verona
domenica, 19 novembre 2017
Cerca          cerca documenti
 OggiOggi  NotizieNotizie  StoriaStoria    Archivio Archivio  GRUPPO SPORTIVOGRUPPO SPORTIVO  FotoFoto  ChatChat  <font color=red>Caselle</font>Caselle
Archivio

Documenti Documenti
Manuale per la Chiesa di S.Giorgio martire di Tarmassia 1870 Manuale per la Chiesa di S.Giorgio martire di Tarmassia 1870
Visite pastorali Visite pastorali
Testamenti Testamenti
Archivio Parrocchiale Archivio Parrocchiale
Libri Libri
Giornali Giornali
Giornali 2 Giornali 2
Filastrocche Filastrocche
Cartografia 2 Cartografia 2
alberi genealogici alberi genealogici
Racconti, leggende Racconti, leggende
Archeologia Archeologia
Cartografia Cartografia
Poesia, Teatro Poesia, Teatro
Glossario Glossario
Dei Vicariati di Talmassia e Campolongo Dei Vicariati di Talmassia e Campolongo
Delibere di Giunta Delibere di Giunta
Siti web Siti web

Ultime dal muro...
muro Foto Tarmassia Calcio 1999-2000
di F.G. - 17:55 (09/01/2017)
Buonasera, sto cercando foto relative al Tarmassia calcio della stagione 1999-2000 o forse 1998-99. L'annata dei ragazzi era 1989 categoria pulcini. Sarei grato a chi me le inviasse. a: info@tarmassia.it Cordiali saluti.
muro wipiyior
di Johne52 - 09:55 (27/09/2016)
Wow! This could be one particular of the most useful blogs We've ever arrive across on this subject. Actually Excellent. I'm also an expert in this topic so I can understand your hard work. fegdbdagfdeb
muro SOS foto sagra
di Stefano - 22:09 (29/06/2016)
Stiamo cercando foto della sagra di Tarmassia (anni '60-'70-'80-'90) per una mostra a settembre. Saremo grati a chi ce le inviasse a: info@tarmassia.it. Grazie!
archivio storico Scrivi sul muro!
Utenti collegati
Stanno visitando il sito 67 utenti
tarmassia.it

Atto unico (inedito)

CI NO GA' OCI GA' ZENOCI

Compagnia Teatrale 'Otomai... Teatro!

