELDA (inventando) Noooo, … no, sì, siiiì, o sentìo calcossa, l'è che st'aria de montagna la ma strupà anca le recie… ‘Scolta, ‘Malia, ma pensandoghe ben, se emo sentìo cantar l'anguana, vol dir che questa l'è proprio ‘na vergine! S. ROSA Sorella Rosa! AMALIA Sì, dala ziera l’è proprio ‘na… Sorella Rosa! IMELDA (ride) Ah, ah, ah… (a Sorella Rosa) Te pararà fin 'mposibile, ma serene proprio qua in vià spetarte... Cossa te serve, cara dal Signor? S. ROSA No gavaressi mia un salado? IMELDA Anca ti un salado? Ma voto scherzar? A gavemo i saladi mejo de tuta la Basa… i ven fin da le Alte a cromparli! E anca da le Medie, ghe pien de buteleti: ie coparia tuti se podese! S. ROSA Misericordia! IMELDA (a Sorella Rosa) Ghe no tirà fora proprio uno stamatina de quei bei. Però bisogna che te vien drento, cara, che te lo fao tastar… Linooo! Ven zò che ghe gente, ven a farghe veda! 'Ndemo cara, ‘ndemo cara! Gheto el moroso? Nooo? Linooo! (Imelda e Amalia portano Sorella Rosa in macelleria) GUSTO Ghe né par tuti, devìa de quei che sta in parte botega!… ‘Ol-d'un-can de 'na vecia impestà! (se ne torna all'osteria) SCENA 6 EL BUSO STRUPA' CHISCIOTA (dall'angolo della strada esce un barbone) Genar, febrar, marzo, april, magio e mezo giugno a medar el formento! Oh, no ghe rivarò mai! Can dale mile carestie! L'è un ano massa longo st'ano! Par quasi che i gabia meso le gambe al pan! E come che 'l core! Son in vià pensar come se podarìa far par maiar de manco… 'ste rave impestè l'è mà slargà le buele assè che me toca maiar tanto ma tanto pissè de quel che orìa la me panza … GUSTO (entra in scena Gusto, intento alle pulizie e tenendo d'occhio la macelleria) Mi son convinto che se te gavesi un bel polastro da maiar el te strenzarìa un pochetìn le buele, eh, eh, eh!… Va da chela vecia marantega che sta lì darente, cissà che a ti no la te daga calcossa... CHISCIOTA Savio cossa o pensà? O pensà che se strupese el buso de soto ‘na olta che o magnà, el magnar nol podaria più vegner fora, e alora, bbl,bbl,bbl, le buele le starìa piene, e no vegnaria più tanto el stimolo dela fame.. ! GUSTO No, can dal buso strupà. No lè mia el buso, quelo, da tegner strupà; anzi, bisogna tegnerlo ben verto se se ol star sani! E chi va sani va lontani ani-ani-ani! CHISCIOTA Ma questo l'è quel che zerco, can dala fame impestà… Se me malo no go più fame. E pur che no me vegna fame, farìa anca questo, anca malarme me va ben… GUSTO No te orè mia far dele matade? Te podaressi anca morir, e alora sì che te gavarè fato un bel guadagno! Oto farla finia? Otto morir de fame? Mori, mi no me ne frega gniente! Eto mai sentìo chel deto che dise: «Nissuni è mai morto de fame»? O se no: «L'àno el fa con quel chel gà» cha-cha-cha… CHISCIOTA L'è quel che digo anca mi, l'àno el fa con quel chel gà cha-cha-cha, o capio, ma se nol ga gniente cossa falo? Le… telarine? Le bole de saon? (Gusto pensa sia matto- entra in osteria) L’è quel che i ciama el “vuoto esistenziale del mondo d’ogi”: un buso groso cossita no l’à mai visto nissuni: drento ghe pasarìa un camel con de sora un camelier! Ah! Calma! Femo finta de gniente: sul’ora de mezogiorno tiro avanti l’oroloio, cisà che le buele no l’è se ne incorza! Ssssshhh! Parlemo d’altro: che tempo ghe? Ma, ghe un sol che spacaa le piere, i cuguli i marugoli… (si dispera) aaaaaah! GUSTO (rientrando) Cossa ghe, Chissiota, steto mal? Eh, eh, eh! CHISCIOTA Tasi Gusto, l’è mejo racomandarse ala divina providenza … Speremo che anca st’ano el Signor el faga el miracolo de l’ano pasà! GUSTO El miracolo? CHISCIOTA Sì, el miracolo! Con la scusa l'ano pasà che el pan l’era finìo, emo magnà la crusca che i ghe dasea ai porzei… e come l’era bona, t’avesi sentio! El Signor el na fato piasar anca quelo che no l’era bon! Ma st'ano me tocarà maiar el fén dei cavai, sperando che anca quelo el deventa bon da maiar… GUSTO Ma nooo, speta un pochetìn, che la primavera l’è ormai ale porte e te podarè magnar i fruti dela tera… CHISCIOTA Credo che no farà tempo a vegner su gniente parchè quando la tera la scominziarà a butar fora le prime foioline verde, mi sarò là a ciuciarle apena le ven fora… (si china per terra cercando cibo) GUSTO Beh, ven con mi Chissiota, te me fe fin scareze, che te dao mi calcossa da magnar... CHISCIOTA Mmh, mmh, mmh! (entrano in osteria) SCENA 7 I CAVEI S. ROSA (uscendo di fretta e terrorizzata; Imelda e Amalia cercano invano di trattenerla) Beh, non fa niente, mangerò verdura, che fa bene tanto alla linea! IMELDA Speta cara, no stà averghe pressia; no me ricordava più che l'ultimo salado l'o impastà… Ma go dei polastri, dei polastri, che i par dei aquiloti! Ven a vedar! SORELLA ROSA No, no devo scappare, ho il mio moroso che me aspetta davanti la chiesa! IMELDA El moroso? Ma se prima te me dito che no te ghe l'è mia? S. ROSA Ahi! (Amalia strappa una ciocca di capelli dalla suora) IMELDA Atenta, cara dal Signor! Te sa impegnà i cavei nela porta! Tuti quei che pasa de qua, no so parchè, ma ghe se impegna sempre i cavei nela porta! AMALIA E te podei anca picarte! S. ROSA (spaventata) Aaah…misericordia! IMELDA Ben fato, Amalia! …'ndemo a finir l'opera! GUSTO (arriva Gusto - gentile) Imelda, par via del salado, o visto che la verto botega… IMELDA Eeee… e adeso o serà! No go mia tempo adeso, go da far un fogazìn par me fiol! (Imelda e Amalia rientrano in casa) SCENA 8 L'OSTARIA DEL GATO MORÈL GUSTO (cattivo) La me fa vegner el balìn, el bao, el sistema nervoso! IDA (esce Ida, tutta spaventata) Sta 'tento, che no te vai a criar co la stria! L’è permalosa: se la te ciapa mal, la podaria tacarte le desgrazie pissè brute de 'sto mondo! (piange con la scopa) GUSTO Pissè desgrazia de ela no savaria! Me ven oja de far un spolvaròn! No so mia fin quanto duro! Ah, ma Lino el pol sognarsela me fiola! Figuremose se lasso me fiola Norina 'ndar insieme al fiol de 'na stria! Mai! Pitosto l'è mejo che la vaga monega! Ah, sì! IDA L’è tuto scarognà chel fiol lì! GUSTO Scarognà? No, lè lu che ‘l taca la rogna e la scarogna! Lu, so mare e chel bagai de so sorela, strioza anca quela! Guai a Lino s'el se arzega a guardar nostra fiola… el podaria farghe calcossa che no va mia ben, capisito Ida?