verona
lunedì, 20 novembre 2017
Cerca          cerca documenti
 OggiOggi  NotizieNotizie  StoriaStoria    Archivio Archivio  GRUPPO SPORTIVOGRUPPO SPORTIVO  FotoFoto  ChatChat  <font color=red>Caselle</font>Caselle
Archivio

Documenti Documenti
Manuale per la Chiesa di S.Giorgio martire di Tarmassia 1870 Manuale per la Chiesa di S.Giorgio martire di Tarmassia 1870
Visite pastorali Visite pastorali
Testamenti Testamenti
Archivio Parrocchiale Archivio Parrocchiale
Libri Libri
Giornali Giornali
Giornali 2 Giornali 2
Filastrocche Filastrocche
Cartografia 2 Cartografia 2
alberi genealogici alberi genealogici
Racconti, leggende Racconti, leggende
Archeologia Archeologia
Cartografia Cartografia
Poesia, Teatro Poesia, Teatro
Glossario Glossario
Dei Vicariati di Talmassia e Campolongo Dei Vicariati di Talmassia e Campolongo
Delibere di Giunta Delibere di Giunta
Siti web Siti web

Ultime dal muro...
muro Foto Tarmassia Calcio 1999-2000
di F.G. - 17:55 (09/01/2017)
Buonasera, sto cercando foto relative al Tarmassia calcio della stagione 1999-2000 o forse 1998-99. L'annata dei ragazzi era 1989 categoria pulcini. Sarei grato a chi me le inviasse. a: info@tarmassia.it Cordiali saluti.
muro wipiyior
di Johne52 - 09:55 (27/09/2016)
Wow! This could be one particular of the most useful blogs We've ever arrive across on this subject. Actually Excellent. I'm also an expert in this topic so I can understand your hard work. fegdbdagfdeb
muro SOS foto sagra
di Stefano - 22:09 (29/06/2016)
Stiamo cercando foto della sagra di Tarmassia (anni '60-'70-'80-'90) per una mostra a settembre. Saremo grati a chi ce le inviasse a: info@tarmassia.it. Grazie!
archivio storico Scrivi sul muro!
Utenti collegati
Stanno visitando il sito 17 utenti
tarmassia.it

Assetto agrario e tipologie insediative

2002 - L'organizzazione del territorio isolano

Federico Biondani

2002 - L'organizzazione del territorio isolano

Nel territorio isolano, a differenza che in altre aree dell'agro veronese, non sono state individuate sicure tracce di centuriazione, vale a dire di un regolare disegno agrario secondo uno schema a reticolo; va detto tuttavia che un approfondito studio sull'argomento non è ancora stato effettuato. La documentazione archeologica, pur essendo legata a rinvenimenti fortuiti o a ricerche di superficie, testimonia in ogni caso un denso e capillare popolamento che sembra concentrarsi lungo la direttrice Tartaro - Claudia Augusta e nelle aree dossive situate nella parte orientale del comune.
(omissis)
Se rimane incerta l'esistenza di un vicus presso l'odierno centro di Isola, i ritrovamenti effettuati nel territorio (singole iscrizioni, piccoli nuclei di tombe, tracce di edifici) testimoniano invece un popolamento sparso caratterizzato dalla presenza di insediamenti isolati. I reperti risalgono per lo più alla prima età imperiale; in qualche caso tuttavia attestano una frequentazione fino ad epoca tardoantica. Alcuni insediamenti si configurano come ville urbano-rustiche, il tipo di abitazione più comune in tutta la campagna veneta. Queste ville dovevano essere al centro di aziende di non vastissime dimensioni, nelle quali all'attività agricola si dovevano affiancare attività artigianali come la lavorazione dei laterizi, sicuramente attestata, per esempio, in una villa scoperta nella vicina Fagnano. Nei pressi di Isola poteva forse essere ubicata l'officina dei laterizi bollati C.AT.GAV documentati solamente a Caselle d'Isola, per i quali il Buchi propone lo scioglimento C(ai) At(ti?) Gav(iani?)(7).
Queste abitazioni erano costituite da un settore legato alla produzione agricola e da un quartiere residenziale abbellito da pavimenti musivi, intonaci parietali dipinti, marmi di rivestimento, ecc. Nel territorio di Isola elementi riferibli a ville di questo tipo sono stati rinvenuti nel corso di ricognizioni di superficie in località Falceri (quindi nei pressi della Claudia Augusta), in due aree dossive presso Casalbergo e Tarmassia e in località San Gabriele.
(omissis)
A Tarmassia in località Campolongo/Dossi si sono recuperati frammenti di laterizi, tesser musive e frammenti ceramici (10).
L'esistenza di altri insediamenti sparsi nel territorio isolano è poi testimoniata dai numerosi ritrovamenti funerari e dai materiali laterizi affioranti in diversi siti, che non sappiamo tuttavia se vadano riferiti a semplici abitazioni rurali o a ville dotate di quartieri residenziali di tipo "urbano". Affioramenti di laterizi, oltre che presso la chiesa della Bastia, si sono notati nel secolo scorso a Cà Nova e nel corso di recenti ricognizioni di superficie presso Vò Pindemonte, a Tarmassia in località Prà Longo, presso la corte Ponte Rosso, in località il Bosco e in località Mandello (16).
(omissis)
Con la fine del IV secolo la documentazione archeologica cessa; è probabile quindi che in questo periodo molti insediamenti rurali siano stati abbandonati, fenomento che si può riscontrare nel resto della pianura veronese e in altre aree del territorio padano. Al fitto insediamento di età romana segue quindi una lunga fase in cui la campagna non più coltivata torna ad essere ricoperta di boschi, mentre i fiumi, privi ormai di qualsiasi manutenzione e controllo, tornano ad invadere le aree più depresse dando vita ad ampie zone paludose.


Federico Biondani
"Isola della Scala. Territorio e società rurale nella media pianura veronese", a cura di Bruno Chiappa, Comune di Isola della Scala, 2002, pagg. 30-31-32.
(P.S.: le sottolineature e le evidenziazioni in colore sono a cura di ToL)


Vedi anche:
 (Archivio -> Glossario) "Remo"

Torna indietro

Copyright © 2002 Credits. Tutti i diritti sono riservati.