CI NO GA' OCI GA' ZENOCI


L'atto unico che segue è un inedito mai portato in scena, scritto da S.Gobbi per la compagnia teatrale 'Otomai... Teatro! nel 2001.
Ci NO’ Ga‘ 0Ci GA‘ ZENOCi A t t o u n i c o I personaggi e le storie Davanti ad un supermercato; al centro, la statua di un santo. T E N C A immigrato clandestino di nazionalità albanese; ancora traumatizzato dal viaggio su gommone avvenuto in solitaria dieci anni fa, per colpa di un difetto della bussola, anziché sbarcare sulle coste della Puglia, risalì tutto l’Adriatico, il Po, il Tartaro, fino a schiantarsi, a causa un banco di nebbia, presso la Torre Scaligera dove perse del tutto la vista. I primi tempi, per guadagnare qualcosa, faceva prostituire il suo cane sul marciapiede nuovo della Doltra. Indossa capi ed indumenti a caso. Guardato con un po’ di sospetto e un po’ di compassione dalla gente del posto, viene soprannominato “Tenca”, ma lui dice di non capire e anzi sostiene che “ci ama dispreza”. Perfettamente integrato, ha imparato, con giusta soddisfazione, la tradizionale parlata in “dialeto s-cieto”. R O S C O barbone nostrano paralitico e un po’ “di tendenza”; lavorò vent’anni presso il supermercato davanti al quale chiede ora la carità; scoperto con le mani nel sacchetto ad aprire tutte le confezioni di merendine per prelevarne i regali, fu trasferito in punizione al reparto macelleria per testare dal vivo la carne bovina nel periodo più contagioso di mucca pazza. Manifestando gravi sintomi demenziali (già presenti, del resto, in età adolescenziale) e precipitando vertiginosamente le vendite, il reparto fu sequestrato dai caramboni e messo in quarantena con lui dentro; trascorsi sei mesi fu rilasciato e fu prestato per un breve periodo di tempo ad una equipe di ex-ricercatori nazisti e poi ad un circo equestre marocchino. Perduto il lavoro e la capacità motoria nelle gambe per un incidente presso il circo dove lavorava, il direttore del supermercato, con uno slancio umanitario, gli donò un carrello usato della spesa per potersi spostare insieme ad un bonus illimitato da spendere presso un qualsiasi bancone di carne bovina. Il suo guardaroba è costituito dal magazzino imballaggi e confezioni del supermercato. S A N G I U À N D A L A B R O C A D E V E R O I N M A N monumento di una fede ormai scomparsa in un’età cinica e progressivista, il santo, locale e periferico, è confuso con un distributore automatico di miracoli guasto. Attorno a lui s’addensano la miserabilità dei barboni e la pietà opportunistica dei consumatori dai carrelli ricolmi. Offeso e frustrato, si prende, a caso, rivincite di Pirro. I fari illuminano la statua; poi, alternativamente in base al dialogo, le zone distinte del palco occupate dai due mendicanti alle estremità opposte del palcoscenico; TENCA Oh, zente de cor, se ve restà ‘na s-cianta de cor, dasìme ‘na man, butè l’ocio da ‘sta banda, fasime la carità che me crompo un par de ociai noi; fasime la carità, ve prego, a mi che son pitoco marzo e orbo de du oci; e manco mal che no poso vardarme al spejo che se no me farìa depecà assè e assè a vedarme ridoto a ‘sti passi che me vegnarìa la peldoca su tuti i peli de la panza e de la carezà! (scivola) Ahii! (immobile) ROSCO Giutème, giutème, bona zente, fasìme la carità, par carità, a mi che ghe no tanto de bisogno! Poco, no voi tanto, dasime calcossa, me contento anca de ‘na cossa… fasime la carità a mi che son cunzà in ‘sti stati che se me vardo le ponte dei piè… me sento ‘na scosa de sgrisoloni che me rampega su par la schena e me se informigola anca la zuca piena de mioline smarze… che orìa scapar a gambe levè, se no fuse che son zopo storpià de tute e do le gambe e no poso ‘ndar a spaso, se no fuse par el me