… IDA (terrorizzata) No sta gnian dirla ‘na roba compagna! GUSTO Ti no te sè mia che missioti che la fa la stria! Ma mi orìa ‘na calche olta 'ndar là a vedar! IDA Mato! La va a finir che la te strioza! GUSTO E ogni tanto, cissà parchè, sparisse el me gato moro! Anca stamatina lo zercava… El sta via dele giornade intiere, dele ‘stimane …e ogni olta che lo rivedo l'è sempre pissè derenà… (entra Chisciota e si mette a riposare) IDA El sarà ‘ndà in giro a smorosar! Te l’avea dito de no torte un mas-cio! GUSTO El Gigi Bacàn che el se n’intende de bestie, el la guardà desora e de soto e 'l ma dito che ormai el gato el ga finìo tute e sete vite chel gavea e ormai l'è in riserva! IDA (tragica, si fa su i capelli e tocca la pancia di Gusto) Mama cara Gusto, ne tocarà mia portar el gato a la revision? GUSTO Ma lo seto mia che ‘sta qua i le ciama l'ostaria del gato morèl? Ven fin i foresti (no par bea el me vin), ma par vedar el gato! Guardelo nel muso, l’è tuto viola! IDA Ghe daremo ‘na man de nero! GUSTO Ma seto mia che de la de la ia, col nostro gato, la vecia la fa dei minestroni, dei fogazini che spuza; e dopo 'ste robe la iè porta in giro a farghe tastar ala gente par farghe la fatura! IDA Beh, almanco l'è onesta e la ghe fa la fatura! Staghe distante da chela lì, staghe distante !! (Ida entra in osteria) GUSTO Distante o no, Lino nol gavarà mai me fiola! Qua lo digo e qua lo pianto! SCENA 9 CUPIDO LINO (Chisciota, già in scena, sonnecchia e con un occhio vigila; Lino, uscendo dal retro della macelleria è, al contrario, tutto agitato, simile ad un’anima in pena) Aaaaaah, senti come 'sto mal! Va ben tuto, ma staolta la ma fato vegner de tuto: la volea darme come morosa ‘na suora e convinta anca che la fuse la dona giusta par mi! La me ne fa una al giorno! E la continua a tediarme: e Lino qua e gnngnngnn e gnngnngnn, e Lino là e gnngnngnn e gnngnngnn! Parchè ghe no za de pensieri grosi! E in più, se ghe mete anca me mare! … Creparò prima o dopo, ma spero in pressia parchè no ghe la fao più… a me ndà el cor nel polmon… el fegato nel stomego, la vesiga nel’intestino magro... (respira affannosamente) Fao fadiga a respirar, come el mosto nela bota d'agosto… CHISCIOTA (senza scomporsi) Te savessi mi quante olte che o patìo la fame cossita… LINO Me par de averghe 'na fassina de legna che me brusa drito in panza, l'è come avese magnà… un fogazìn de me mama! CHISCIOTA Averghe sé l’è bruta, …ma la fame l’è pezo! LINO Norina, parchè me feto morir? CHISCIOTA (alzandosi e avvicinandosi) Aaaaaaah, ma l'è par colpa de ‘na dona! Ah, alora no credo proprio che te mori… Al masimo te vegnarà dei grosi mal de testa e tanti narvosi! LINO Ma parchè me vegnù sta roba, com'ela con tuti i omeni de sta tera che sto magon el me vegnù proprio a mi? CHISCIOTA Quel che te ghè a tacòn l’è ‘na malatia che ga tanti… ti te ghè el morbìn e mi so ci stà a tacartelo… LINO (s'accorge di Chisciota) Ah, sì? E ci elo, ci ghe dirli, che lo fao nero come un tarabèl? CHISCIOTA Ma sito mato? Tasi! L'è uno che i ciamaaa… no me ven più el nome… l’è un nome che no se usita tanto.. Ah sì, l’è uno che i ciama Cu-pì-do! LINO (arrabbiato) Cùpido? CHISCIOTA Cu-pì-do! LINO Ma che nome da maitòn elo, che no lo mai sentio? Elo uno che va al' ostaria? De sicuro l’è un ciavador! Secondo mi l’è sta el Gusto o 'l Quaia a mandarmelo qua! CHISCIOTA Machè! (“losco”) Cupìdo el sta là par aria, come un angioleto… LINO Un angioleto? Machè, un diaolo, con du corni grosi cossita! CHISCIOTA L’è un angioleto, con do alete, chel va in giro par ‘sto mondo tuto nudo! LINO Sporcacion che no l'è altro! No se vergognelo mia?! CHISCIOTA El se porta a spale un arco e dele frece… LINO Delinquente!… CHISCIOTA E… pim! Nel'ocio a uno.. e pum! Nel cul a chel'altro… e pam! LINO Tri leori e un fagian.. CHISCIOTA El continua a tormentarte, el continua continua fin che no ‘l te sbusa in chel posto 'ndo che ‘l te verze el cor e nasse l'Amor… LINO Medigo che mi… a son tuto insfroncionà! Sto mal assè! Go mal dapartuto! Moro! Norinaaaa! (Chisciota soffia il naso a Lino) SCENA 10 LA QUAIA PELOSA QUAIA (colpo di fucile, salto alla Rambo) Sa ghe chi, le mascare? Ah, ah, ah! Chisciota, ciama Gusto e dighe chel porta fora da bea che go na sè! E dighe chel me porta quel bon, no quel tristo chel ghe porta sempre a Lino, ah, ah, ah! CHISCIOTA Va ben, subito! (Chiscota va in osteria) LINO Ghe mancava solo sto qua par farla compìa… QUAIA Lino alora teto catà la dona? Se mi fuse ti no starìa lì gnianca zinque minuti! La dona scolteme mi bisogna catarsela zoena e arlevarsela! Alora te si sicuro che lè quela giusta, parchè la dona la gà da piasar da tasar e da star in casa; se no te l'arlevi al giorno de ancò le va le core le sbrindola le te maia fora el drito e anca la fodra! E arda che ‘l te le dise uno che le robe el gliè sa e se 'l te le dise el Quaia ghe da fidarse… eto capio pistoLino? Oh, ma te ghe le lagreme… serito in via pelar zeole? Eh,eh, eh! GUSTO (Gusto porta da bere) Eh Quaia! L’è un toco! QUAIA Eh! Dopo vegno de la de la ia che go da darte un poca de selvagina! E dighe a to moer che son rivà… ah, e la Norina ‘ndo ela? GUSTO L'è 'ndà a funzione! Speta, vao a vedar se l'è rivà… (entra in osteria) QUAIA Beh, alora beìo un goto o stasìo lì a guardarve come du chei? CHISCIOTA Ci paga? QUAIA Lino! Con tuti i polastri chel vende! I sa un pochetin da plastica, però el fa i schei… LINO Ma mi dei schei… QUAIA No te ne frega gnente, era? Brao furbo eh,eh, eh! E alora paga e tasi, fame un piaser! Son 'nda a cazzar ancò e no par dir ma ancò son desfà. Par mia ma corarghe drio al fagian par 'na roba da gniente; e inveze (Lino e Chisciota imitano i movimenti di Quaia) scondete ocelo tendeghe prepara el sciopo mola el can mireghe al fagian spara…. LINO Pum! CHISCIOTA E copa el can! QUAIA Ma che can e can! Fin che ghe sparo al fagian no' che pasa davanti tre pasarine e copa anca quele e co 'na cartucia sola! Ma no l'è mia finìa chi: fin che ‘l fagian el casca par tera, no che col beco el gà insfilzarà un lèoro che pasava par caso da de lì. Cori par ciapar el fagian le tre pasarine e el lèoro no che pestando nel foso coi stivai no che me cato un luzo da quindese chili impegnà drento i stivai… LINO Vaccastivai…e tuta sta roba ndo l'eto mesa, che mi no la vedo? Femo subito ‘na zena! CHISCIOTA A ghe da magnar par un regimento a sentir quel che te ciapà… QUAIA (si fa serio) Eh sì sì sarìa sta proprio 'na bela zena e inveze… CHISCIOTA E LINO E inveze? QUAIA E inveze…. Me giro e me cato inanzi i du oceti de la me pora Lola che la me guarda a par che la me diga: (in ginocchio) no te vergognito mia Quaia ingordo mi che te son fedele da ‘na vita sedota e abandonata in stati con tute 'ste creature che me porto in grembo lo so che te voressi far 'na zena con Gusto, Lino e Chisciota ma 'na mama l'è sempre ‘na mama…. Pensa a tute 'ste pore creature! E lì par lì me sa verto el cor e go dato go dato go dato… tuto: fagian pasarine lèoro e luzo… CHISCIOTA (deluso) Ah, can da l’osstaria! LINO Par esar ‘na cagna la magna come un par de vache! QUAIA Ah la me Lola l'è un periodo che lè oiosa oiosa no orìa mia che fusse par la panza, l'avaria za molà l'è parchè ghe son afezionà, te 'ndaresi mejo co ‘n can, l'è vera, che co’ na cagna ogni du mesi l'è in “aspetativa”! GUSTO (sulla porta) O sentìo contar in ostaria che nel bosco te ghe tendi a un usel belo groso… QUAIA Usel? Ma che usel e usel! L'è ‘na bestia tuta particolare co' le so abitudini! La se sconde l'è gniente in tuto ma la siola come un uselòn, la par un uselon ma l'è tuta pene… era Chisciota, ti che te l'è vista? CHISCIOTA (imitando e correndo per la scena) Sì, sì, mi l'o vista. La core come ‘na sita, la siola da gran che la core, le grosa l'è picola, l'è longa l'è curta, la salta la raspa, la rampega la sgola la oga, la rugola, la mastega la ciucia, la sgagna la sgrafa… GUSTO …(impressionato, di seguito) Ma che raza de bestia ela? QUAIA (stringendosi tutti attorno al Quaia) Eh,eh, eh! L'è la famosa… QUAIA PELOSA… TUTTI Oooooh! QUAIA (confidando, velocemente) 'Na olta a l'ano la se cubia co' la ziveta, l'è proprio alora, quando che l'è in calor che la se imbambisse che se pol ciaparla senza fadiga! Eh,eh, eh! CHISCIOTA Pecà che l'ultima ziveta te l'è secà proprio ti… LINO A voi vedar ben come te fè a ciaparla adeso la quaia pelosa… QUAIA Tasi becar che no te sì altro, che mi no go gniente da imparar da ti, a no te se gnianca ‘ndo che le gà la coa le done, eh, eh, eh!