poro carelìn… (immobile) TENCA No poso ‘ndar in giro che scapuzo col grugno in tuti i cantoni e scornoci, pori i me oci…. (immobile) ROSCO No so bon de trarme ja da sta via, parche me sa sciopà le rue del me poro carelìn, e i le sa tuti che (come dise el dito) “a ‘ndar se leca ma a star se seca”! (immobile) TENCA A gavea un brao cagnazzo mi, ma brao dal bon, che ‘l me portava a spasso… Me parea de esar un siorazzo! E che razza! A medigo che l’era un can pastor parchè ogni olta che me cuciava a far la pegoreta lu el me vegnea par de drio a smoltonarme… Bruto luamaro, no che un giorno a l’è scapa ja drio ‘na cagna in calor… Almanco credo che sia stà ‘na femena, che mi de sicuro no poso vedar la bestia, figuremose el seso!… Al podaria esar stà anca un can porzel invizià mas-cio o pezo ancora un gato smorfioso che ‘l ga tolto olta al me cagnasso! (immobile) ROSCO (piange) No ghe nissuni che ga quatro rue da prestarme par el me poro carelìn? Signor, fame la grazia d’averghe quatro rue tonde e bele gonfie come le tete de chela là! TENCA Indoe, indoe, indoe? (si accende tutta la scena) ROSCO (ridacchia) Eco, la tenca la magnà el zentanìn! Cossa oto, tenca… no te vedi che te si tuto ziapo? Aria, va ja da qua! TENCA Ci sito ti? ROSCO Lasseme chieto che no son de estro! TENCA Sito quel che ‘ol le tete tonde come le rue del Signor? ROSCO No, son quel ghe ol le gambe longhe par darte tante pezatè! Bauco, son quel storpià - zopo de tute e do le gambe e in più co’ le rue s-ciopè! TENCA Ahn, gheto anca le rue? Ven qua darente a mi, ven de qua che vedarò mi de giutarte! …Beh, no che vedarò, parchè al saria un miracolo… ma, dai, ven qua che vedemo! ROSCO Eh, magari! Sia maledette tutte le rue e le ruele de ‘sto mondo: che le deventese squadrè, lore e anca el mondo! TENCA E pensar che ghe metarìa un secondo a cargarte su le spale, senza rue e carelìn, e te portaria a spasso! TENCA A spasso? ROSCO Sì! De du che semo se trasformaremo in una sola creatura, un anima sola e un corpo solo come dise el Signor!… ‘na creadura con do gambe, du oci, quatro brazeti, e du bei stomegheti che fa par diese! ROSCO (ironico) No ‘o mia capio: me toca maridarte? TENCA Ma no te capio ‘na maza: voi dir che mi ‘ndarìa co’ i to oci de ti e ti co’ le me gambe de mi! Eto capio? ROSCO (ironico) Ah, che colpo de zuca fina! Te ghe d’averghe un zervel pien de rue e ruele ti: ma pensa, el Signor el ma fato la grazia de imprestarme le rue del to zervel par farme ‘ndar ancora in giro a zercar la carità! TENCA Seghita a patanar che me orizonto! Va ben de qua? ROSCO Sì, sì, va tranquilo che te si su la carezà giusta! TENCA Par no cascar l’è mejo che me buta a gatogneo! Oh, vao sempre drito? ROSCO Sì, sì sempre drito! Gira un poco in zà… pian, frena e va indriocul… bon, meti in prima e daghe a maneta, tira… indriza, indriza, meti la frecia… bon, ven qua adeso! TENCA Oh, a che no son mia un gomòn! Slongheme un brazo, pitosto, quando che son vizzin! ROSCO Te slongo tuto chel che te ol, caro dal Signor, basta che te vegni! Dai, caro, vien, vien qua, che te speto! No… fermo, ‘cramento! No sta ‘ndar zo nela cuneta, ‘cranon! Indriza, indriza.. oh, eco el me gomon tuto ingripà! Ven qua da mi! TENCA Oh, tonti catà, sito ti? ROSCO Ma sì che son mi, lassa che te struca! Fame veda i to bei oceti… TENCA Ah, ma sito ti ti? Ah, come me godo, no ghe stao più nele braghe dala contenteza! Ven qua dai che te cargo, dai qua ven de drio de mi, dai monta su! ROSCO Si, si monto monto! Si però girete, sta baso co’ la schena! Metete in cul busòn! TENCA No sta farme mal! ROSCO Machè mal! Sito pronto, vegno? O-issa, ghe son ! TENCA No sta sburtar co i zenoci sule maniglie del’amor! ROSCO Porta pazienza l’è la prima olta che monto un orbo, no so mia bituà! Oh, no sta mia rebaltarme par tera, era? TENCA No sta a-agitarte! Te tegnarò da conto come te fussi un saco pien de saladi! Ti fa pulito inveze, dame l’orientamento… che no te me fai pestar le merde de can, ahn? ROSCO (cominciano a girare per la scena) Gheto mia un par de cinghioi da tacarte a la boca?