… e po, con chele do zivete che te ghe in casa l’è proprio fadiga farse n’idea de ‘na dona, eh, eh, eh! LINO Se stao qua ancora un toco me rosego tuto el fegato… (si allontana) QUAIA ‘Ndo pensito de ‘ndar? LINO In botega a laorar! QUAIA Ma come, prima te ordeni da bea a tuti e te disi che te ol pagar e dopo inveze te ve via? LINO (Lino se ne va lasciando i soldi del conto per non sfigurare davanti Norina) Toh! Pitoco! QUAIA E no sta far el pissìn daghe ‘na mancia al’osto! Eh, eh,e h, cori va a tendarghe a le zivete che no le scapa dal gnial! (Gusto e Quaia ridono insieme) Me par fin imposibile che la quaia pelosa la se cubia solo co 'na ziveta! L'è mejo che faga pascolar nela zona la me Lola che quela la ciapa de tuto che no l'è mia tanto sputina. Granfati che co' un colpo de fortuna no la ciapa! Se la ciapo, pago la zena a tuti! CHISCIOTA Sì, però la cagna petela a casa st'altra olta che no ghe vegna n'altra oja! GUSTO Ah, ah, ah, te speto de la de la ia Quaia! (Gusto entra in osteria) QUAIA Rivo, rivo.. (a Chisciota) Ti tanto par scomiziar no te invito mia! CHISCIOTA E alora vao via anca mi! (esce di scena) SCENA 11 NORINAQUAIA NORINA (sbucando dalla porta dell’osteria) Ecome qua! Me zercavito? QUAIA (sorpreso) Se te zercava? L'è tuto el giòrno (e specie la note) che te zerco… ‘ndo t’aveito ficà? NORINA Son 'nda 'n' oreta in ciesa… se te me zercavi dal bon te podei vegner qua: son stà a casa tuto el giorno! QUAIA To pare nol ma dito gniente… (Lino uscendo arrabbiato dalla macelleria si accorge della scena e si mette ad origliare di nascosto) NORINA No 'sta contarme ‘n’altra bala! So ben cossa te zercavi! Gnianca se me vestese da quaia pelosa te me zercaressi! QUAIA Cossa gheto? Ma te ndà de oco el zervel? O dona, pian con le parole che la lengua te la scurto mi! NORINA (allontanandosi da Quaia) Me par de esar come chele teste da leon che se taca al muro: 'na olta tacà ia no ghe pensa più nissuni; 'na olta ogni tanto, 'na ociada, 'na lustradina… (correndo da Quaia) ma arda che podaria anca stufarme! E no sta credar che mi sia sempre qua in via spetarte! QUAIA Oh, no sta alzar la gresta con mi! Te lo sé che to pare el ga piaser che stemo insieme, no te vorè farlo star mal? Speta qua che ‘deso vao mi a parlarghe con to pare… ah, e fa che quando vegno de olta (toccandola) la te sia za pasà, eto capio? (entra in osteria) (Norina piange) SCENA 12 LINRINA LINO (a Quaia, già andato, con cattiveria) Sputrefato! NORINA Lino! (avvicinandosi) LINO Norina! (avvicinandosi) NORINA Lino! LINO Norina! NORINA Lina! LINO Norino! INSIEME Ma che casino! (s’allontanano) LINO (scena romantica e demenziale) Sa feto qua, Norina? NORINA Son qua che fao… Norina! LINO E dopo Norina sa feto? NORINA Dopo fao ‘na… no te lo digo mia! LINO No vedea l'ora de vedarte, Norina! (quasi piangendo) Da quando che te vè col Quaia no me sento più el cor che bate… NORINA Ma cossa dito? Te gavarè problemi de udito… No stà far discorsi par gniente… Va a farte vedar! (Lino sfila davanti al palco per “farsi vedere”) Ma, cossa feto, sito mato? LINO Me fao vedar! Ma tanto l’è tempo butà via, ti no te me vedi, l'è come se mi no non ghe fusse! Vedito, te sì orba anca ti come mi! Ma cossa galo el Quaia pissè de mi? Un brazo, 'na gamba o n'altra parte del corpo? NORINA El Quaia l'o guardà ben dapartuto: te asicuro che nol ga gniente pissè de ti! LINO Ma come feto a saverlo che no te me mai dato n'ocià da vizìn? Guardeme ben, tocheme tuto! NORINA (guardando) Sì, guardando ben, lù el ghe nà manco… de panza! LINO (“classico”) No ghe credo mia, l’è imposibile…Giura, giura sula luna che l'è tonda e perfeta… NORINA No, no giuro mia sula luna, parchè la luna la cambia! Semai, giuro so to mare che l'è sempre istessa! LINO Ah, Norina, lassa star me mare! (romantico) Te sì tanto bela/bela/bela (nastro che s’inceppa) che i me oci/oci no iè bo-bo-bo-ni de guardarte come che i vorìa… te sì come ‘na stela che slusìna nela note calda d’istà, che me sconfonde la testa e me incanta... (s’”incanta”) E mi, oco marìn, sentà in orìn de cao la scavezagna, te miro e te rimiro, sbriscio zo nel foso, e domenti me nego... NORINA (confusa) Oh beh, no son bela gnianca de la metà de ’na olta... A gavea ‘na pel tanto dura e lissia, come un secio lustrà, che nissuni i le sgrafava... magari fusse cossita anca adeso! LINO Saria tanto fortunà, Norina, se te me volessi un poco de ben… NORINA Aaaah, ma ci ghe che te vol del mal? Mi no ghe voi del mal a nissuni e a ti, Lino, manco che a chialtri… (L'è me pare che nol te vol ben… ) LINO (deciso) Ma ti Norina, me voto ben, sì o no? NORINA Basta Lino, no voi sentir più gniente… ti no te si fato par mi, e mi no son fata par tri.. LINO Eco, vedito come che te sì! (tra sé, sottovoce al pubblico, piangendo; Norina ascolta) Se gavesse ‘na polastra, ‘na vaca, la mezena de na roja savaria cossa farghe, savaria 'ndo metar le mane par cavarghe fora quel che me intendo mi… NORINA Lino? LINO Eh? NORINA E se mi fuse… la to dolce mezena? LINO (in ginocchio) Ooh Norina! Go visto anare mute, piti nostrani, galine padoane, ochi de tute le raze e odori, ma no me son mai inamorà tanto de ‘na mezena come ti! NORINA (si abbracciano) Lino, te sarè anca orbo, sordo, e minorato, ma te sì quel che se pol dirte! LINO Oh, voria tanto ‘na grazia dal Signor… NORINA Cossa? LINO Dilo prima ti… NORINA (girandosi di spalle) No, prima ti… LINO Prima ti… NORINA No, prima ti! LINO Voria tanto esar ‘na zesta e ti che te ghe dè da maiar ale galine, co-cò, co-cò, co-cò, e te me tien struco par el manego… ...e ti cossa voresito? NORINA (saltandogli in braccio) Orìa tanto che tuto quel che struco adeso el deventese polenta, dal dito al fato… GUSTO (esce Gusto arrabbiatissimo) Ma alora, cossela ‘sta roba? Norina, va in cusina che mi el Quaia ghemo da farte un discorso! NORINA Oh! Scusa papà! (se ne va) GUSTO E ti, via da qua! Guai a ti se te vedo ancora a tacòn de me fiola! LINO …Norina, te voi ben assè… GUSTO No, ti te ghe vol ben solo a la so scarsela… No voi più vedarte qua davanti! Sta in botega a tendarghe a to mare, eto capio? (Lino si trascina in macelleria spaventato e deluso; Gusto rientra in osteria) SCENA 13 PIPIZON RAVAZON IMELDA (uscendo con il “fogazìn”) Ecolo qua! Belo pronto da magnar! Senti che odorino! Ah, ah, ah, quando che l'avarà mandà zò 'sto fogazìn la Norina no la podarà più resistar a Lino! Ghe vegnarà ‘na oja, ‘na oja, ‘na oja, che no podarà tegnerla gnianca chel sgrendeno de so pare… AMALIA La ghe sta ben! NORINA (esce dall'osteria) Lino? IMELDA Te parli del diaolo e spunta i corni! Ciao, Norina, che bela che te sì stamatina! Beh, te sì un pochetìn patìa… ma, te darlo da magnar chel maitòn de to pare? Guarda cossa to fato… un bel fogazìn tuto par ti! Magnelo, che te te tiri su la petorina! Senti che bon! NORINA Ma Lino, 'ndoelo? AMALIA Magna prima el fogazìn e dopo te lo femo vedar! IMELDA Dai, no sta far complimenti! Magna e manda zo fin che l'è caldo, l'è pena fato! (dà el fogazìn a Norina) AMALIA Sì, dai, magnelo, magnelo… verzi la boca e ingossete che dopo to pare el te desgossa col vin, eh, eh, eh! NORINA Ma che odor galo? El sa tanto daaa… IMELDA Eeeh, me sarà scapà un pochetìn massa de limon… ma, al masimo, el strenze! Maia chel te fa bon! (Norina fa per mangiarlo, quando…) NORINA Ec-ciù! La me tegna el fogazìn che me supio el naso! (passa “el fogazìn” a Imelda) IMELDA Ec-ciù! Tenme el fogazìn, ‘Malia, che me sugo le nasele! (passa “el fogazìn” ad Amalia) (entra Chisciota) AMALIA Ec-ciù! Tò qua, che me smocolo! (consegna involontariamente “el fogazìn” a Chisciota) CHISCIOTA Etc-… (con la mano trattiene lo starnuto e cerca di svignarsela col “fogazìn”) IMELDA El fogazìn? Ndoelo el fogazìn? AMALIA Te ghe l'è dato a ela! IMELDA Sì, ma dopo te lo dato a ti! AMALIA E, ma dopo te lo dato deolta… IMELDA Eh, no a mi no… ma no ghe sarà mia i spiriti? (Chisciota starnutisce e viene scoperto) E, ti, fermo! Ven qua, ven qua col me fogazìn! Ven qua, ladro! CHISCIOTA Mi, ladro? AMALIA Fetenteee! IMELDA Aseno! NORINA Delinquente! IMELDA Ciapèmolo! (inizia una musica veloce; tutti inseguono Chisciota che entra ed esce dalle case, dal retro, dai laterali della scena, sempre col fogazìn in mano; da ultimo, Gusto si presenta all'uscio dell'osteria, arrabbiatissimo e dietro Quaia; Lino riesce a strappare el fogazìn a Chisciota, quando…) GUSTO (fuori dalle orbite) BASTAAA! (Termina bruscamente la musica) Cossa ghè qua? Coss'elo sto bordel da roja nela molonara? Se pol saver cossa si in vià far? Ve saltà el mato a tuti… qua davanti al'ostaria no voi casìn, avio capio? E cosselo sto fogazìn, di cielo? (lo strappa dalle mani di Lino) T’avea dito de sparir, cossa feto ancora qua? Mmmh, che narvoso, me lo maio e guai a ci parla! (Imelda si mette le mani nei capelli , Amalia va a nascondersi, gli altri guardano la scena attoniti, aspettando il peggio) (tuona un temporale) (con la bocca piena) E po', vorìa saver, com'ela che sì tuti qua in via guardarme… no gavio gniente de mejo da far? Ma sto fogazìn da ‘ndo venlo? Toh, un caveo! Coss’ela, ‘na zurla...., na bega zucara? (comincia a star male) Ah, caziga, me sa informigolà la lengua,.. la masela,… el palà! Me par de aver beuo 'na damigiana de clinto! (cambia faccia) Mama che fredo, mama che caldo! (ride e inizia a grattarsi) NORINA (s'avvicina e gli prende il fogazìn) Sagheto papà da rida? GUSTO (chiude gli occhi, dopo un po'…) ‘Na galina soto tera! Ah, che spira! (ride più forte, si gratta insistentemente) NORINA Aahn? GUSTO Pipizon ravazon! Le campane de Bogolon! Me cusìn da Cadiopi! Se no iè quatro iè du ochi! Ah, che spira, ah che spira! NORINA Sa ghe vegnù? Cossa galo, stalo mal? Ghe scombate? GUSTO Che spira, che spira! NORINA Lino, cossa gheto fato a me poro upà? ‘Sa gheto meso nel fogazìn? LINO Cossa? Mi…? No go meso gniente! NORINA Voleito coparlo? Arda come chel sta mal! Te volei farlo fora parchè nol podea sofrirte! Bisogna ciamar un dotor! Papà!… (si mette a piangere) GUSTO Ahi che spira, ahi! IDA Portemolo in casa, che lo lavemo, che no sia i pioci! NORINA (dà il “fogazìn” avanzato a Lino) Dopo un tiro compagno, no sta più farte veda, eto capio? Lino, no voi più vedarte, ti e to mare! Va via! Papà, papà parla, dime calcossa… GUSTO Pipizòn Ravazòn, le campane de Bogolon, me cusìn da Cadiopi, se no iè quatro iè du ochi… (vanno in osteria) SCENA 14 VILLIACCO! IMELDA (a Chisciota, minacciosa) Coss'eto fato, ahn, ci stà dirte de ciavarme el fogazìn? Ladro! CHISCIOTA Par fortuna che no lo magnà… IMELDA No, adeso te lo fao magnar tuto! CHISCIOTA Nooo, pitosto la morte!… AMALIA Lo seto cossa ghe femo noialtre ai ladri come ti? CHISCIOTA (intimorito) Ladro? Ma-ma-ma mi-mi-mi no-no son mia un ladro! Ghe cambio solo de posto a la roba… IMELDA Ladro de fogazini! CHISCIOTA Sì, però mi robo ai siori par darghe ai pitochi, e mi son tanto pitoco... IMELDA Pito o oco, questa te me la paghi cara… ‘Malia va tor el libro che lo femo deventar un rosco! (Amalia fa per prendere il libro quando Lino interrompe) LINO Petela lì mama, la colpa l'è tuta tua! (Chisciota se la svigna) Te lo dito zentomila olte de farla finìa co' 'sti fogazini!… no te sì mia bona de farli! Te me fe vegner fin le ferse! IMELDA Ma Lino, mi lo fato par ti… LINO Ah, bela roba, te volei anca farme sta mal! Te lo sè che no i magno più i to fogazini… l'ultima olta che ghe no magnà uno me vegnù fora le vene varicose! Sera tuta ‘na benda! IMELDA Ma Lino, mi volea giutarte, … el fogazìn l'era un fogazìn strià… la Norina la dovea maiarlo, molar el Quaia e inamorarse de ti… LINO Te me giutà assè… arda, adeso: la Norina no la vol gnianca più guardarme in facia e in più te ghe tacà la gratarola a so pare, figurete se adeso 'l me lassa 'ndar con so fiola! E par farla compìa, se no te lo se ancora, tuti in piaza ormai i se conta che voialtre si do strie e mi, par forza, un striozo! No vegnarà più nissuni a crompar el cicio, no gavarò mai la me Norina! Ah, che derelito! Te sì la me rovina, la me desgrazia, la me scarogna… vao via, stame distante no voi più vedarte! (Lino si allontana disperato verso il bosco) IMELDA (disperata, verso Lino già andato) Lino! Ven qua, Lino, ven deolta da la mama…ven deolta, Lino! Ven qua dala mama! Lino no! (arrabbiata) Villiacco! AMALIA Desonor! IMELDA Snaturato! AMALIA No l’è mia giusto, mi sempre a casa co’ sta vecia, muso muso muso!!! IMELDA (girandosi, arrabbiata) ‘Malia!!!… AMALIA (intimorita) Eh?... IMELDA ...Che me sia sbriscià un poco massa de zucaro?… AMALIA (allargando le braccia) …Booooh! Eh,eh, eh, eh! (Buio, inizia la musica d'intervallo) FINE PRIMO ATTO ATTO II EL BOSCO DELE FATE SCENA 1 LE VACHE CO’ LE TETE IN PINGOLON (Le piante sono animate da attori travestiti) (Imelda e Amalia cercano Lino aggirandosi tra le piante) IMELDA Liinooo?! AMALIA Lì, no! (per cinque volte di seguito) IMELDA Linooo! AMALIA Qua, sì! IMELDA ‘Ndoe? Fa veda, coss’eto catà? AMALIA El grumbial de Lino! IMELDA L’è vera, l’è el grumbial de Lino! A l’è tuto stramacià de sangue! Che me vegna un colpo, nol savarà mia desbuelà? AMALIA L’è mato, l’è mato chel là! Bisogna catarlo in pressia chel villiacco, l’è chi darente, me lo sento nel’orina! IMELDA Fermete ‘Malia, el ne scapa ia n’altra olta se ‘l ne vede! AMALIA Parchè, semo poco bele da vedar? IMELDA Ma no, no te mia capìo gniente, dura! Te lo sé che se ’l se inrabia el sta immusonà par un toco: l’è permaloso marzo come so poro pare! AMALIA Eh, ma come femo a ciaparlo senza farse veda? IMELDA Sonti o no sonti ‘na stria?