… TENCA Oh, arda che no son mia un musso! (corrono per la scena) ROSCO Tu-tu-tu museta, la mama ven da mesa, co le tetine piene, par darghe a le so butine… TENCA O sentìo na ruza!… ROSCO Camina, camina, va de longo e tasi… che te brusi el fià! Sta machina la cioca dapartuto… gheto mia un poco de sprai par despanarme i veri? TENCA Oh, arda che no ‘ndemo a inzucarse… che no voi mia sfrisar la carosseria… che la machina l’è noa de balìn! ROSCO Noa de ghianda? Ma se lè tuta scozolà, e po, la smoltona dapartuto… par mi i ta inculà! TENCA Bestia, che peso che te sì! Te sì massa peso! Son infin selenghìo! ROSCO Peso mi? Ma se son lezzero come la pena d’oca! TENCA Si, ‘na pena de piombo, che se te buto par tera a te fe un buso che cato l’aqua bona! Asantosignor, eto magnà un quintal de fero a colazion? ROSCO A te sì tuto mato ti! A lè du giorni che no majo! TENCA Sarà vera, ma l’è tri mesi che no te ve de corpo! Senti che spuza! ROSCO Che me vegnese un azidente se no l’è vera: l’è apena siè giorni che no vao de corpo! TENCA Siè giorni? Du pasti al giorno i fa dodese coperti… San Gerolamo ipopotamo, che ta benedio, a son drio portarme in giro un magazin de scorie par un ano intiero de carestie! A me despiase, ma mi te descargo chi e te me fe el sacrosanto piaser de ‘ndar a scaricar l’imagazinamento ilegale! Ma sentito mia calcossa? ROSCO Sì, … sento … sta zo! Ghe na mandria de muche paze… No ghe più nissuni che je monze…. Iè catie come dele bestie! TENCA Ma va, l’è la caristia che te fa sparlar! A sento calcossa qua de drio… ‘Cranòn, cossela sta roba? A signor! (lo zoppo ha “scaricato” sulla schiena di Tenca) Cosseto fato, desgrazia, Cossela sta roba? Teto scaricà sula me goba? ‘indo sito che te mazo? (arrabbiato, cerca di prendere lo zoppo) ROSCO Oh, no sta tortela… A starte in coparela, co le gambe verte e ti su e zo… su e zo… no ghe la fasea più…! Me sa desmolà el deretano! (il cieco cerca di prendere lo zoppo) TENCA Speta che te ciapo… ROSCO La podaria portarte fortuna… te podaressi anca magari… riciapar la vista! TENCA Ti te ciapi e basta! Se te ciapo (correndo sbatte contro la statua e cade per terra) Ahi! Coss’ela sta roba? ROSCO (ride ) L’è un santo! TENCA Che santo? ROSCO Un santo protetor dei zopi! TENCA L’è un santo duro assè… (si tocca la parte contusa) ROSCO I le ciama San Giuan da la broca de vero in man… TENCA San Giuan, e ci sareselo? ROSCO Come ci l’è, pampano!… L’è el santo pissè santo che ghe sia… i ven da tuti i supermercati e le boteghe dela zona par domandarghe la grazia de na sporta… i dise che ‘l fa robe da no credar… el guarise tuto, le malatie pezo che ghe sia al mondo: el morbìn, el sistema nervoso, i virus del computer, el giusta anca le lavatrici… basta macarlo in chel posto, che lù el te scolta… TENCA Toh, cancaro! (Tenca dà un pestone allo zoppo) ROSCO Ahi! Tanto son insensibile… no poso gnianca verghe fioi! TENCA Toh, alora, cossita te impari a scaricarte su la me goba! ROSCO Ma no lo mia fato aposta! Senti che mal! Tanto son insensibile, no poso gnianca verghe fioi! Beh, l’è mejo che ‘ndemo ja da qua… TENCA E parchè? ROSCO Eeh, parchè, mi no son superstizioso, ma no me fido mia de sto santo! Se par sbaglio el ne fa la grazia de guarirne e devenar sani, a la sarìa ‘na desgrazia pissè grossa de chela che ghemo!