… AMALIA Sito o no sito ‘na stria? IMELDA Sì, e adeso te lo fao veda mi! Me ricordo che me pora mama quando sera picoleta la me cantava ‘na filastroca: Zìn zìn zìn, la me butina sul borocìn, tira, tira cavalìn, tira e cori dala mama, te trasforma nel’Anguana! AMALIA (si è addormentata) Zzzzzh, zzzzzh, zzzzzzh…. IMELDA ‘Malia! O pensà, che podaria trasformarte nel’Anguana cossita Lino nol te tol mia olta e te lo intorteli ben par le feste! Sonti o no sonti poco furba, ahn? AMALIA Bestia, che poco furba che te sì mama! Eh, eh, eh! (ridono insieme) IMELDA Toh, adeso, cuaciete ben co’ sta cuerta e stà ferma s-cinca come un bacalà! Sito pronta ‘Malia? (Imelda impone le mani sopra il capo di Amalia, respirando profondamente) (Il tempo cambia e si fa cupo)(Lampi e tuoni) (Respirando profondamente, in crescendo) Par le mile mioline de molon, par le vache co’ le tete in pingolon, par mi ti e Toni, mosche moschini e mosconi, la te le dise to mama: deventa l'Anguana! (Silenzio. Amalia resta Amalia) (Imelda si avvicina per gradi ad Amalia) IMELDA ‘Malia? Tuto ben? Ghe sito ancora? AMALIA (Amalia spaventa Imelda) Buuuh! IMELDA Aah! Mata! Voto farme morir de crepacor? AMALIA (ad occhi chiusi. Amalia non si è trasformata) Eh, eh, eh! Alora? Alora, mama, sonti cambià? Che facia gonti? IMELDA (guarda ‘Malia da vicino cercando in lei qualcosa di diverso) Speta, lassa che te guarda ben… me par infin imposibile… AMALIA Imposibile cossa? Ma che stria sito? IMELDA Tasi desgrazia! Sera qua in via guardarte nele rece che te ghe iè sempre immostaciè! (imbarazzata, finge che tutto sia andato bene) Beh, no volea mia dirtelo, ma te fato un cambiamento, ma un cambiamento… fate veda, no te pari più ti! Ma sito dalbon la ‘Malia? AMALIA Che discorsi, sì che son mi, oca! Ci oto che sia! Ma sonti bela o bruta? AMALIA Beh, …te sì mejo de quando che te seri pezo de come che te seri ‘na olta! AMALIA Ma dai! Alora l’è vera che son deventà l’Anguana? IMELDA Eh sì! Sonti o sonti ‘na stria? AMALIA Eh, eh, eh! (si tocca la faccia) Che figo, che ciossada, che ganzo! No vedo l’ora de ‘ndar a speiarme! Seto quanti bei mosconi che arbino su stasera? Eh, eh, eh! (andando via) Bon, vao a catar chel derelito de me fradel! Ti intanto sta qua e scondete de drio le piope che te sì bruta come la morte! Eh, eh, eh! SCENA 2 CI SITO? IMELDA Fermete, ‘Malia!… Fermete! AMALIA Son qua cucià, ‘ndo oto che vaga, go da far le me robe… te lo dito che me la sentea! (si accovaccia nascosta tra le piante) IMELDA Va ben , ma fa presto! Posibile che no ghe ne imbroca una! E sì che de solito el me vegnea fora al primo colpo! Medigo che son in vià deventar vecia! Cos’onti dito staolta che no va mia ben? (ripassando a memoria) Par le mile mioline de molon, par le vache co’ le tete in pingolon,… ah, eco! Par le vache co’ le recie in pingolon! Co’ le recie in pingolon! Ostrega! E no le tete in pingolon! (si sente uno scoppio – Amalia si trasforma) ‘Malia? ANGUANA Saghè?… IMELDA (terrorizzata) Ah, ci sito? ANGUANA Ma son mi mama, ci oto che sia, son la ‘Malia! Eh, eh, eh! IMELDA Come la ‘Malia? ANGUANA Ma sì, no te ricordito che te me trasformà nel’anguana? IMELDA Nel’Anguana?… Ma che sia sta mi? Mama cara, voto vedar caziga che o fato ‘na formula a scopio ritardato? ANGUANA Ufa mama, che dura che te si! Volea saver cossa gonti da dirghe a Lino quando che lo cato? IMELDA A Lino? ANGUANA Sì, a Lino, me fradel te lo ricordito quelo? Cossa ghe digo? IMELDA (ha paura) Digheeee… che ghe voi ben! ANGUANA Che ghe voi ben? Ma sito ‘ndà de oco? Mama! Va ben, o capio, te me stufà! Ti sta qua che me rangio anca staolta! Ma quando vegno deolta te cambio mi la facia… e anca el zervel! (se ne va) IMELDA L’anguana? Ma sonti sta mi dalbon? Saria la prima olta! (andando via) Medigo che son proprio braa! Son proprio ‘na stria! Sì, son proprio ‘na stria! Eh,eh,eh! SCENA 3 ME MAIO TUTO! LINO (Lino vaga disperato nel bosco) Aaah,… Ah, Norina, parchè no me voto? Parchè me feto questo, solo par ‘na fogaza ranza? Me sento come n’arzara ruzena butà in mezo l’ortigara! Aaah, …son come… come un “misero scarto” dela “società umana”, come… un rifiuto... umido... seco... o “riciclabile”? No so gnianca mi in che secio butarme: l'è mejo che speta che i verza la naveta, che là ghe va i rifiuti ingombranti… come mi! Che vita marza! Che marza vita! Aah, gavese un cortel adeso: me coparìa senza pensarghe in zima gnianca un minuto! Gnianca el mondo intiero me tegnaria! (rivolto al pubblico) No stasì tegnerme, ahn? No stasì tegnerme! Beh, visto che no go el cortel… me mazo co’ i pugni! (si tira alcuni pugni) Toh! Toh, castron, imbezile, cancaro, toh, toh! … Ahi! (cade per terra) No, l’è mejo che me pica...… me strucarò le canaole fin tanto che me vegnarà fora le balote dei oci e ghe farò paura a tuti… Su la lapide ghe sarà scrito: Lino striozo, becaro tuto becà dai bai, tanto beco... Aah, bruta cagna, gnianca ‘na parola, ‘na careza, un soriso, un fior sula tomba… Gniente! (Piange) Basta! Adeso la fao finia, me maio, me maio tuto! Aah Norina, Norina, guarda me maio tuto! Da che parte scominzio a maiarme? (guardandosi i piedi) Mama, che spuza, l’è tri giorni che no iè lavo! A parte che no gò ‘sta gran fame... No, no poso mia magnarme tuto! Però un spuntin podaria anca farlo... Beh, o deciso, me magnarò fin tanto che creparò… SCENA 4 LA FATA DELA CANA (si sente un verso e compare l’Anguana in atteggiamento ambiguo) ANGUANA Lino? Pisellino? Brocchetta selvatica? LINO (intimorito, guardandosi intorno) E' vacapupu-pupuuu…lzìn! C-c-ci ghe'? (s’accorge dell’Anguana) E t-ti, ci s-sito? ANGUANA Son mi Linohh! Son l'Anguana! LINO L-l-la che? ANGUANA L'Anguana! (Ruggisce) La Fata… dela Tana! LINO Ahhhn! Eeeh…sa oto da mi, Anguana Fata tuta Tana? ANGUANA Fata dela Tana, dela Tana! LINO Si! Si! Dela tana, tuta tana…quante viole…ma sa oto da mi? ANGUANA Linohh… LINO Come feto a ssaaver el me nome? ANGUANA L’è da un toco che te vegno a drio nel bosco, Lino!! O sentìo tuto, lo so che te ste' mal! So tuto de ti, Lino… L’è come se mi fusse to sorela! LINO Me sorela? Ci tà manda'? Dimelo! Ela sta me mare? Sito de l'U - Esse - Ele? To vista mi che te ghe' l'oceto furbo! Ah, ma mi no son mia mato, eto capio? No son mia mato! Te me credi era? Era che te me credi che no so mia sta mi? Era? Ahh! No me crede nissuni! Stame distante, stame distante! Stame distante che magari…senza oler…te veleno el fogazìn! ANGUANA Tasi Lino! Tasi! Che te scombate l’esaurimento! So mi come farte star meo! Dai Linohhh! LINO Ehh, te sare' anca la Fata dela Tana, ma me par che te sì proprio oiosa marza! Te me pari 'na meza…'na meza puuu… ANGUANA 'Na meza pu- che? LINO 'Na meza puuu…liziota! ANGUANA Mache' puliziota! Son chi par verzarte i o-ci, Lino! Te si sta' ciava', frega', in…tortela'! No l'e' mia colpa tua quel che ghe' sucesso a Gusto! La colpa l'e' del Quaia, el cazador dal'ostrega! LINO Come? El Quaia? No! Magari fuse stà lu! Ti te me conti 'na bala! ANGUANA (Fumando una cana-vera) No Lino! Fidete! Credeme a mi vesciu che son (fuma) l'Anguana la Fata dela Cana! (Lino tossisce) Daiiii! El Quaia mi lo ocio tuti i giorni qua chel gira par i boschi e i boscheti… e ogni tanto me scondo e scolto quel che dise… Oto una? (Offre una “canavera” a Lino) LINO Ahhh! Anguana! Che creatura sublime! (Lino va in estasi; parlata veneziana) Ti privi di una cana-vera per ofrirla a un misero becaro in gondoia? Ahhh! Anguana ti sì che te me la conti giusta! (Lino continua a fumare) Ahh! Dai, nini, conta, dai! Ahh! ANGUANA Cioe', mi te lo ito vesciu l'e' sta el Quaia! Parche', eeh…, el Quaia el ga 'na tresca con la Ida, la moer de Gusto! LINO 'Na tresca? Ostregheta! ANGUANA Siii! Insoma i du pizonzini i se ama! E de scondon de Gusto…e ale' Rosina daghene! Corni, corneti, cornoni! Eto capio vesciu? Eco, e sicome che ie' stufi de scondarse…el Quaia la pensa' de farghe maiar a Gusto dela selvagina velena'! E cossita el Quaia la ciapa' la selvagina, el ga messo el velen de sora co l'intenzion de farlo fora! Coparlo! Mazarlo! Eto capio, vesciu? LINO Fioi de sete mila ro…vigote, vescia! E i me ga messo in mezo mi! 'Na pora creatura indifesa, vescia! ANGUANA Ma no sta pensar, Lino, che te vien el mal de testa, go za pensa' tuto mi! Bisogna che te cori da Gusto e te ghe disi tuto! LINO Ma Gusto prima ancora che verza boca el me desfa' de bote… ANGUANA Lino, vesciu! Tira fora le ongete! Cori da Gusto! Bisogna che te ghe lo disi! Te ghe da dirghe che no te si mia sta ti, ne' to mare e no to sorela chela pisse' bela, ma l'e' sta el Quaia! Dai, Lino, dilo, dilo con mi, dai! LINO (Assieme all'Anguana, lentamente) No so mia sta mi, ne' me mare, ne' me sorela chela pisse' bela… Gonti proprio da dirghelo che me sorela l'e' chela pisse' bela? ANGUANA Eh, sì! Par forza, l’è fondamentale! Eto capio? LINO Ah, senti come me sento ben, me sento quasi solevà… me vegnù coraio, me sento quasi gasà… ANGUANA E alora và, Lino, và, prima che finisa el gas! LINO Grazie, Anguana, grazie… (torna in paese) ANGUANA Vacacan!E sì che ghe no mese de sporcarie in chela cana-vera lì! Speremo che almanco l’abia capio tuto! SCENA 5 EL FOLETO QUAIA (Quaia tira una corda che esce dalla scena; all’estremità opposta è teoricamente legata Lola, la sua cagna) (l’Anguana aiuta Quaia a tirare) Dai Lola! No sta tirar! Ma quanto pesito? Massa, massa te magni, a furia de oje te si deventà grosa come un bò! Ma lo capìo, seto? Altro che in stati, ti te sì obesa, lardosa! Sì, ma te finìo de fregarme! (la corda si affloscia) E no sta far la permalosa adeso! Dai ven qua, ven qua, cossa gheto adeso? Nausea? Ma va, iè tute storie! Dai ven qua che ghemo da ciapar la quaia pelosa! Moete! (L’anguana fa un verso) Ben! De versi ghe no' sentii asse', ma come chesto! Che bestia sarala? Mah! (Vede l'Anguana) Ue'! Che bestia! ANGUANA Mi no son 'na bestia, son l'Anguana la Fata dela Tana! QUAIA Ma che Anguana e Anguana: ti te sì la quaia pelosa! To catà finalmente! (le punta il fucile) ANGUANA Ma cossa dito? QUAIA Confesa: ‘sto qua l’è uno dei to’ travestimenti… traditora! Ma al Quaia no te ghe la fè mia! Eh, eh, eh! (avvolgendo la fune) E…dime bela quaiona, veto sempre in giro da par ti ti sola nei boschi? ANGUANA No bel moro! Mi vao sempre in giro co i foleti! Seto ci è i foleti? QUAIA Vaca pelosa! No te sarè mia 'na rapresentante de “foleti”? ANGUANA Disemo che mi i “foleti” ie doparo… e basta! QUAIA Ahnn! E…se no ghe fuse el “foleto” te va ben anca el manego de 'na spazaora? (Salta addosso all'Anguana per legarla) ANGUANA Ah, fermo, sa feto? Aiutooo! Sta fermo! QUAIA Ma tasi, che to ciapà staolta… adeso te ligo e te porto in ostaria a farghe veda a tuti che to ciapà! Quaia pelosa! ANGUANA Mama, mama, mama! Giuteme! Par le mile mioline de molon! (l’anguana legata alla corda esce di scena) QUAIA Ma sta bona! Calmete! Che tanto no te pol mia scapar! (viene tirata di nuovo in scena da Quaia, ma alla corda stavolta è attaccata Amalia – l’incantesimo è finito) AMALIA Moleme, moleme, porco! Lasseme! (Quando Quaia vede Amalia e non più l’Anguana lascia la corda e Amalia cade per terra) QUAIA Sa feto ti qua? AMALIA Te me ligà ti a sta corda! QUAIA Mi avea ligà ‘na bela quaia pelosa e no ‘na bruta stria piociosa! ‘Ndoela scapà adeso? AMALIA Cossoto che sapia mi, vaca pelosa! QUAIA Vaca quaiona! No l’è mia posibile! Adeso vao a ciaparla! (esce di scena) AMALIA Che te vegna un azidente! Esar masa bele a olte l’è un ris-cio! E belo groso! Mama! Mama! IMELDA (entra Imelda) ‘Malia, ecome qua, mama cara, pensava de aver perso n’altro fiol! AMALIA Mama, mama, basta no voi più esar l’anguana, fame deventar ancora la ‘Malia par carità! IMELDA E ci pensito de esar, incocolìa, te sì ti, la ‘Malia! Se vede che la formula la finìo el so efeto! E Lino l’eto catà? AMALIA Sì, lo intortelà co’ na cana-vera, e la dito che el ven a casa! Ma l’era svanìo-svanìo che no so mia sel cata la strada par vegner de olta! IMELDA Mejo cossita! Intanto mi e ti ‘ndemo a far ‘na roba a casa! O catà nel bosco darente a un caneto del’erba pena taià che la fa giusto giusto al caso nostro… l’è un’erba con dei poteri medicamentosi! Con questa femo guarir Gusto! AMALIA Ma nol bearà mai ‘na roba fata da ti! IMELDA L’è vera, ma go in mente un tramacio! ‘Ndemo, ‘ndemo a casa che te spiego longo strada! (se ne vanno) FINE ATTO SECONDO ATTO III EL FINALE SCENA 1 LA IDA E NORINA DE GUSTO (Gusto viene portato fuori dall’osteria con coperta, “manina” per grattarsi e bacinella d’acqua per i piedi) IDA Brao, brao, Gusto! Fa pian… Eco, brao, adeso sta lì sentà, coi piè in moia, caro, che te se sora el zervel! NORINA Brao, papà sta lì e guarda la gente che pasa, seto?… GUSTO Sì, sì, sì, … che spira, che spira! NORINA (in disparte, con Ida) Mama, coss’alo dito el dotor? IDA El la visità… el me parea anca brao! El ga ordenà: onto de cadenazo, sudor de stradìn e ombria de campanil! NORINA Mama cara, quante medizine! IDA Altro che medizine, qua ghe orìa na benedizion de quele giuste! NORINA Cossa femo adeso? IDA Orìa domandarghe ala stria de farghe calche funzion… NORINA No, mama! Dopo tuto quel che la na fato, basta: a quei de là no ghe domandemo più gniente! GUSTO Norina, Norina! NORINA (preoccupata) Sì, papà, cossa ghe? GUSTO Pipizon, ravazon, le campane de Bogolon… IDA Tasi Gusto! Gheto la lengua grosa? Tasi e grata! NORINA Mi vao in ciesa a vedar se cato suor Rosa, che l’è infermiera … Steto qua ti col papà? IDA Sì, va, va , che ghe tendo mi! Ah, dato che te ghe sì porteme a casa un poca de ombria de campanil! Tò la sporta! (Norina va in chiesa; Gusto si addormenta) Proa a guardar come che l’è ridoto…E tuto par colpa de un fogazìn! (Ida va in osteria) SCENA 2 EL TRAMACIO (escono dalla macelleria rispettivamente Imelda, Amalia e Chisciota) IMELDA E tuto par colpa de un fogazìn! AMALIA Sì, par