… Penseghe un s-ciantìn, ti che te ghe tante ruele: ne tocarìà tor su un laoro e mi de laorar no voi gnianca saverghene! TENCA Pensa se fusse vera! ROSCO Ma te ‘nda de oco el zervel? Meti el caso che te ven miracolà: te tocarà morir de fame de sicuro! E alora sì che te fato un bel’afar: te ciapi la vista anco’ e doman te si belo patìo, seco e s-cinco ne la casa da morto! Bel’afar! TENCA Mama cara, me ven el sudor solo a pensarghe! ROSCO “Va a laorar, delinquente”, i te dirà, “brazi ciavadi ala galera, va a sgobar”! E ti, dopo tri giorni te tiri un cioco! TENCA Scapemo, ‘ndemo ja da sto santo miracoloso, che mi pitosto voi morir! Oh, mama, scapemo de corsa, tachete a le me rece, ‘ndo sito, e scapemo ja distante! ‘Ndemo ja! ROSCO Sta calmo, mato, che no te me dereni! TENCA Oh, te prego, salveme! ROSCO Ma l’è ‘na statua de piera, bauco, no la te salta mia ‘doso! TENCA Beh, l’è mejo che scapemo ja… (casualmente il cieco si appoggia e tocca la statua nelle parti intime) Meti, se par caso dal’agitazion magari lo toco nel posto che no va mia ben, sero i oci (mi ghe i ‘o sempre serè), penso un desiderio… magari, no so, ghe domando che ti te camini co’ le gambe de ti e mi veda co’ i me oci de mi: el santo dispetoso el podaria farne el miracolo! E alora salvete popolo! ROSCO Ma figurete, no te vedi che l’è un toco de piera incozìa… e fata anca mal! (agitato) Fermo, cossa feto? Va ja! (lo storpio cerca di cacciare Tenca ma è impedito) TENCA Parchè? ROSCO Parchè te seri in vià tocar el santo proprio nel posto che no va mia ben! Varda indo che te meti le zate st’altra olta! TENCA E no che poso vardar! … Magari! A mi a son orbo e no poso vedarme le mane! Come no poso? Oh! (il cieco riacquista la vista) Sì che poso vedar…a je vedo! Me vedo le mane, oh che bele do mane che go! Sante e benedete… e con tuti i so diei… quanti? Zinque par man… e con ongie grose e picenine in gradazion tute in fila, oh da basarve tute una par una! Oh, manina bela, fata a penea, ‘ndo sito ‘ndà?, da la mama dal papà?, cossa t’ai dà? pan-vin-late, gate-gate-gate! ROSCO ‘Cranon! Ma come, cosseto fato?!… desgrazià, sito guario? Eco, el ta fato la grazia: te l’avea dito de no tocarlo….se podese darte un pezaton… (spuntano le gambe allo storpio) Toh! (da una pedata al cieco) TENCA Oh che meraveja… (il cieco, estasiato, non sente le pedate) Vedo anca el ciel… le pasare… e le done!.. che bele le done, beh, no tute… arda chela là… e che lalaà… (le descrive) ROSCO Ma sonti sta mi a darte un pezaton? Peta che proa n’altra olta.. toh! (da una pedata al cieco) TENCA Che maraveja! Sia benedeto sto san Giuan che ‘l ghe la in man dal restel che ‘l ma guarìo! Vedo chel che no ‘o mai visto in vita mia! E pensar che volea scapar ja! Che giorno fortunà! ROSCO Oh, poareto mi che tocarà ‘ndar soto paron a sudar sangue per magnar… Maledeto el giorno che to catà… son sassinà! Toh! (da una pedata al cieco) TENCA Che maraveja! ROSCO Chel se le porta ja el diaolo lu e tuti chei compagni de lu… Me tocarà morir de buele ude… me magnaria anca ‘ste gambe bone crue come che iè, par farghe un dispeto! Toh! (da una pedata al cieco) TENCA Che maraveja! Mato sera a scapar ja, no vedo l’ora che vegna sera par ‘ndar a l’ostaria a vedar el vin! Sia benedeto el signor! ROSCO Coro a vedar se cato n’altro santo che el me faga zopo n’altra olta! (al santo) Toh, degrazia! (da una pedata al cieco, che esce di scena) TENCA Che maraveja! (esce di scena) ROSCO L’è proprio vera: la fortuna l’è orba ma la sfiga la ghe vede assè! STATUA (la statua, con un gesto di soddisfazione, lo manda in malora) (lo zoppo, a bocca aperta, resta di sasso)(si spengono le luci) FINE DELL’ATTO


Vedi anche:
 (Oggi -> Gruppi e Associazioni) "Compagnia teatrale 'Otomai... Teatro!"

Torna indietro

Copyright © 2002 Credits. Tutti i diritti sono riservati.