colpa de ‘na fogaza ranza! CHISCIOTA ‘Na naranza smarza? IMELDA Ma chè naranza ranza! Pensito sempre al magnar? Ti fa come temo dito e basta, eto capio Chisciota? AMALIA …Quando te dirò de magnar, ti magna, eto capio, morto de fame? CHISCIOTA Che musica par la me panza… no vedo l’ora! IMELDA Se te fe pulito te darò du bei polastri da magnar! Ma sta ‘tento… AMALIA …Se te fè el furbo te taio le canaole! Eto capio? CHISCIOTA Ah, sì, sì, le canaole! Eh, eh eh! IMELDA (guardando oltre la macelleria) Ah, eco, l’è in via rivar! Via, presto! Toca ti adeso, Chisciota! Và! (le streghe scappano in bottega; Chisciota si fa incontro a sorella Rosa) SCENA 3 CHE VIOLA! (arriva suor Rosa con gli oli santi) S. ROSA Mi scusi, è qui che abita Augusto deto Gusto? CHISCIOTA (parla sottovoce) Ah, Gusto poro can, el conosso… S. ROSA Non può parlar più forte? Non la sento! CHISCIOTA Sssssh! Che bruta malatia… El sta lì! (indica la macelleria) S. ROSA Ma come, mi hanno detto che abita dentro un’osteria… Questa non è un’osteria è una macelleria! CHISCIOTA Eh sì… però, la ga da saver, che al poro Gusto ghe parea pissè mejo star darente ai nostri frateli polastri e nostre sorele galine nel punto del trapaso..! S. ROSA Ah, ma che dolci pensieri! Un’uomo dedito al vizio dell’alcol, che in punto di morte si converte all’amore per le creature di nostro Signore… Sono quasi commossa… CHISCIOTA Eco, sì, braa, la se daga ‘na mosa, che el poro Gusto el podaria tirar un cioco da un minuto al’altro… (la invita ad entrare in macelleria) S. ROSA Vado, vado a compiere questa missione di carità… (si segna ed entra in macelleria) CHISCIOTA Sì, sì , la vaga, la vaga monega! (dentro la macelleria si odono dei tafferugli e una grossa “pacca”) Che viola, sorela Rosa! IMELDA (sbirciando dalla macelleria con in mano la cuffia della suora) Brao, Chisciota, continua cossita che va ben! Va da Gusto adeso! La monega l’emo cunzà noialtre! SCENA 4 TUTI NUDI (Gusto viene risvegliato da Chisciota) CHISCIOTA Gusto, alora, come vala? La podaria ‘ndar mejo, era?… ‘Sto mondo l'è tuto girà par el roerso! Par che tuti i gabia ciapà na tega sul muso e ghe sia schizà el zervel come quel de ‘na galina! GUSTO L’è vera Chisciota, che spira, iè tuti mati a ‘sto mondo… iè tuti mati! Ah, che spira! Che spira! CHISCIOTA Speta Gusto che te giuto… (Chisciota lo aiuta a grattarsi) NORINA (Norina ritorna dalla chiesa) Eco qua, son deolta! Ciao Chisciota! Tuto ben papà? È rivà la suora? GUSTO Che suora? Sto mal assè! A furia de gratarme a son tuto sliso… Par piaser, va a torme la pasta de fisàn! NORINA Coro subito papà! (Norina entra in osteria) CHISCIOTA Par fortuna che te ghe ‘na fiola co la zuca sule spale, e i piè par tera! GUSTO Eh sì, co’ le mane in pasta, e ‘l cul sentà! NORINA (ritornando dall’osteria) Eco papà, eco la pasta de fisàn! GUSTO Grazie fiola te sì un tesoro! Fame n’altro piaser visto che te sì in piè… Porteme fora el preo che go fredo! NORINA El preo? Ma steto mal? Te portarò fora la borsa del’aqua calda! Speteme che rivo subito! CHISCIOTA Che braa fiola che te ghè e che bona! (predicando) Vedo in giro inveze tute ‘ste butele che se mete ‘sti pizeti, ‘ste sotane tute ricamate, ‘sti capei, (esce Sorella Rosa dalla macelleria in mutande) e le strenze de soto e le cresse de sora par essar pissè bele… Guarda, (indica Sorella Rosa) can da la oia brusina … no ghe più religion! No saria mejo che le stese come el Signor ia fate? GUSTO I usei no i canta mejo sule piante, che serà su in dele gabie? CHISCIOTA E no l’è pissè belo un spinar salvadego de cao la scavezagna, che ‘na pianta castigà drento un vaseto? GUSTO O no la fa pissè late ‘na vaca molà in mezo un prà, che incadenà al'arbio dela stala? NORINA (uscendo dall’osteria, ironica) E no l’è mejo tegnar la boca sarà che parlar par gniente? Voialtri du me parì uno pissè beuo de chel’altro! Toh, to portà fora la borsa papà! Ciama se te serve del’altro… e arda che ga da vegner ‘na suora infermiera a visitarte… ciameme ‘pena che la riva! (Norina rientra in osteria) GUSTO Va ben Norina, va ben… CHISCIOTA Comunque sia Gusto, riciapando el cao del discorso, a mi le done le me piase assè cossita come che iè fate! GUSTO Anca mi! CHISCIOTA (predicando) E po’, no parlemo de ‘sti butei (fissando): i va in giro co’ le braghe sbreghè sul davanti e sul dedrio parchè ghe par de essar pissè fighi! Ma Lino no, l’è un brao butel! E i se sbusa le rece, el naso, el bigolo dela panza par tacarse un anel, can dal buso verto!.. GUSTO Te ghè reson Chissiota, mi penso che sbusar chel che no era mia sbusà no sia mia tanto san! Ah, che spira , che spira! CHISCIOTA Sarìa anca mejo, se no fusse par el fredo, che tuti i ‘ndese in giro cossita come che iè nati: nudi come el Signor el glià fati. Ma savìo mia voialtri che sarìa pissè belo vedar (maniaco, fissando) ‘na dona tuta nuda, pitosto che quacià con tute chele cotole, capei e capele…?. GUSTO Mi credo proprio de sì! CHISCIOTA Brao! E no saria gnianca bruto vedar un omo cossita, che almanco nissuni se sbagliaria a parlarghe insieme. Omini e done i se conossaria par quel che iè e sopratuto par come iè fati. Ghe né calchedun che ‘l par pissè omo de quel che l'è e inveze nol ghè gnianca de la metà… GUSTO Ah, Chisciota? CHISCIOTA Saghè? GUSTO Pipizòn, ravazòn, le campane de Bogolòn… CHISCIOTA Eh, eh, eh! Beh a là Gusto, te lo sè cossa dise el deto: magnar e gratar basta scominziar! E mi e ti semo apena al principio, eh, eh, eh!… SCENA 5 EL CADAVERE S. AMALIA (agitata, uscendo dal retro della macelleria, sistemandosi il vestito) Go ‘na sé brusina! Dasime da bea subito! Dasime da bea! Moro de sé! IDA (uscendo dall’osteria) Saghè da sbraiar? Ah, ela ela la monega che a ciamà me fiola? S. AMALIA Son mi! ‘Ndoelo el cadavere? IDA Qual cadavere? Me marì? S. AMALIA Sì lù! Sentemo el polso… oh, ma l’è ancora vivo!… (tenendo una mano finta) Ah! Ancora par poco! Dasime un fiasco! IDA Subito, sorela! (Ida entra in osteria) GUSTO No la staga co’ le mane in man, sorela! No la sarà vegnua par gniente? La me diga calcossa, par piaser! S. AMALIA Cossorlomai che ghe diga! (rimettendo la mano al suo posto) Mi lo zà visto un mal compagno! GUSTO Dal bon? Alora forse la savarà come farlo pasar… S. AMALIA Podarsi… GUSTO Par piaser, la faga calcossa, ghe darò tuto quel che la ol se la me le fa pasar! S. AMALIA Vedo chel capisse ancora calcossa in chela zuca piena de mioline smarze! GUSTO La me diga par piaser… S. AMALIA (visitandolo) Alo magnà calcossa de vecio impestà? GUSTO Sì! O magnà un fogazìn strià e subito me son sentio mal! Che la vecia petonega de là la ma tacà la rogna e la scarogna! S. AMALIA Pian! Che la vecia de là l’è na nostra cara sorela, che vien tute le matine presto a mesa prima … Nol staga più a dir ‘na roba compagna! Sta più farlo, ahn? (tre volte) GUSTO No, par carità del Signor! Però anca sta vecia la fa vegner… S. AMALIA Vao via! GUSTO Nooo, volea dir che la fa vegner… tanti sentimenti de bontà e misericordia…Son mi che son catìo e rustego… S. AMALIA Zà mejo! El me faga veda! (guardandolo nell’occhio) Quel che la fato star mal l’è stà un maiar ‘velenà! Un maiar velenà! Alo magnà par caso de la selvagina? GUSTO Sì, parchè? S. AMALIA Signor! L’è sta quela! Mama cara! GUSTO La selvagina del Quaia? Me par infin ‘mposibile! (esce Ida) IDA Eco el fiasco! S. AMALIA L’era ora! GUSTO Ah, Ida scolta… IDA Sì, lo so, lo so, pipizon ravazon… GUSTO Ma chè, sito ‘ndà de oco? Eto vanzà dela selvagina? IDA Sì, ma gheto ancora fame? GUSTO Portela fora tuta! Ahi che spira! IDA Va ben! (entra in osteria) S. AMALIA Ma che intenzioni galo? Nol vorà maiarghene ancora? GUSTO La tasa sorela… Che qua ghe né fin massa de gente che parla… ghe fao vedar che l’è vera…Ehi, ti, Chisciota, vien qua! Gheto fame? CHISCIOTA Sempre! GUSTO Te piase la selvagina? CHISCIOTA Assè! GUSTO Se te desse un bel piato pien de selvagina rostìa, cossa faresito? (arriva Ida con un piatto di selvaggina) CHISCIOTA Me la farìa ‘doso dal baticor! GUSTO Toh, maeghene fin che ti sì stufo! S. AMALIA Magna, Chisciota! CHISCIOTA Aah! Pi-pi-pi-pi-pipizon… (fa versi da matto e va via) GUSTO Alora l’era vera! La sorela monega la gà proprio reson! Quando che riva el Quaia ghe la fao pagar! S. AMALIA Ma no, fratelo…in fin dei conti l’era solo un velen da rati…speranze de vita zero! GUSTO Cossa? S. AMALIA Ma mi so ci pol guarirlo! GUSTO E ci? S. AMALIA La sorela manza che sta chi impeto… GUSTO Ci? La Imelda? La stria? Gnan par sogno… no beo mia chele sporcarie lì! Buuuh! (vomitando) Pitosto grato! S. AMALIA Nol sa mia lu chela dona lì, co le erbe la ghe sa far, la guario tuto el convento! GUSTO Aah, che spira, che spira! Go un ataco de gratarola! S. AMALIA Alora? GUSTO Va ben! S. AMALIA Imeldaaa! IMELDA Ci me ciama? Ecome! S. AMALIA Son mi, son Sorela Rosa! Se ricordela? Gavaresela mia un poca de chela roba desgropa-buele che la ghe da sempre al convento? IMELDA Caso a fato che ghe n’avese proprio ‘na botiglia in man! Ecola! (Ne beve un po’ e la passa ad Amalia) AMALIA Grazie! (Ne beve un po’ e lo fa trangugiare a Gusto) El bea, che l’è tuta salute! (Gusto ne beve) GUSTO Mama cara, l’è proprio vera! Che bon abocato! Ma l’ala fato proprio la Imelda? S. AMALIA Sì, l’a la fato ela. L’è proprio ‘na santa dona, era? GUSTO Beh, no poso mia dir de no, me sento zà mejo! S. AMALIA Eco, e l’è anca ora che el le finissa de criar co sta pora Imelda, sempre sospetoso che no l’è altro! Bisogna che el verza i oci e chel se le ciapa con ci ga velenà la selvagina! GUSTO Me sento proprio mejo! Quel Quaia là se lo rivedo lo impenisso de bote e lo mando al’inferno! S. AMALIA Se fuse par mi, ghe la daria subito la penitenza! Anca parchè dal’inferno no è mai vegnù deolta nissuni a dirme sel ghe! GUSTO Par no sbagliar, l’è meio darghela subito la penitenza! S. AMALIA Mi son esperta nele penitenze: el me scolta mi cossa far! Lu el fa finta de esar morto e dopo ghe penso mi… (arriva il Quaia con il cestino di selvaggina; lmelda lo ferma) SCENA 6 LA FINE IMELDA (scorgendo Quaia in lontananza) L’è rivà! L’è rivà! S. AMALIA Mori! Mori! IMELDA (andandogli incontro) Quaia, Quaia, ‘scolta! QUAIA Cossa? IMELDA La quaia pelosa! QUAIA ‘Ndoela, ‘ndoela? (Imelda mette il veleno per topi nel cestino di Quaia) IMELDA Bela pasà! QUAIA Cissà cossa te visto! S. AMALIA (grido di dolore) Aaaah! L’è morto! Son sempre i migliori che se ne vanno! Si stava meglio quando si stava peggio! El par chel parla! IDA ‘Sa è suceso? Maria de Magdala, elo morto? S. AMALIA Iiio ccc…credo risorgerà! QUAIA Vaca cane! E’ morto Gusto? Me toca ‘ndar al funeral? S. AMALIA Quaia, te vegnarè a confesarte schifosissimo! QUAIA Par cossa? Vegnarò a Nadal! Ma cossa ghe suceso? S. AMALIA El poro Gusto el savea che te ghe proai co’ so moer, ma ela no la mai ceduo. Ti alora par averghela tuta par ti, te pensà ben de far fora so marì! QUAIA Ma ela tuta mata, monega dal’ostrega? S. AMALIA E sta morte prematura la me spuza tanto! (apre il cestello di Quaia e trova il veleno per topi) E questo, Quaia, coss’elo? Sa ghe falo el velen da rati in mezo ala to selvagina? Ahn? QUAIA Ma… velen… da rati… in mezo la me selvagina? Ma da ‘ndo venlo? GUSTO Aaah! (Si risveglia dalla morte apparente; si spaventano tutti) Te si sta ti, cancaro, slandron! (prende lo schioppo e lo punta contro Quaia) Stà fermo che ciapo la mira! (Quaia scappa inseguito da Gusto) NORINA (esce Norina) Mama cossa galo el papà? IDA To papà l’è resusità! L’a verto i oci e anca massa! E adeso go paura chel faga ‘na matada! Parchè cara la me fiola tu pà l’è sta velenà dal Quaia e no dala Imelda e gnianca da Lino! NORINA Lino! Poarin! Me parea infin imposibile che fuse sta lù a velenar miupà! LINO (Lino ritorna dal bosco) Norina! NORINA Lino! IMELDA Lino! LINO Me son perso tra un trimo un zimo, ‘na scavezagna ‘na scarpà, ma ala fine son rivà! GUSTO (rientrando in scena) Fermete cazador dal’ostrega che te imbalino! LINO Go da dirghe ‘na roba urgente, Gusto! GUSTO So za tuto! Tasi adeso, go da far un mestier! LINO (deciso; Gusto si ferma) No adeso parlo mi e lu el scolta! Son ‘nda nel bosco scuro par coparme de sicuro; tra ‘na cana e un canal me son fato quasi mal! Ma ‘na fada dela cana la ma dito “Torna ala to tana”! La ma salvà e la ma dito tuta la verità… e adeso ghe la digo… Mi gavea da dirghe cheee… che no son mia sta mi, né me mare… né mi né me mare, ma… L’è sta me sorela chela pissè bela! GUSTO (verso Lino) To sorela? Chela pissè bela? Ma teto fato ‘na cana? Ma se i le sa tuti che to sorela l’è bruta come la fame! Eh, eh, eh! S. AMALIA No ghe proprio gniente da rida! Salo mai guardà lu ‘na calche olta al spejo? GUSTO A ela monega no ga da interesarghe proprio gniente! A ogni modo, mi go da dirte ‘na roba Lino: ghe lo sempre avua con ti e la to famea, ma sta malatia e tuti sti pioci i ma verto i oci; o capio che te ghe vol ben dal bon a me fiola e ci a fato el furbo nol se merita mia na bela fiora compagna! Par questo te perdono e te lasso ‘ndar co’ me fiola! NORINA Oh, Lino! LINO Norina! (si abbracciano) S. AMALIA Non salo mia desmentegà calcoss’altro? GUSTO Calcossa? Ahn, sì, l’è vera…ela Imelda la porta pazienza se o pensà mal de ela! A olte pensar mal, el porta mal! IMELDA El se figura! S. AMALIA So sorela de Lino la ma dito de perdonarla se no la ghe mia qua co’ noialtri e la ma dito de portarghe questo… l’era proprio l’ultimo salado! GUSTO Che bel salado! A femo subito un risoto par tuti! E ghe zonto anca el bea! CHISCIOTA (rientrando di colpo) Mi porto la fame! LINORINA Noialtri vivemo d’amor! QUAIA (rientrando di colpo) Sa disio de ‘na quaia pelosa senza pelo? S. AMALIA (levandosi la cuffia da suora) Mi farìa un bel gato moro ala vesentina! IDA E ela, Imelda, cossa portela? IMELDA Mi porto la torta… (pausa) un bel fogazìn che sa da ranzìn! TUTTI Zìn, Zìn, Zìn, eh, eh, eh!
FINE DE LA COMEDIA


Vedi anche:
 (Oggi -> Gruppi e Associazioni) "Compagnia teatrale 'Otomai... Teatro!"

Torna indietro

Copyright © 2002 Credits. Tutti i diritti sono riservati.